De Luca & Partners – Si configura lo straining quando gli episodi vessatori mancano di continuità e di un intento persecutorio da parte del datore di lavoro

Di Avv. De Luca e Avv. Cairoli

Con l’ordinanza 32020/2022, pubblicata il 28 ottobre 2022, la Corte di Cassazione, IV sezione civile, si è espressa circa i tratti distintivi che differenziano lo straining dal mobbing.

La vicenda processuale trae origine dal ricorso presentato dinanzi al Tribunale di Paola da una dipendente comunale che lamentava di essere stata destinataria di condotte persecutorie da parte dell’ente datoriale e di aver subito un demansionamento in virtù della revoca del suo incarico di responsabile, assegnato ad altro dipendente, con conseguente domanda di condanna del datore di lavoro al risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale patito.

Le domande della ricorrente venivano respinte sia nel primo che nel secondo grado di giudizio, in quanto, secondo la corte territoriale, la revoca dell’incarico della lavoratrice era conseguita ad una riorganizzazione dell’ente e dei relativi responsabili e, in ogni caso, la ricorrente non aveva allegato né provato la sussistenza di un intento persecutorio del datore di lavoro nei suoi confronti.

La lavoratrice ricorreva dunque per la cassazione della sentenza, adducendo tra gli altri motivi di ricorso, l’apparenza e l’incomprensibilità della motivazione, in quanto la Corte territoriale avrebbe ignorato che il datore di lavoro l’avrebbe sottoposta ad una lenta erosione del suo mansionario e che le sarebbero stati rivolti epiteti ingiuriosi. La prova degli elementi costitutivi del mobbing, secondo la lavoratrice, sarebbe
stata ricavabile anche applicando il ragionamento presuntivo.

Secondo la lavoratrice inoltre, la corte territoriale avrebbe dovuto comunque riconoscere, pur negando la ricorrenza di un’ipotesi di mobbing, la sussistenza di una condotta di sostanziale esautoramento di essa
ricorrente dalle sue mansioni, con conseguente onere del giudice di appello, esclusa la presenza di un intento persecutorio, di valutare se, in base agli elementi dedotti, altre circostanze consentissero di risalire in via presuntiva al fatto ignoto della presenza di un più tenue danno, come quello dipeso dallo straining.

Nel rigettare il ricorso della lavoratrice, la Corte di Cassazione, con l’ordinanza in commento, coglie l’occasione per ricostruire la giurisprudenza di legittimità in materia di mobbing e straining.

Per ciò che concerne lo straining, gli ermellini rimarcano che, ai sensi dell’art. 2087 c.c., norma di chiusura del sistema antinfortunistico e suscettibile di interpretazione estensiva in ragione del rilievo costituzionale del diritto alla salute, il datore è tenuto ad astenersi da iniziative che possano ledere i diritti fondamentali del dipendente mediante l’adozione di condizioni lavorative “stressogene” (c.d. straining).

Pertanto, il giudice del merito, pur se accerti l’insussistenza di un intento persecutorio idoneo ad unificare gli episodi in modo da potersi configurare una condotta di mobbing, è tenuto a valutare se, dagli elementi dedotti – per caratteristiche, gravità, frustrazione personale o professionale, altre circostanze del caso concreto – possa presuntivamente risalirsi al fatto ignoto dell’esistenza di questo più tenue danno (Cass., Sez. L, n. 3291 del 19 febbraio 2016).

Inoltre, proseguono gli ermellini, la giurisprudenza di legittimità ammette che il fenomeno dello straining, costituendo una forma attenuata di mobbing, cui difetta la continuità delle azioni vessatorie, possa essere prospettato solo in appello se, nel ricorso di primo grado, gli stessi fatti erano stati allegati e qualificati come mobbing (Cass., Sez. L, n. 18164 del 10 luglio 2018).

Pertanto, secondo l’ordinanza in commento, in astratto, la corte territoriale avrebbe potuto accertare il verificarsi dello straining in luogo del mobbing. Nella specie, però, la Corte d’appello di Catanzaro, a prescindere da ogni considerazione in ordine all’intento persecutorio, ha escluso anche l’illegittimità delle condotte che, secondo la prospettazione della lavoratrice, avrebbero integrato l’elemento oggettivo
dell’illecito contestato.

Infine, l’ordinanza in commento sottolinea come, per la giurisprudenza di legittimità, il c.d. straining è ravvisabile quando il datore di lavoro adotti iniziative che possano ledere i diritti fondamentali del dipendente mediante condizioni lavorative “stressogene” e non ove la situazione di amarezza, determinata ed inasprita dal cambio della posizione lavorativa, sia determinata dai processi di riorganizzazione e ristrutturazione che abbiano coinvolto l’intera azienda (Cass., Sez. L, n. 2676 del 4 febbraio 2021).

