Non categorizzato

Offerta di lavoro: Bio-Techne – Milano

Bio-Techne, azienda specializzata nello sviluppo e nella produzione di proteine purificate e soluzioni reagenti, cerca customer sales support

PROFILO RICHIESTO: Customer Sales Support

LUOGO: Sede Bio-Techne, Milano

ORARIO DI LAVORO: Da lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.45

Descrizione dell’offerta

Si ricerca una figura, in possesso di diploma di scuola superiore, che avrà la responsabilità di promuovere e supportare il business esistente in tutta la Spagna per il portafoglio Bio-Techne, gestito dall’ufficio di Milano.

Mansioni principali

Promuovere e sviluppare il business attuale:

  • Garantire un supporto al portafoglio clienti sia nel mondo dell’accademia che dell’industria in Spagna, analizzando le loro ricerche attuali per capire come il portafoglio Bio-Techne rientri tra queste
  • Utilizzare canali per sostenere e sviluppare nuove/esistenti opportunità di business, che includono richieste di informazioni attraverso il sito web, chiamate in uscita, e-mail in entrata e uscita e social media
  • Gestire i canali di comunicazione con i team di vendita interni ed esterni della Spagna, contribuire alla generazione di lead e supportare il marketing per garantire un team coeso per il massimo supporto ai clienti
  • Lavorare a stretto contatto con il Customer Service, il Marketing, Technical e Account manager per realizzare progetti su misura per aumentare le entrate
  • Promuovere ai nuovi clienti le tecnologie ACD e ProteinSimple
  • Lavorare a stretto contatto con il team di Customer Service
  • Aiutare a creare nuove opportunità di business attraverso i clienti esistenti e attraverso web chat interattive

Qualifiche/Requisiti minimi

  • Conoscenza lingua spagnola fluente
  • Conoscenza inglese livello B2
  • Diploma di scuola superiore
  • Provata esperienza di lavoro in un ambiente di customer care/sales con un forte orientamento commerciale
  • Eccellenti competenze informatiche, compresa l’esperienza di lavoro con i database, Office Outlook: Excel e Word sono essenziali

Caratteristiche e qualità personali:

  • Eccellente attenzione ai dettagli, gestione del tempo e capacità organizzative
  • Spiccata intraprendenza e attitudine a nuove sfide
  • Capacità di eseguire un’ampia varietà di compiti e di svolgere più compiti in modo efficiente
  • Capacità di mantenere la calma sotto pressione e di rispettare secondo le scadenze
  • Propensione a lavorare in ambiente dinamico e a ritmi elevati
  • Capacità di instaurare e mantenere relazioni con diversi livelli trasversali di clientela
  • Attitudine alla flessibilità per svolgere le mansioni richieste

Lingue richieste: Fluente in spagnolo, gradita buona conoscenza dell’inglese

Disponibilità: Da subito

Inviare la candidatura e il CV a empleo@camacoes.it

Offerta di lavoro: Bio-Techne – Milano

Bio-Techne, azienda specializzata nello sviluppo e nella produzione di proteine purificate e soluzioni reagenti, cerca customer sales support

PROFILO RICHIESTO: Customer Sales Support

LUOGO: Sede Bio-Techne, Milano

ORARIO DI LAVORO: Da lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.45

Descrizione dell’offerta

La figura ricercata, con laurea in materie biologiche, avrà la responsabilità di promuovere e supportare il business esistente in tutta la Spagna per il portafoglio Bio-Techne, gestito dall’ufficio di Milano. Questa posizione prevede un’elevata conoscenza dei clienti e del mercato.

