Author - CAMACOES

El Bufete Legal Internacional Giambrone llega a las Islas Canarias

Giambrone & Partners, uno de los principales Bufetes de abogados de España y Europa especializado en derecho internacional, amplía sus horizontes, estableciendo una nueva oficina en Las Palmas de Gran Canaria, Islas Canarias, continuando su camino de crecimiento y consolidación tanto a nivel nacional como internacional.

El Bufete Internacional Giambrone & Partners, “confirma el deseo de expandirse en España y en Europa y demostrar una vez más su vocación internacional – explica la abogada Paola Vitali, socia del despacho de Barcelona-, la preparación múltiple de nuestros abogados y de nuestros despachos nos permite ofrecer asistencia jurídica de alto nivel, gracias a equipos de profesionales en español, inglés e italiano”.

El proyecto del Bufete es aspirar a escenarios internacionales y su expansión está respaldada y avalada por la profesionalidad de sus abogados, capaces de operar en múltiples jurisdicciones y en diferentes ámbitos, societario, real estate, sucesiones, donaciones y contencioso.

La continua expansión del Bufete demuestra también una fuerte voluntad de potenciar las diversas competencias jurídicas y el camino emprendido para ofrecer servicios jurídicos de alto nivel en numerosas realidades europeas y mediterráneas.

Giambrone, eligió Gran Canaria y Canarias también por la gran presencia de extranjeros. La capacidad de brindar asistencia jurídica en varios idiomas permite posicionar el Bufete entre las entidades jurídicas más importantes del archipiélago español, aprovechando del floreciente mercado y el constante desarrollo económico que viven las Islas Canarias.

Iberia and Repsol make the first flight with biofuel produced from waste in Spain

Iberia and Repsol have made the first flight using biofuel produced from waste in Spain. The biojet used belongs to the batch produced last August at the Petronor Industrial Complex, which is located near Bilbao and belongs to the Repsol Group. The scheduled flight IB426 was operated with an Airbus A320neo aircraft of the Spanish airline, with a capacity of 180 passengers and currently one of the most efficient aircrafts in the world. Equipped with Leap-1st CFM engines, Iberia’s A320neo aircrafts reduces noise by 50% and are more environmentally friendly, emitting 5,000 tons of CO2 less per year and 50% less NOx. The flight also performed more efficiently through a flight operation that improves fuel efficiency by reaching the optimum altitude level in the climb and descent phases

From left to right: Ana Salazar, Head of Sustainability Division, Aena; Teresa Parejo, Sustainability Director, Iberia; and Berta Cabello, Senior Refining Transformation Manager.

In this operation, Iberia and Repsol have counted with the participation of Aena that works collaboratively with the different agents to promote the global decarbonization of the air transport sector. It supports this initiative by also working on collaborative projects to promote the production of sustainable fuels, with the aim of encouraging its use by airlines.

On the Madrid-Bilbao route, this flight has managed to reduce the emission of 1.4 tons of CO2, thanks to the improved fuel efficiency provided by the aircraft, together with the use of the sustainable biofuel. In addition, a zero-emissions electric-powered aviation fuel supply vehicle has been used for refueling. All ground operations (loading and unloading of baggage, assistance to the aircraft, and towing to the runway) have used the most efficient vehicles that Iberia Airport Services has deployed throughout its network of airports in Spain, such as the mototok, an advanced electric vehicle controlled by remote control to perform the push back maneuver to the aircraft. On board, Iberia is also testing different packaging solutions to replace single-use plastics.

The batch of jet biofuel used is the third manufactured by Repsol and the first on the Spanish market produced from waste as raw material. The energy company thus integrates circular economy instruments in the process, transforming waste into high added-value products such as low carbon footprint fuels. Two previous batches were produced from biomass at Repsol’s industrial complexes in Puertollano and Tarragona.