Alla luce delle considerazioni sopra esposte, la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso proposto dalla lavoratrice.

El nuevo Código de Crisis Empresarial e Insolvencia en Italia

A cura dello Studio Pavia e Ansaldo, Silvia Galbusera

El pasado 15 de julio de 2022, entró en vigor el nuevo Código de Crisis e Insolvencia (Decreto Legislativo nº 14, de 12 de enero de 2019), que sustituye la Ley Concursal italiana (Real Decreto nº 267, de 16 de marzo de 1942), y traspone los principios de la Directiva de la UE 2019/1023 sobre marcos de reestructuración preventiva, exoneración de deudas e inhabilitaciones, y sobre medidas para aumentar la eficiencia de los procedimientos de reestructuración, insolvencia y exoneración de deudas, por la que se modifica la Directiva (UE) 2017/1132.

El nuevo texto del código, unifica en un único cuerpo legal la normativa relativa a la regulación del estado de crisis e insolvencia de todo tipo de deudores, aplicándose no sólo a los empresarios comerciales, sino también a consumidores y deudores civiles.

En efecto, el artículo 1 del nuevo Código establece expresamente que el mismo regula las situaciones de crisis o insolvencia de los deudores, ya sean consumidores, profesionales o empresarios que ejercen una actividad comercial, artesanal o agraria, aunque carecen de ánimo de lucro y que operan como personas físicas, personas jurídicas u otros entes colectivos, grupos de empresas o sociedades públicas, exceptuando
al Estado y a las entidades públicas.

Por otro lado, se establece una nueva definición de ”crisis”, delineada como el estado del deudor que hace probable la insolvencia y se manifiesta por la inadecuación de los flujos de caja previstos para cumplir con las obligaciones en los doce meses siguientes.

Entre los aspectos más innovadores de la nueva legislación, se encuentra la introducción de obligaciones de salvaguardia destinadas a detectar las crisis empresariales y promover la adopción de instrumentos de apoyo a los procesos de reestructuración en una fase temprana.

El artículo 3 del nuevo Código (en combinación con el art. 2086 del Código Civil), en efecto, contiene una serie de normas relativas al establecimiento por parte del empresario de una estructura organizativa, administrativa y contable adecuada, a efectos de detectar rápidamente el estado de crisis y la toma de iniciativas adecuadas, que permiten: detectar posibles desequilibrios de carácter patrimonial o económico-financiero, relacionados con las características específicas de la empresa y la actividad empresarial desarrollada por el deudor; verificar la sostenibilidad de las deudas y las perspectivas de continuidad de la actividad al menos durante los doce meses siguientes; obtener la información necesaria para utilizar la lista de comprobación detallada y realizar la prueba práctica para la verificación de la razonable consecución de la recuperación.

Asimismo, en el apartado cuarto del artículo 3 se establecen señales específicas para la oportuna previsión de la aparición de una crisis empresarial, como por ejemplo: (a) la existencia de deudas por retribución vencidas desde hace al menos treinta días, por un importe superior a la mitad del importe total mensual de las retribuciones; (b) la existencia de deudas con proveedores vencidas desde hace al menos noventa días, por un importe superior al de las deudas no vencidas; (c) la existencia de exposiciones frente a bancos y otros intermediarios financieros que hayan vencido hace más de sesenta días o que hayan superado el límite de las facilidades crediticias obtenidas en cualquier forma durante al menos sesenta días, siempre que representen un total de al menos el cinco por ciento de las exposiciones totales; d) la existencia de una o varias exposiciones de deuda que desencadenen la obligación de informar a los acreedores públicos cualificados.

Otro elemento innovador destacable es la introducción del nuevo instituto de resolución negociada de la crisis. Dicha herramienta, puede activarse a petición del empresario y prevé que aquel que se encuentre en una condición de desequilibrio financiero o económico, pueda solicitar en la Cámara de Comercio competente en su territorio, el nombramiento de un experto independiente, siempre y cuando parezca
razonablemente viable el saneamiento de la empresa. En este caso, la persona designada deberá facilitar las negociaciones del empresario, con el objetivo de superar el desequilibrio patrimonial o económico-financiero que supone la crisis o la insolvencia en cuestión.

Por último, cabe resaltar que el nuevo Código también prevé importantes innovaciones en lo que respecta a la gestión de las crisis financieras de los grupos de empresas, con el fin de tratar las dificultades que afecten a todas o algunas empresas pertenecientes al mismo grupo, desde una perspectiva unificada.