Mansioni principali

Promuovere e sviluppare il business attuale:

  • Garantire un supporto al portafoglio clienti sia nel mondo dell’accademia che dell’industria in Spagna, analizzando le loro ricerche attuali per capire come il portafoglio Bio-Techne rientri tra queste
  • Gestire la Service Revenue
  • Utilizzare canali per sostenere e sviluppare nuove/esistenti opportunità di business, che includono richieste di informazioni attraverso il sito web, chiamate in uscita, e-mail in entrata e uscita e social media
  • Gestire i canali di comunicazione con i team di vendita interni ed esterni della Spagna, contribuire alla generazione di lead e supportare il marketing
  • Lavorare a stretto contatto con il Customer Service, il Marketing, Technical e Account manager per realizzare progetti su misura per aumentare le entrate
  • Identificare e gestire appalti locali nella regione
  • Promuovere ai nuovi clienti le tecnologie ACD e ProteinSimple
  • Lavorare a stretto contatto con il team del Customer Service per garantire che le esigenze dei clienti siano soddisfatte in termini di informazioni sul prodotto, quoting e supporto tecnico
  • Creare nuove opportunità di business attraverso i clienti esistenti e attraverso web chat interattive
  • Conoscere e monitorare il mercato e i competitors. Riportare i risultati e la potenziale pipeline sia mensilmente che trimestralmente al Territory Manager
  • Rappresentare l’azienda alle conferenze nazionali e internazionali

Qualifiche/Requisiti minimi

  • Laurea in materie biologiche o equivalente
  • Fluente lingua spagnola e inglese buono
  • Conoscenza del mercato Life Science
  • Provata esperienza di lavoro in un ambiente di customer care/sales con un forte orientamento commerciale
  • Capacità di tracciare gli indicatori di performance (KPI)
  • Eccellenti competenze informatiche, compresa l’esperienza di lavoro con i database, Office Outlook: Excel e Word sono essenziali

Caratteristiche e qualità personali:

  • Eccellente attenzione ai dettagli, gestione del tempo e capacità organizzative
  • Spiccata intraprendenza e attitudine a nuove sfide
  • Capacità di eseguire un’ampia varietà di compiti e di svolgere più compiti in modo efficiente
  • Capacità di mantenere la calma sotto pressione e di rispettare secondo le scadenze
  • Propensione a lavorare in ambiente dinamico e a ritmi elevati
  • Capacità di instaurare e mantenere relazioni con diversi livelli trasversali di clientela
  • Attitudine alla flessibilità per svolgere le mansioni richieste

Lingue richieste: Fluente in inglese e spagnolo

Disponibilità: Da subito

Inviare la candidatura e il CV a empleo@camacoes.it

Offerta di lavoro: Ristorante Argentino – Sheraton Milano San Siro

“El Patio del Gaucho”, il ristorante argentino al piano terra dello Sheraton Milano San Siro che porta la firma della leggenda del calcio Javier Zanetti, cerca personale di sala.

PROFILO RICHIESTO: Camerieri/e

LUOGO: Sheraton Milano San Siro (MI)

Descrizione dell’offerta

Il candidato/a ideale dovrà avere la capacità di accogliere gli ospiti e di presentare loro il menù in modo dettagliato. La cura dei particolari, la sistemazione impeccabile dei tavoli e la cortesia faranno vivere agli ospiti un’esperienza culinaria indimenticabile.

Mansioni principali

  • Accogliere gli ospiti e occuparsi della sistemazione dei tavoli
  • Servire gli ospiti sapendo consigliare laddove necessario
  • Gestire le transazioni con il sistema Micros POS
  • Verificare il livello di soddisfazione del cliente
  • Occuparsi del servizio di chiusura

Requisiti

  • Ottime capacità di conversazione
  • Orientamento al lavoro di squadra
  • Personalità positiva ed estroversa
  • Propensione al contatto con il pubblico

Esperienza minima: Almeno 1 anno

Lingue richieste: Ottima conoscenza della lingua italiana e spagnola

Disponibilità: Da subito e in orario serale

Inviare la candidatura e il CV a empleo@camacoes.it

Offerta di lavoro – Ristorante a Forte dei Marmi

DIPARTIMENTO: Cucina

PROFILO RICHIESTO: Cuoco/a

LUOGO DI LAVORO: Forte dei Marmi

 

Descrizione dell’offerta: Ristorante a Forte dei Marmi con 18 anni di esperienza nel settore della ristorazione cerca un cuoco/a specializzato/a in cucina spagnola.

Mansioni principali: Si richiede capacità di organizzazione in cucina e abilità nella preparazione di piatti della tradizione spagnola, di pasta fresca, secondi piatti e dolci.