This initiative is part of the collaboration agreement towards a more sustainable mobility signed by Repsol and Iberia last July and is in line with the Sustainable Development Goals (SDGs) promoted by the United Nations through the 2030 Agenda. The agreement translates into the development of ambitious joint pro-grams and activities in three areas: the development of low-carbon aviation fuels, the production of electricity and renewable hydrogen to decarbonize Iberia’s fleet of vehicles, and the ecological transition to more sustainable facilities through new technologies based on artificial intelligence, among others.

It is a first milestone in the roadmap of the agreement, which envisages future flights using biofuels with a low carbon footprint to achieve a more sustainable and efficient mobility in the aviation sector. Electrification is not viable at the moment and renewable hydrogen still requires a technological breakthrough in aircraft, so biofuels will be the fastest and most efficient option for reducing emissions in air transport over the next few years.

 

 

Decarbonization of aviation sector

The aviation sector is moving decisively towards decarbonization through the use of biofuels. The International Air Transport Association (IATA) has set itself the target of zero carbon emissions growth from 2020, for which it is developing various initiatives. Among these, the use of different sustainable fuels, such as biofuels and advanced biofuels produced from waste, stands out for its high contribution to the reduction of CO2 emissions.

On July 14, the European Commission presented the Fit for 55 package, which includes the RefuelEU Aviation initiative. Its aim is to boost the supply and demand of sustainable aviation fuels in the European Union, reaching a use of 2% in 2025, 5% in 2030, and 63% in 2050. In this way, the environmental foot-print of aviation will be reduced, while contributing to the achievement of the European Union’s climate targets.

Repsol is a pioneer in the manufacture of sustainable aviation fuels (SAF) in Spain. With the production of these fuels in its industrial complexes it is anticipating the different measures that EU institutions are es-tablishing to promote the use of sustainable aviation fuels. In this sense, both SAF obtained from biomass and advanced biofuels from waste are included in the list of sustainable fuels in the European Renewable Energy Directive.

Net zero emissions target by 2050

Repsol aims to lead the energy transition, in line with the Paris Agreement, and thus limit the increase in global temperature to well below 2ºC. The drive for sustainable fuels is in addition to the projects that Repsol has already deployed in energy efficiency, low-emission electricity generation, renewable hydro-gen, circular economy, synthetic fuels, and carbon capture, use, and storage, and is one of the company’s main strategic drivers to achieve its goal of becoming a net zero emissions company by 2050.

The company has a circular economy strategy in place since 2018. Itis embodied in more than 230 initiatives and the ambition to annually use three million tons of waste as raw material for its products by 2030. In October 2020, it announced the construction of Spain’s first advanced biofuels plant, which will be commissioned in 2023. It will be located in Cartagena and will have a capacity per year of 250,000 tons of biofuels produced from waste and valid for cars, trucks, and airplanes. In the port of Bilbao, in the vicinity of the Petronor Industrial Complex, Repsol is planning one of the world’s largest synthetic fuel plants, using renewable hydrogen and CO2 as the only raw materials. The plant will be commissioned in 2024 and will have a capacity of more than 2,100 tons per year.

In addition, technological progress and the deployment of current and future projects has enabled the company to increase its ambition in the carbon intensity reduction targets set out in its 2021-2025 Strategic Plan. The new decarbonization path to achieve carbon neutrality by 2050 establishes a reduction in the Carbon Intensity Indicator of 15% in 2025, 28% in 2030, and 55% in 2040, compared to the previous targets of 12%, 25%, and 50%, respectively.

For its part, Iberia is part of IAG, which was the first airline group to commit to achieving zero net emissions by 2050. In addition, by 2030, IAG airlines will operate a minimum of 10% of their flights with sus-tainably sourced fuels. The Group will purchase one million tons of sustainable aviation fuel per year, enabling it to reduce carbon emissions by two million tons by 2030, roughly the equivalent to the CO2 absorption of a forest the size of 400,000 soccer fields. In addition, IAG will become the first airline group in the world to extend its commitment to net zero CO2 emissions through its supply chain.