Finalmente, se señala que, los procedimientos de insolvencia iniciados antes del 15 de julio de 2022 y aún pendientes seguirán regulándose por la antigua Ley Concursal.

Indennità in caso di cessazione del rapporto d’agenzia

di avv. Enzo Pisa e avv. Elena Bissoli

Interessante pronuncia della Corte d’Appello di Milano dello scorso 12 settembre in tema d’indennità di fine rapporto spettante all’agente in caso di suo recesso.
Il Collegio milanese, nel confermare l’impugnata sentenza di primo grado, che aveva rigettato la domanda dell’agente diretta ad ottenere il pagamento dell’indennità di cessazione del rapporto, richiamando l’art. 1751, c. 2, c.c., secondo cui l’indennità in parola “non è dovuta: […] quando l’agente recede dal contratto, a meno che il recesso sia giustificato da circostanze attribuibili al preponente”, ha precisato che quest’ultime “sono rappresentate da circostanze riconducibili alla sfera di dominio del preponente, che integrino un rilevante
inadempimento di quest’ultimo o quantomeno determinino una modifica delle condizioni del rapporto di entità tale da rendere non esigibile la prosecuzione dell’attività dell’agente”, configurabili di fatto in un inadempimento di non scarsa importanza.
In particolare, nella fattispecie, la Corte ha ritenuto che le circostanze che l’appellante aveva attribuito alla mandante (consistenti nell’omesso pagamento di provvigioni c.d. “indirette” su affari conclusi direttamente dal preponente nella di lui zona, nell’aver tardato la consegna di alcuni beni alla clientela, nell’aver consegnato alcuni beni affetti da vizi, etc.) non individuassero puntuali inadempimenti contrattuali di quest’ultima e comunque non integrassero concreti fatti oggettivi a fronte dei quali si potesse ritenere non esigibile, da parte dell’agente, la prosecuzione dell’attività.
La sentenza della Corte meneghina, così decidendo, ha concretizzato il più generale principio di diritto enucleato dalla Suprema Corte, secondo cui “l’indennità di cessazione del rapporto, disciplinata dall’art. 1751 c.c., non è dovuta all’agente in ogni caso di scioglimento del rapporto e, in particolare, non è dovuta quando l'agente recede dal contratto, a meno che il recesso sia giustificato da circostanze attribuibili al preponente” (Cass. n. 20551/2015) e sempre che si tratti “di un inadempimento colpevole e di non scarsa
importanza che leda in misura considerevole l’interesse dell’agente, tanto da non consentire la prosecuzione, “anche provvisoria”, del rapporto” (Cass. n. 1376/2018).

Centro unico d’imputazione di un rapporto di lavoro tra imprese collegate

a cura di avv. Enzo Pisa e avv. Elena Bissoli

Si segnala l’ordinanza della Cassazione n. 17176 del 26 maggio 2022, che, nel recepire gli orientamenti precedentemente espressi dalla stessa giurisprudenza di legittimità, è tornata ad occuparsi, al fine d’individuare il regime di tutela applicabile (ex art. 18 L. 300/1970 o non) ad un licenziamento per giustificato motivo impugnato dal dipendente licenziato, del centro unico d’imputazione del rapporto di lavoro e della sua configurabilità laddove sussista, come nella vicenda trattata nella pronuncia in commento, un collegamento economico-funzionale tra distinte imprese gestite da società di un medesimo Gruppo, che avevano stipulato un contratto di appalto (rivelatosi illecito) per la fornitura di alcuni servizi alberghieri.