Studi minimi richiesti: Scuola Alberghiera o Corsi Specializzati in Cucina Spagnola.

Esperienza minima: Almeno 3 anni.

 

Inviare la candidatura e il CV a empleo@camacoes.it.

L’Italia, una delle destinazioni di punta del Gruppo Iberia quest’estate

Il Gruppo Iberia (Iberia, Iberia Express, Iberia Regional e Air Nostrum) offrirà 12 destinazioni in Italia: Roma, Milano, Firenze, Venezia, Napoli, Bologna, Torino, Bari, Catania, Cagliari, Olbia e Palermo.

L’Italia è una delle grandi scommesse del gruppo Iberia per questa estate, dove la compagnia aerea offrirà voli verso 12 destinazioni. Ad oggi il Gruppo Iberia vola a Roma, Milano, Firenze, Venezia, Napoli, Bologna e Torino e, da metà Giugno l’offerta si amplierà a Bari, Catania, Olbia, Cagliari e Palermo.

Roma: a Giugno Iberia raggiungerà la Capitale con 18 frequenze settimanali che, da Luglio, aumentereanno a 21.

Milano: per tutta l’estate Iberia offrirà tre voli diretti giornalieri da Madrid.

Firenze: a Giugno Iberia opererà con quattro frequenze settimanali, per aumentare a frequenza giornalieria nel mese di Luglio.

Venezia: a Giugno Iberia viaggierà con 10 frequenze per raggiungere le 14 nel mese di Luglio.

Napoli: Iberia offrirà cinque voli a settimana a Giugno e aggiungerà un’ulteriore frequenza da Luglio, offrendo un volo giornaliero tranne il martedì.

Bologna: la tratta viene operata da Iberia Regional/Air Nostrum con 11 frequenze settimanali nel mese di Giugno, 14 a Luglio.

Torino: anche questa tratta viene operata da Iberia Regional/Air Nostrum con 5 frequenze settimanali durante il mese di Giugno e una connessione giornaliera nel mese di Luglio.

Oltre a queste destinazioni, Iberia volerà verso altre cinque città quest’estate:

Bari: città situata nel “tacco” d’Italia e bagnata dal mare Adriatico. Iberia inizia i voli il 21 Giugno edurante i mesi di Luglio, Agosto e Settembre offrirà tre frequenze settimanali, il lunedì, venerdì e sabato.

Catania: Iberia lancia voli per la seconda città più grande della Sicilia il 21 Giugno. Negli ultimi giorni di questo mese offrirà tre voli settimanali, che cresceranno a cinque a Luglio per diventare giornalieri nel mese di Agosto.

Olbia: il 22 Giugno è la data di inizio dei voli per questa città nel nord-est della Sardegna, sulla Costa Smeralda. Iberia inizierà con tre voli a settimana, che aumenteranno a quattro a Luglio e cinque ad Agosto, tornando a tre a settimana nel mese di Settembre.

Cagliari: Iberia Express aggiungerà la capitale della Sardegna alla sua rete di destinazioni dal 18 Giugno, con due frequenze alla settimana.

Palermo: Iberia ha programmato una frequenza settimanale dal 24 Giugno per la capitale della Sicilia. Durante il mese di Luglio ci saranno due voli alla settimana, il giovedì e il sabato, e in Agosto e Settembre ci sarà un ulteriore volo settimanale di mercoledì.

Un ulteriore passo verso la parità di trattamento dei distacchi transnazionali; il Regio Decreto Legge 7/2021 completa la trasposizione della direttiva “distacco”

Lo scorso 28 aprile è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Spagnola (BOE) il Regio Decreto Legge 7/2021, con il quale viene trasposta la Direttiva  2018/957 sul distacco di lavoratori. Qual è la finalità? Andare verso  la parità di trattamento dei distacchi all’interno dell’Unione Europea, integrando i lavoratori nel mercato del lavoro spagnolo dopo un determinato periodo.