Iberia is basing its environmental strategy on three pillars: more efficient operations – including all fleet renewal initiatives, fuel consumption reductions, and vehicle electrification, among others; a more sustainable travel experience for its customers – through the digitalization of services, the progressive elimination of plastics on board, the development of its waste management system, and carbon footprint offsetting; and its commitment to the ecological transition of aviation, especially through its collaboration in the re-search and development of sustainably sourced fuels.

BFF Banking Group: online il terzo report del 2021 della serie «Macro Perspectives on Spain and its regional governments’ finances»

BFF Banking Group, banca leader per i fornitori delle Pubbliche Amministrazioni in Europa, ha pubblicato il terzo report della serie “Macro perspectives on Spain and its regional governments’ finances – Spain moving towards recovery? Debt sustainability and inflation pose additional challenges” che considera il terzo trimestre del 2021 e ha lo scopo di fornire i dati e gli approfondimenti più recenti in merito alle previsioni degli scenari macroeconomico e fiscale in Spagna per la fine del 2021 e l’inizio del 2022.

Sul sito di BFF Banking Group è disponibile un executive summary, sia in lingua inglese, sia in spagnolo.

Limiti alla durata permanente dei patti parasociali in Spagna: sentenza della Corte di Cassazione spagnola del 20 febbraio 2020

A cura dell’Avv. Adriano Belloni Román

La recente sentenza della Corte di Cassazione spagnola (il “Tribunal Supremo”) del 20 febbraio 2020 ha analizzato la validità dei c.d. “shareholders agreement” o “patti parasociali” aventi durata permanente.

Nella fattispecie, la questione esaminata è l’eventuale violazione di un “protocolo familiar” (ovvero un patto parasociale, con riferimento a una società non quotata, stipulato tra soci o tra soci e terzi con legami familiari, ai sensi del Real Decreto 171/2007) sottoscritto nell’anno 1983, che fissava, inter alia, le quote di partecipazione di ogni fratello e sorella firmante l’accordo a un gruppo societario familiare, senza prevedere una durata massima dello stesso.

Nel corso degli anni 2013 e 2014, le percentuali così stabilite furono alterate in virtù di diverse cessioni di partecipazioni relative alle società oggetto dell’accordo, eseguite però solo da alcuni dei fratelli firmanti. Le restanti parti del patto, escluse dalle citate cessioni, presentarono quindi opposizione alle stesse, ritenendo che le quote di partecipazione stabilite nel patto parasociale dell’anno 1983 fossero state violate.

In breve, la Corte ha ritenuto che la validità di un patto parasociale permanente non può essere ammessa, in quanto viola principi fondamentali relativi alla natura giuridica del rapporto societario stesso e del diritto civile e, in particolare, i principi di libertà contrattuale e di libera disposizione.

A riguardo, occorre tener presente che la normativa societaria spagnola impedisce, in termini generali, la previsione statutaria di clausole che proibiscano o impediscano in maniera assoluta la trasmissione di quote di società a responsabilità limitata (c.d. “sociedades limitadas”), permettendo tali restrizioni unicamente se previste per un periodo non superiore a cinque anni dalla costituzione della società o da un aumento di capitale (il periodo è ridotto a due anni nel caso di società per azioni – c.d. “sociedades anónimas”).

Più specificamente, la Corte ha stabilito quindi in questo caso che un’interpretazione di un patto parasociale del 1983 che impedisca la modifica della quota di partecipazione di ogni socio, generando una sorta di vincolo perpetuo ai diritti dei soci, è contraria ai suddetti principi.

Offerta di lavoro: Ristorante Argentino – Sheraton Milano San Siro

“El Patio del Gaucho”, il ristorante argentino al piano terra dello Sheraton Milano San Siro che porta la firma della leggenda del calcio Javier Zanetti, cerca personale di sala.

PROFILO RICHIESTO: Camerieri/e

LUOGO: Sheraton Milano San Siro (MI)

Descrizione dell’offerta

Il candidato/a ideale dovrà avere la capacità di accogliere gli ospiti e di presentare loro il menù in modo dettagliato. La cura dei particolari, la sistemazione impeccabile dei tavoli e la cortesia faranno vivere agli ospiti un’esperienza culinaria indimenticabile.