La Suprema Corte, nel giudicare corretta l’impugnata sentenza di secondo grado – che aveva “accertato il carattere fittizio del contratto di appalto di servizi (rivelatosi un appalto di mera manodopera) […] nonché la formazione di un unico centro di coordinamento e direzione tra le tre società” coinvolte nella vicenda controversa, “avendo accertato che gli elementi di collegamento fra le società avevano travalicato, per caratteristiche e finalità, le connotazioni di una mera sinergia fra consociate per sconfinare in una compenetrazione di mezzi e di attività, sintomatica della sostanziale unicità soggettiva” – ha elencato, allineandosi ad altre pronunce della stessa Corte, i seguenti indici rivelatori d’un centro unitario d’imputazione del rapporto lavorativo: “a) unicità della struttura organizzativa e produttiva; b) integrazione tra le attività esercitate dalle varie imprese del gruppo ed il correlativo interesse comune; c) coordinamento tecnico ed amministrativo finanziario tale da individuare un unico soggetto direttivo che faccia confluire le diverse attività delle singole imprese verso uno scopo comune; d) utilizzazione contemporanea della prestazione lavorativa da parte delle varie società titolari delle distinte imprese, nel senso che la stessa sia svolta in modo indifferenziato e contemporaneamente in favore dei vari imprenditori”.
La Cassazione ha chiarito, poi, che “il collegamento economico-funzionale tra imprese gestite da società di un medesimo gruppo non comporta il venir meno dell’autonomia delle singole società dotate di personalità giuridica distinta, alle quali continuano a fare capo i rapporti di lavoro del personale in servizio presso le distinte e rispettive imprese; tale collegamento, pertanto, non è di per sé solo sufficiente a far ritenere che gli obblighi inerenti ad un rapporto di lavoro subordinato, intercorso tra un lavoratore e una di tali società,
si estendano ad altre dello stesso gruppo, salva, peraltro, la possibilità di ravvisare un unico centro di imputazione del rapporto di lavoro – anche ai fini della sussistenza o meno del requisito numerico necessario per l’applicabilità della cosiddetta tutela reale del lavoratore licenziato – ogni volta che vi sia una simulazione o una preordinazione in frode alla legge del frazionamento di un’unica attività fra vari soggetti e ciò venga accertato in modo adeguato, attraverso l’esame delle singole imprese, da parte del giudice del merito”.

La Legge “Crea y Crece”: nuove agevolazioni per gli investimenti in Spagna

A cura di Adriano Belloni e Beatrice Bandini

Il 29 settembre è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale spagnola («BOE») la Legge 18/2022, del 28 settembre, denominata «Crea y Crece» (Crea e Cresci), relativa alla creazione ed al potenziamento delle imprese, entrata in vigore lo scorso 19 ottobre.

La sua promulgazione, che fa parte del c.d. “Piano di Ripresa, Trasformazione e Resilienza” spagnolo, varato nell’ambito del fondo europeo per la ripresa, mira ad accelerare la creazione di imprese, ridurre le insolvenze commerciali e facilitare l’accesso ai finanziamenti per le aziende.

Tra i vari interventi normativi finalizzati a velocizzare e facilitare la costituzione di società, è di grande rilievo la modifica apportata alla Legge sulle Società di Capitali (LSC) in merito al capitale sociale minimo necessario per la costituzione di società a responsabilità limitata, che è stato fissato nell’importo di 1 euro, a fronte dei 3.000 euro sinora richiesti ai sensi dell’articolo 4 LSC.

In questo modo, viene concessa grande libertà ai soci fondatori nella determinazione dell’ammontare del capitale sociale, che gli stessi potranno stabilire nella misura che ritengano ottimale in base alle loro specifiche preferenze ed esigenze concrete.

Allo stesso tempo, allineando il diritto societario spagnolo a quello dei Paesi in cui non viene richiesto un capitale sociale minimo per la costituzione di alcune società di capitali (come, ad esempio, Italia e Francia), viene disincentivata la creazione di società all’estero, frenando il fenomeno della costituzione societaria in giurisdizioni con costi relativi e correlati inferiori.

In quest’ottica, vengono poi introdotte due misure per salvaguardare gli interessi dei creditori o di terzi che stipulino contratti con società con capitale sociale inferiore a 3.000 euro, che dovranno essere rispettate sino a che il capitale sociale non raggiunga tale cifra, ovvero:

  • una somma pari ad almeno il 20% dell’utile di esercizio dovrà essere destinata alla riserva legale fino a che quest’ultima, insieme al capitale sociale, non raggiunge l’importo di 3.000 euro; e
  • in caso di liquidazione, volontaria o coatta, se il patrimonio non è sufficiente a coprire le passività della società, i soci saranno responsabili congiuntamente e solidalmente per la differenza ottenuta tra l’importo di 3.000 euro e l’importo del capitale effettivamente sottoscritto.

In conclusione, la Legge Crea e Cresci pone le PMI al centro dell’agenda economica, riconoscendo la loro importanza nel tessuto produttivo spagnolo e stabilendo un quadro giuridico più agile e flessibile, in linea con i Paesi più avanzati, per la loro creazione, crescita e ristrutturazione. Queste misure consentiranno quindi agli imprenditori italiani di costituire una società a responsabilità limitata in Spagna, con un regime simile a quello del proprio Paese.

Credito d’imposta per le imprese non gasivore e non energivore – ottobre e novembre 2022

Nell’ambito degli interventi finalizzati a mitigare gli effetti negativi dell’incremento del costo dell’energia elettrica e del gas naturale, il governo ha adottato un nuovo provvedimento, il Decreto Aiuti-ter D.L. 144/2022, che in parte estende ai mesi di ottobre e novembre le agevolazioni già previste per il terzo trimestre e in parte modifica quanto era previsto per i trimestri precedenti.

Sul punto si rimanda quanto già approfondito in questa news.

Credito d’imposta sul gas naturale per i mesi di ottobre e novembre 2022

Il credito d’imposta è pari al 40% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas consumato nei mesi di ottobre e novembre 2022 (per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici).

Il credito d’imposta è calcolato sulla base dei consumi effettivi.

L’agevolazione spetta qualora:

  • l’impresa sia diversa da quelle a forte consumo di gas (c.d. imprese gasivore)
  • il prezzo di riferimento del gas naturale, calcolato come media, riferita al terzo trimestre 2022, dei prezzi di riferimento del MI-GAS pubblicati dal GME, abbia subito un incremento superiore al 30 per cento del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019.

Credito d’imposta sull’energia elettrica per i mesi di ottobre e novembre 2022

Il credito di imposta è pari al 30% sulla componente energia elettrica acquistata ed effettivamente utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022.

Le condizioni per poter beneficiare del credito di imposta sono:

  • impresa non energivora con contatore di energia elettrica di potenza uguale o superiore a 4,5 kW (nel secondo e terzo trimestre doveva essere di almeno 16,5 Kw)
  • il prezzo di acquisto della componente energia del trimestre di riferimento deve aver subito un incremento di almeno il 30% rispetto al prezzo di acquisto della componente energia del medesimo periodo del 2019.

Comunicazione del venditore

Ove l’impresa destinataria del contributo si rifornisca nel terzo trimestre 2022 e nei mesi di ottobre e novembre 2022, di energia elettrica o di gas naturale dallo stesso venditore da cui si riforniva nel terzo trimestre dell’anno 2019, il venditore, invia al proprio cliente, su sua richiesta, una comunicazione nella quale è riportato il calcolo dell’incremento di costo della componente energetica e l’ammontare del credito d’imposta spettante per i mesi di ottobre e novembre 2022.

Termini e modalità di utilizzo

I nuovi termini per l’utilizzo dei crediti di imposta sono:

  • il 31.12.2022, se relativi al secondo trimestre 2022
  • il 31.03.2023, se relativi al terzo trimestre 2022 (prima era il 31.12.2022) e ai mesi di ottobre e novembre 2022.

Tali crediti di imposta possono essere:

  • utilizzati in compensazione nel modello F24
  • ceduti a terzi.

Comunicazione del credito maturato

I beneficiari dei crediti d’imposta relativi al terzo trimestre 2022 e ai mesi di ottobre e novembre 2022, a pena di decadenza dal diritto alla fruizione del credito non ancora fruito, entro il 16.02.2023 dovranno inviare all’Agenzia delle Entrate un’apposita comunicazione sull’importo del credito maturato nell’esercizio 2022.

Non è prevista alcuna comunicazione per quanto riguarda il secondo trimestre.

Il contenuto e le modalità di presentazione della comunicazione saranno definiti con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, ancora da adottare.

Licenziamento ritorsivo: Corte di Cassazione, sentenza n. 263957 del 7 settembre 2022

Per l’accoglimento della domanda di accertamento della nullità del licenziamento in quanto fondato su motivo illecito, è necessario che l’intento ritorsivo datoriale (il cui onere è a carico del lavoratore) abbia avuto efficacia determinativa esclusiva del licenziamento, anche rispetto ad altri fatti rilevanti ai fini della configurazione di una giusta causa o di un giustificato motivo di recesso, dovendosi escludere la necessità di procedere ad un giudizio di comparazione fra le diverse ragioni a fondamento del recesso, ossia quelle riconducibili ad una ritorsione e quelle connesse, oggettivamente, ad altri fattori idonei a giustificare il licenziamento.

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea chiarisce la decorrenza del termine di prescrizione dell’azione di risarcimento del danno da illecito concorrenziale

ILLECITO CONCORRENZIALE E DECORRENZA DELLA PRESCRIZIONE: I TERMINI DELLA QUESTIONE

Nel caso dell’illecito antitrust, l’individuazione del giorno di decorrenza del termine di prescrizione per far valere i danni da questo derivati è resa particolarmente difficile dalle caratteristiche intrinseche di detto illecito che, in particolare per le intese segrete, si compone da una pluralità di fatti non palesi, o non completamente tali, nei quali per giunta si sperimenta un distacco temporale di solito significativo tra il momento dell’inflizione del danno a opera dei cartellisti e il momento in cui tale danno viene scoperto dal danneggiato; distacco che comporta l’impossibilità per il danneggiato di reagire anche giudizialmente a tale violazione e, di conseguenza, lo spostamento del dies a quo soltanto al momento in cui egli acquisisce consapevolezza del pregiudizio subito.