Mansioni principali

  • Accogliere gli ospiti e occuparsi della sistemazione dei tavoli
  • Servire gli ospiti sapendo consigliare laddove necessario
  • Gestire le transazioni con il sistema Micros POS
  • Verificare il livello di soddisfazione del cliente
  • Occuparsi del servizio di chiusura

Requisiti

  • Ottime capacità di conversazione
  • Orientamento al lavoro di squadra
  • Personalità positiva ed estroversa
  • Propensione al contatto con il pubblico

Esperienza minima: Almeno 1 anno

Lingue richieste: Ottima conoscenza della lingua italiana e spagnola

Disponibilità: Da subito e in orario serale

Inviare la candidatura e il CV a empleo@camacoes.it

Controlli difensivi tecnologici del datore di lavoro sul PC aziendale in uso al dipendente

A cura di avv. Enzo Pisa e dott.ssa Annachiara Zandonà

Con sentenza dello scorso 22 settembre, n. 25732, la Cassazione è tornata ad occuparsi dei c.d. “controlli difensivi” del datore di lavoro e dell’art. 4 della L. 300/1970 (rubricato “Impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo”), come modificato dal D.Lgs. 151/2015, in una causa avente ad oggetto l’impugnazione d’un licenziamento per giusta causa di una lavoratrice, alla quale era stato contestato, inter alia, “a) l’impiego di mezzi informatici messi a disposizione dal datore di lavoro per l’esecuzione della prestazione lavorativa a soli fini privati ed in violazione delle disposizioni impartite in ordine all’utilizzo degli stessi […]; b) la sostanziale interruzione in tutto il periodo di riferimento della prestazione lavorativa, visti tempi e quantità di navigazione per fini privati; c) l’aver causato con il suo operato gravi danni al patrimonio aziendale sia per la perdita dei dati sia per l’impossibilità degli uffici della Fondazione di accedere alle cartelle elettroniche danneggiate per tutto il tempo necessario al ripristino del sistema”.

In particolare, la Suprema Corte, dopo aver operato un approfondito excursus storico sulla categoria di matrice giurisprudenziale dei c.d. “controlli difensivi”, ante modifica dell’art. 4 St. lav., si è posta la questione (ad oggi rimasta irrisolta a livello di giurisprudenza di merito e dottrina)  della loro “sopravvivenza” nel regime normativo fissato dalla sua nuova formulazione, distinguendo “tra i controlli a difesa del patrimonio aziendale che riguardano tutti i dipendenti (o gruppi di dipendenti) nello svolgimento della loro prestazione di lavoro che li pone a contatto con tale patrimonio, controlli che dovranno necessariamente essere realizzati nel rispetto delle previsioni dell’art. novellato in tutti i suoi aspetti, e <controlli difensivi> in senso stretto, diretti ad accertare specificatamente condotte illecite ascrivibili – in base a concreti indizi – a singoli dipendenti, anche se questo si verifica durante la prestazione di lavoro”.

Operata tale distinzione tra i “controlli difensivi” in senso lato e quelli in senso stretto, la S.C. ritiene che solo “questi ultimi controlli, anche se effettuati con strumenti tecnologici, non avendo ad oggetto la normale attività del lavoratore, si situino, anche oggi, all’esterno del perimetro applicativo dell’art. 4”, affermando il seguente principio di diritto: ““sono consentiti i controlli anche tecnologici posti in essere dal datore di lavoro finalizzati alla tutela di beni estranei al rapporto di lavoro o ad evitare comportamenti illeciti, in presenza di un fondato sospetto circa la commissione di un illecito, purché sia assicurato un corretto bilanciamento tra le esigenze di protezione di interessi e beni aziendali, correlate alla libertà di iniziativa economica, rispetto alle imprescindibili tutele della dignità e della riservatezza del lavoratore, sempre che il controllo riguardi dati acquisiti successivamente all’insorgere del sospetto. Non ricorrendo le condizioni suddette la verifica della utilizzabilità a fini disciplinari dei dati raccolti dal datore di lavoro andrà condotta alla stregua dell’art. 4 L. n. 300/1970, in particolare dei suoi commi 2 e 3”.