È, però, arduo affermare inequivocabilmente quando detta consapevolezza maturi, ovvero quando il danneggiato, secondo la media diligenza, avrebbe dovuto percepire gli elementi essenziali dell’illecito concorrenziale necessari ad esercitare in giudizio il diritto al risarcimento, secondo il disposto dell’art. 2935 c.c.

La questione deve, inoltre, essere declinata distinguendo le azioni di risarcimento cd. follow-on, che seguono a un accertamento di un’autorità nell’ambito del public enforcement, da quelle standalone, che ne prescindono, dacché nel primo caso ci si deve chiedere che effetti producano sul decorso della prescrizione eventi come la pubblicazione dell’avvio di un’istruttoria antitrust e quella della eventuale decisione di condanna: la questione è, qui, volta a comprendere se gli elementi necessari ad azionare la tutela risarcitoria possono essere appresi già con il comunicato dell’avvio dell’istruttoria dinanzi all’autorità pubblica, con conseguente decorrenza del termine di prescrizione da quel momento, oppure se sia necessario attendere la pubblicazione della decisione.

Le problematiche che ruotano attorno al tema della prescrizione del risarcimento del danno nel diritto della concorrenza sono, insomma, molteplici: era stata la sentenza Manfredi (Corte di Giustizia UE, sentenza 13 luglio 2006, cause riunite da C-295/04 a C-298/04) a rilevare una lacuna normativa dell’ordinamento europeo sul punto; lacuna colmata, quasi un decennio più tardi, dalla Direttiva 104/2014.

LA POSIZIONE DELL’ART. 8 D.LGS. 3/2017, CHE RECEPISCE L’ART. 10 DIRETTIVA 104/2014

L’articolo 8 del d.lgs. 3/2017 si propone di affrontare il tema della prescrizione del risarcimento del danno da illecito concorrenziale prevedendo che detto diritto si prescriva in cinque anni e che il relativo termine di prescrizione non inizi a decorrere prima che la violazione sia cessata e prima che l’attore sia a conoscenza o, possa ragionevolmente presumersi che sia a conoscenza, dei seguenti elementi: a) della condotta e del fatto che tale condotta costituisce una violazione del diritto della concorrenza; b) del fatto che la violazione del diritto gli ha cagionato un danno; e c) dell’identità dell’autore della violazione.

La Direttiva chiariva, quindi, alcuni rilevanti profili in tema di prescrizione, prendendo esplicitamente posizione a favore della configurazione dell’illecito concorrenziale come illecito permanente, con conseguente decorrenza della prescrizione dalla cessazione dell’illecito, nonché prevedendo una durata quinquennale di detto termine prescrizionale e gli elementi dei quali doveva essere a conoscenza il danneggiato per essere considerato nella condizione di esperire l’azione risarcitoria.

Tuttavia, la questione dell’esatto momento della decorrenza della prescrizione continuava a rimanere soggetta a interpretazione e, in aggiunta a ciò, il tema doveva essere coordinato con il profilo dell’applicazione temporale della direttiva 104/2014 che, all’articolo 22, distingue tra previsioni di carattere sostanziale e processuale. Per le prime, viene chiarito il divieto di applicazione retroattiva delle stesse, mentre per le seconde, la direttiva prevede che gli Stati membri possano prevederne l’applicazione alle azioni per il risarcimento del danno per le quali il giudice nazionale sia stato adito successivamente al 26 dicembre 2014 (ossia al trentesimo giorno successivo all’adozione della Direttiva) e, quindi, anche prima della entrata in vigore delle disposizioni nazionali di recepimento.

Indubbiamente, l’applicarsi di un termine quinquennale di prescrizione piuttosto che un altro è questione tutt’altro che di scarsa importanza, specialmente in ordinamenti che, prima dell’entrata in vigore della Direttiva del 2014, prevedevano un termine di prescrizione più breve di quello di derivazione europeo, come quello annuale di cui all’art. 1968 co. 2 del Codice civile spagnolo.

CORTE DI GIUSTIZIA DELL’UNIONE EUROPEA, CAUSA C-267/20, SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2022

Un cittadino spagnolo conveniva in giudizio due società produttrici di autocarri per ottenerne la condanna al risarcimento del danno da sovrapprezzo su alcuni autocarri acquistati nel periodo di vigenza di un cartello che la Commissione Europea aveva accertato operante tra il 1997 e il 2011, cui le convenute avevano partecipato. Queste ultime eccepivano l’intervenuta prescrizione della pretesa attorea.