Rödl & Partner Learning Program – Corso di formazione Privacy Alert

Rödl & Partner avvierà un corso breve di formazione e aggiornamento privacy: il percorso formativo riguarda i recenti aggiornamenti normativi in tema di trasferimenti dati extra UE e Cookie e si svolgerà in due giornate previste per il 10 dicembre 2021 e il 21 gennaio 2022.

Il percorso vedrà la partecipazione di professionisti accuratamente selezionati della data protection. Grazie a testimonianze concrete, case history, approfondimenti teorici ed esercitazioni pratiche, il percorso mira a potenziare le competenze in ambito privacy, fornendo tutti gli strumenti per affrontare al meglio qualsiasi scenario.

I soci della Camera avranno diritto a uno sconto del 20% sul prezzo del corso fino al 12 novembre 2021!

Learning Program – Privacy Alert

Il 2021 è stato un anno di cambiamenti, con l’introduzione il 4 giugno delle nuove Clausole Contrattuali Standard e il 9 luglio con le nuove Linee Guida in tema di Cookie. Il corso ha l’obiettivo di analizzare le principali tematiche connesse alla privacy, con un particolare focus verso i recenti aggiornamenti normativi.

Il percorso si rivolge principalmente a responsabili referenti privacyresponsabili ITsecurity manager responsabili affari legali.

Durata 10 dicembre 2021 e 21 gennaio 2022

Trovate qui la brochure aggiornata contenente tutti i dettagli sul piano formativo, date e orari, tariffe.

Per richiedere ulteriori informazioni e per iscrizioni vi invitiamo a mandarci una mail all’indirizzo info@camacoes.it o chiamarci al numero +39 02861137.

La società benefit: una possibile risposta alle sfide di sostenibilità di oggi

A cura di Avv. Caterina Ghelli di Rorà

La pandemia dovuta al Covid-19 ha rianimato il dibattito sulle sfide ambientali, sociali ed economiche dei nostri tempi e sul tema della corporate social responsability, cioè della responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società e sugli obiettivi di sostenibilità richiesti alle aziende, racchiusi nell’acronimo ESG (environmental, social and governance). In questo contesto si sta assistendo ad un incremento del numero di società che aderiscono al modello di società benefit.

La figura della società benefit è stata introdotta in Italia nel 2016, dalla L. 28 dicembre 2015, n. 208 (art.1, commi 376-384), ma solo negli ultimi anni si sta assistendo ad un aumento del numero delle imprese aderenti. Di recente hanno sposato questo modello note società appartenenti ai più disparati settori commerciali (per citarne alcune, Danone S.p.a., Illycaffè S.p.a., Yves Rocher Italia S.r.l., Eni Gas e Luce S.p.a. e Eolo S.p.a. sui propri siti internet comunicano di essere diventate società benefit).

Si tratta di un modello imprenditoriale che, pur lasciando inalterata la struttura societaria tradizionale (si innesta infatti sulle figure societarie già esistenti, potendo acquisire detta qualifica ciascuna delle società di cui al libro V, titoli V e VI, del codice civile) e il perseguimento dello scopo di lucro, include tra le finalità dell’impresa l’obiettivo di bilanciare l’interesse della società con quello dei terzi coinvolti e generare un valore per la comunità perseguendo una o più “finalità di beneficio comune”.

La legge lascia alle singole società la libertà di provvedere alla specifica individuazione delle finalità di beneficio comune, limitandosi a definirle come “uno o più effetti positivi, o la riduzione degli effetti negativi” su una o più delle seguenti categorie: “persone, comunità, territori e ambiente, beni ed attività culturali e sociali, enti e associazioni, altri portatori di interesse”, ovvero “il soggetto o i gruppi di soggetti coinvolti, direttamente o indirettamente, dall’attività della società (…), quali lavoratori, clienti, fornitori, finanziatori, creditori, pubblica amministrazione e società civile” (L. cit., art. 1, commi 376 e 378).