Le numerose e difficili questioni inerenti la prescrizione del danno da illecito antitrust giustificavano la richiesta di pronuncia pregiudiziale alla Corte di Giustizia, vertente sull’interpretazione dell’articolo 101 TFUE, degli articoli 10 e 17 e dell’articolo 22, paragrafo 2, della direttiva 2014/104/UE.

La Corte di Giustizia affronta, per quanto qui d’interesse, due questioni di grande rilevanza inerenti il tema della prescrizione.

Innanzitutto, la Corte precisa che l’articolo 10 della direttiva 2014/104 deve essere interpretato come una disposizione sostanziale e non procedurale, il che esclude un’applicazione retroattiva delle disposizioni nazionali che recepiscono detto articolo.

Inoltre, la CGUE afferma che il momento di decorrenza del termine di prescrizione e, dunque, la data in cui si può ragionevolmente ritenere che l’attore sia a conoscenza degli elementi necessari per instaurare un giudizio risarcitorio, doveva essere fissato, nel caso portato innanzi alla sua cognizione, alla data di pubblicazione della sintesi della decisione nella Gazzetta Ufficiale, successiva alla pubblicazione del comunicato stampa relativo alla decisione, in quanto quest’ultimo è, generalmente, meno dettagliato della sintesi della decisione e, peraltro, non disponibile in tutte le lingue ufficiali dell’Unione Europea.

La decorrenza al momento della pubblicazione della decisione nella Gazzetta Ufficiale è motivata, continua la CGUE, anche da imprescindibili ragioni di effettività della tutela giurisdizionale: “In this instance, the infringement ceased on 18 January 2011. So far as concerns the date on which the elements necessary to enable RM to bring an action for damages can reasonably be considered to have become known to him, Volvo and DAF Trucks are of the view that the relevant date is the date of publication of the press release relating to Decision C(2016) 4673 final, namely 19 July 2016, and that, consequently, the limitation period provided for in Article 1968 of the Civil Code began to run on the day of that publication … Consequently, the full effectiveness of Article 101 TFEU requires it to be considered that, in this instance, the limitation period began to run on the day of that publication”.

La risposta sul momento di decorrenza del termine prescrizionale – precisa la CGUE – dipende inevitabilmente dal tipo di illecito concorrenziale che ha cagionato i danni di cui si chiede il risarcimento, dacché, con riferimento, per esempio, agli abusi di posizione dominante e agli accordi verticali, che per definizione non hanno lo stesso grado di segretezza degli accordi orizzontali, le vittime potrebbero essere in grado di instaurare un giudizio risarcitorio anche prima della pubblicazione di una decisione di condanna.

Non si può, in altri termini, individuare un momento univoco a partire dal quale decorre il termine di prescrizione dell’azione risarcitoria da illecito antitrust: molto dipenderà dal tipo di azione risarcitoria esercitata, se stand alone o follow on, e dal tipo di illecito anticoncorrenziale dal quale derivano i danni di cui si chiede il risarcimento.

 

NunzianteMagrone.it

Simone Gambuto, Partner
E: s.gambuto@nmlex.it
T.: +39 02 6575181

Silvia Romanò, Associate
E: s.romano@nmlex.it
T.: +39 02 6575181

Gli screzi e conflitti interpersonali tra colleghi di lavoro non costituiscono mobbing

A cura di avv. Enzo Pisa e avv. Elena Bissoli

«Nell’ordinanza n. 17974 del 3 giugno 2022, la Corte di Cassazione è tornata ad occuparsi di un caso di lamentato mobbing nell’ambito lavorativo.

Fenomeno, quest’ultimo, non normativamente tipizzato, che, secondo il consolidato orientamento giurisprudenziale, si configura allorquando sussistono i seguenti elementi: «a) una molteplicità di comportamenti del datore di lavoro a carattere persecutorio, illeciti o anche leciti se considerati singolarmente, che siano stati posti in essere in modo miratamente sistematico e prolungato contro il dipendente con intento vessatorio; b) l’evento lesivo della salute o della personalità del dipendente; c) il nesso eziologico tra la condotta del datore di lavoro o del superiore gerarchico e il pregiudizio all’integrità psico-fisica del lavoratore; d) la prova dell’elemento soggettivo, cioè dell’intento persecutorio» (Cass. 04.03.2021, n. 6079).

La pronuncia della Suprema Corte dello scorso giugno merita d’essere segnalata per aver ritenuto corretta l’impugnata decisione del giudice di secondo grado, secondo «cui i pregiudizi lamentati dalla ricorrente fossero solamente il frutto di screzi e conflitti interpersonali nell’ambiente di lavoro, in particolare con la persona che ne aveva promosso l’attività con il coinvolgimento in compiti eccedenti la qualifica rivestita, non caratterizzati, per la loro stessa natura, da volontà persecutoria e, come tali, idonei ad escludere il mobbing viceversa connotato da quella volontà».