Le finalità di beneficio comune devono essere specificatamente inserite all’interno dell’oggetto sociale, a fianco delle altre attività oggetto di impresa. Così facendo il perseguimento dello scopo benefico non si riduce ad una mera affermazione di principio, ma assurge ad oggetto giuridico dell’attività al pari del perseguimento dello scopo lucrativo. L’inserimento della finalità benefica nell’oggetto sociale consente anche di responsabilizzare gli amministratori, tenuti per legge a porre in essere le operazioni necessarie per il raggiungimento dell’oggetto sociale (ai sensi dell’art. 2380 bis c.c.).

In aggiunta a quanto precede, la legge richiede i seguenti ulteriori adempimenti: (i) individuare uno o più soggetti responsabili a cui sono affidati funzioni e compiti volti al perseguimento delle finalità di beneficio comune; (ii) allegare al bilancio una relazione annuale che descriva gli obiettivi specifici, le modalità e le azioni attuate dagli amministratori per il perseguimento delle finalità di beneficio comune e delle eventuali circostanze che lo hanno impedito o rallentato, la valutazione dell’impatto generato e la descrizione dei nuovi obiettivi che la società intende perseguire nell’esercizio successivo; (iii) pubblicare la relazione annuale sul sito internet della società, se la società ha un sito. La società aderente può inoltre (ma non è obbligatorio) inserire accanto alla denominazione sociale le parole “Società benefit” o “SB”.

La società benefit è soggetta alla vigilanza dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, potendo sussistere gli estremi della pratica commerciale scorretta e pubblicità ingannevole nel caso in cui non persegua realmente lo scopo benefico dichiarato.

Sotto il profilo fiscale il D.L. 19 maggio 2020 n. 34 ha riconosciuto un contributo sotto forma di credito di imposta nella misura del 50% dei costi di costituzione o trasformazione in società benefit, misura la cui applicabilità era originariamente prevista sino al 30 dicembre 2020 e che è stata estesa fino al 31 dicembre 2021 dall’art. 19-bis D.L. 73/2021, Decreto Sostegni-bis.

A livello di marketing l’adozione del modello di società benefit comporta un importante ritorno reputazionale e di immagine, essendo in grado di attrarre clienti, dipendenti e investitori: l’introduzione dello scopo benefico nell’oggetto sociale, unita alla responsabilizzazione degli amministratori davanti ai soci e della società di fronte all’Autorità garante, attesta difatti agli occhi del pubblico degli utenti la serietà dell’impegno assunto dall’azienda.

CYBERSECURITY: MINSAIT SI RAFFORZA IN ITALIA CON L’ACQUISIZIONE DI NET STUDIO DA PARTE DEL GRUPPO INDRA

Minsait rafforza le proprie capacità e offering in Italia nella Cybersecurity con l’incorporazione nel Gruppo Indra di Net Studio, azienda italiana leader nelle soluzioni di identità digitale e access management.

Net Studio è stata acquisita da SIA – società appartenente al Gruppo Indra, che in Italia è presente attraverso la società Minsait – con l’obiettivo di integrare il suo catalogo di soluzioni e servizi con l’offerta di Minsait in ambito Cybersecurity. Dall’unione delle competenze di Net Studio e Minsait, nasce un’offerta leader in Italia nel campo della gestione delle identità digitali.

Net Studio ha un team di oltre 70 esperti e importanti clienti nei settori dell’industria, della finanza e dell’energia che gli hanno permesso di crescere rapidamente negli ultimi anni. Il suo portafoglio di soluzioni comprende: la governance delle identità digitali; la gestione delle identità; la gestione degli accessi; la gestione degli account privilegiati e la governance dei dati.