L’ordinanza in commento si conforma ad una precedente ordinanza della stessa S.C., la n. 26684 del 2017, che, nel chiarire che «l’elemento qualificante del mobbing, che deve essere provato da chi assume di avere subito la condotta vessatoria, va ricercato non nell’illegittimità dei singoli atti bensì nell’intento persecutorio che li unifica, sicché la legittimità dei provvedimenti può rilevare indirettamente perché, in difetto di elementi probatori di segno contrario, sintomatica dell’assenza dell’elemento soggettivo che deve sorreggere la condotta, unitariamente considerata», aveva osservato che «parimenti la conflittualità delle relazioni personali all’interno dell’ufficio, che impone al datore di lavoro di intervenire per ripristinare la serenità necessaria per il corretto espletamento delle prestazioni lavorative, può essere apprezzata dal giudice per escludere che i provvedimenti siano adottati al solo fine di mortificare la personalità e la dignità del lavoratore».

Amministratori in Spagna: nuovi aspetti da considerare a seguito della modifica della Legge sulle Società di Capitali

A cura di Javier Vicente e Beatrice Bandini

Lo scorso 6 settembre è stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale spagnola (BOE) la Legge 16/2022, del 5 settembre, sulla riforma della Legge Fallimentare, che entrerà in vigore il prossimo 26 settembre 2022.

La riforma, che recepisce nell’ordinamento spagnolo la Direttiva (UE) 2019/1023, mira a risolvere alcuni dei limiti esistenti nell’ attuale normativa fallimentare spagnola, prevedendo, in particolare, strumenti per consentire una ristrutturazione societaria tempestiva e rapida ed una ottimizzazione dei ricorsi amministrativi, in modo da decongestionare gli organi giurisdizionali.

Fra le novità, riveste particolare importanza la modifica apportata alla Legge sulle Società di Capitali (LSC) in merito all’obbligo a carico degli amministratori di convocare l’assemblea dei soci entro 2 mesi dal verificarsi di una c.d. “causa legale di scioglimento”, per adottare, appunto, una delibera di scioglimento o, qualora la società fosse insolvente, avviare una procedura fallimentare. A riguardo, si tenga presente che, sebbene le cause legali di scioglimento previste dalla LSC sono numerose, la circostanza che si verifica più frequentemente è quella relativa all’obbligo di sciogliere la società in caso di perdite che riducano il patrimonio netto a meno della metà del capitale sociale.

Tuttavia, a seguito della nuova riforma, sono state infatti introdotte due ipotesi in cui gli amministratori sono esonerati da questo obbligo, ovvero:

  • qualora gli stessi abbiano regolarmente presentato istanza di fallimento della società; o
  • qualora gli amministratori abbiano informato il tribunale competente dell’esistenza di trattative in corso con i creditori per raggiungere un “piano di ristrutturazione” dell’attivo, del passivo o di entrambi, inteso come una misura volta a modificare la composizione, i termini o la struttura degli attivi e dei passivi del debitore o dei fondi propri, ivi compresi la cessione di attivi, di rami d’azienda o dell’intero complesso aziendale, nonché qualsiasi modifica operativa necessaria o una combinazione di questi elementi.

L’esenzione dall’obbligo introdotta dalla riforma non è priva di importanza, in quanto la relativa inosservanza, e cioè la mancata convocazione dell’assemblea entro 2 mesi, comporta la responsabilità solidale degli amministratori per i debiti della società sorti successivamente al verificarsi della causa legale di scioglimento.

A seguito della riforma introdotta, gli amministratori non saranno più quindi responsabili se, entro il citato periodo di 2 mesi, avranno notificato al tribunale l’esistenza di una delle due ipotesi di cui sopra. In ogni caso, si segnala che, qualora l’accordo tra le parti rispetto al piano di ristrutturazione non venisse raggiunto, il periodo di 2 mesi riprenderà a decorrere dal momento in cui la comunicazione dell’inizio delle trattative cessi di aver effetto.

Alla luce di quanto sopra, risulta pertanto di particolare rilievo tenere presente gli obblighi e le scadenze inerenti alla convocazione dell’assemblea dei soci dal verificarsi di una “causa legale di scioglimento”, così come le nuove ipotesi di esonero da detti obblighi, soprattutto dal punto di vista degli amministratori, allo scopo di non far sorgere la propria responsabilità solidale. A tal fine, la presenza di consulenti in loco, esperti in diritto societario spagnolo, sarà certamente utile.

X