Con l’integrazione di Net Studio nel Gruppo Indra, Minsait rafforza la propria offerta in Italia, dove ha già all’attivo importanti progetti di Cybersecurity per clienti in ambito Telco, Musei, Pubblica Amministrazione e Forze dell’Ordine. In particolare, la società si è specializzata nelle tematiche di security assessment, governance, risk & compliance e digital security.

Nelle parole di Pedro García, CEO di Minsait in Italia: “Questo accordo conferma la nostra scommessa sulla Cybersecurity come uno dei driver di crescita in Italia, dove grazie ai nostri professionisti abbiamo raggiunto uno dei più alti tassi di crescita nel mercato IT. Dalle competenze combinate di Net Studio e Minsait nasce l’offerta di riferimento nella Cybersecurity in Italia”.

Con l’ingresso nel Gruppo Indra, Net Studio manterrà il suo attuale team manageriale, che sarà guidato da Francesco Casertano, responsabile Cybersecurity di Minsait in Italia, il quale ha dichiarato: “Le sinergie che genererà l’ingresso di Net Studio nel nostro Gruppo ci permetteranno di offrire la più completa e robusta offerta di gestione delle identità digitali nel mercato italiano, rispondendo così alle crescenti esigenze di protezione che la trasformazione digitale sta creando per le aziende e le istituzioni italiane”.

I fondatori di Net Studio hanno aggiunto: “Siamo molto felici di entrare a far parte del Gruppo Indra, che vanta una forte presenza internazionale e che, attraverso Minsait, ha avuto una rapida e solida espansione in Italia negli ultimi anni, diventando un attore chiave nella digitalizzazione del Paese. Siamo certi che l’unione delle nostre competenze con quelle di Minsait ci aiuterà ad accelerare la nostra crescita per offrire alle aziende e alle istituzioni italiane il servizio di protezione più completo e avanzato sul mercato”.

Crescita in Italia

L’accordo con Net Studio rappresenta un nuovo traguardo nella crescita del Gruppo Indra in Italia, dove oggi conta, attraverso Minsait, la sua filiale di IT e Digital Transformation, più di 2.000 professionisti che lavorano su tutto il territorio nazionale.

All’inizio di quest’anno, infatti, Minsait ha acquisito l’azienda italiana SmartPaper, specializzata in soluzioni e servizi digitali di gestione documentale.

In questo modo, Minsait si è rafforzata nel mercato del Business Process Outsourcing (BPO) di alto valore e complessità tecnologica, integrando un team di circa 1.000 professionisti con l’obiettivo di completare la propria offerta di trasformazione digitale end-to-end e di promuovere la proiezione internazionale di questa area, con focus particolare sull’Europa e sull’America Latina.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si terrà la consegna dei ‘Premi Agripina’ per la comunicazione, pubblicità e marketing, organizzato da Extenda il prossimo 25 Novembre a Siviglia

Il 25 di novembre si terrà a Siviglia una missione commerciale internazionale organizzato da Extenda per il settore del marketing e comunicazione, in cui aziende internazionali attive sul mercato spagnolo potranno incontrare agenzie di comunicazione, pubblicità e marketing andaluse. Il programma provvisorio prevede una sessione di riunioni B2B il giorno 25 dalle 9.00 alle 16.00 presso la sede centrale di Extenda. Lo stesso giorno, a seguire, si terrà la premiazione dei premi “Agripina” www.premiosagripina.es,  un evento di riferimento del settore in Andalusia. L’invito include anche la partecipazione alla cerimonia finale e al successivo cocktail e party di chiusura dell’XI edizione.

Il giorno seguente viene anche offerta la possibilità di fissare gli incontri tra gli ospiti e le agenzie andaluse presso le loro strutture, nel caso in cui vi sia un interesse confermato da entrambe le parti e in base alla disponibilità di agenda degli invitati.

La partecipazione è gratuita e da Extenda si copriranno le spese di volo e alloggio di un invitato per ogni azienda estera.

L’invito è rivolto a tutte le aziende italiane attive o in procinto di aprirsi al mercato spagnolo, interessate a entrare in contatto con potenziali partner per la propria strategia di comunicazione e promozione.

X