Questo Regio Decreto Legge modifica, tra le altre, le seguenti norme interne:

 (i) La Legge sul distacco transnazionale dei lavoratori (cioè, la legge 45/1999);

(ii) La Legge sulle infrazioni e le sanzioni dell’ordine sociale (cioè la LISOS); e

(iii) La legge che regola il sistema d’ispezione del lavoro e della sicurezza sociale (Ley Ordenadora del Sistema de Inspección de Trabajo y Seguridad Social).

Pertanto, un’ulteriore revisione della legislazione spagnola è richiesta al fine di includere le seguenti misure richieste dalla Direttiva.

A proposito della legge 45/1999 sul distacco transnazionale dei lavoratori, sono possibili due scenari:

Primo scenario: il lavoratore è dislocato in Spagna per meno di dodici mesi (possibilità di estensione fino a 18 mesi). In questo caso, uno degli ultimi aggiornamenti è che devono essere garantite alcune condizioni di lavoro di base come le spese di viaggio, alloggio e soggiorno (che, in ragionedella sua natura non salariale, non può essere dedotto dalla retribuzione stabilita dalla legislazione spagnola).

Secondo scenario: distacco del lavoratore per un periodo di tempo superiore a 12 o 18 mesi. In questo caso, devono essere garantite tutte le condizioni di lavoro applicabili in Spagna, non solo quelle di base, ma anche quelle stabilite dalla legge o dalla contrattazione collettiva. Tuttavia, ci saranno alcune esclusioni, come le norme relative alla conclusione e alla cessazione del contratto di lavoro, le norme di non concorrenza post-contrattuale e le norme che regolano i regimi pensionistici complementari.

Degna di nota è anche l’introduzione di misure il cui obiettivo è quello di rafforzare la cooperazione tra le Amministrazioni per prevenire le frodi in cui può incorrere un’azienda che intende includere un lavoratore nel campo di applicazione della legge 45/1999 quando in realtà non rientra nel campo di applicazione della legge. Il RDL stabilisce che il lavoratore avrà diritto all’applicazione della legislazione spagnola sul lavoro e alla previdenza sociale, e non potranno essere applicate condizioni meno favorevoli di quelle applicabili ai lavoratori effettivamente distaccati.

Infine, in relazione al regime sanzionatorio, questo RDL ha esteso l’ambito di applicazione della violazione grave contemplata nell’articolo 10.2 della LISOS, una violazione punibile con una multa da 626 a 6.250 euro. D’ora in poi, quest’articolo indica un caso in più che potrebbe essere sanzionato: l’allegazione di atti o circostanze falsi al fine di motivare l’estensione dei distacchi transnazionali.

Come nota finale, è importante ricordare che le suddette novità del RDL 7/2021 non si applicano al settore del trasporto su strada, che continuerà ad essere regolato dalla precedente formulazione del regolamento.

 

Ulteriore proroga (per il momento) sino al 31.01.2021 del blocco dei licenziamenti economici

A cura di Avv. Enzo Pisa e Dott.ssa Annachiara Zandonà

Il D.L. 137/2020 (c.d. decreto “Ristori”) dello scorso 28 ottobre, recante “Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza” (connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19), proroga alcune misure emergenziali in materia di lavoro già facenti parte del corpus dei precedenti decreti emanati dal Governo durante il periodo di pandemia da Covid-19, tra cui il temporaneo divieto dei licenziamenti collettivi e per giustificato motivo oggettivo (in seguito, con l’acronimo g.m.o.), prolungato ora sino al 31 gennaio 2021.

L’art. 12, commi 9 e 10, del predetto D.L. stabilisce, infatti, che sino a tale data “resta precluso l’avvio delle procedure di cui agli articoli 4, 5 e 24 della legge 23 luglio 1991, n.  223 e restano sospese le procedure pendenti avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020, fatte salve le ipotesi in cui il personale interessato dal recesso, già impiegato nell’appalto, sia riassunto a seguito di subentro di nuovo appaltatore in forza di legge, di contratto collettivo nazionale di lavoro, o di clausola del contratto di appalto. Fino alla stessa data di cui al comma 9 resta, altresì, preclusa al datore di lavoro, indipendentemente dal numero dei dipendenti, la facoltà di recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo ai sensi dell’articolo 3 della legge 15 luglio 1966, n. 604, e restano altresì sospese le procedure in corso di cui all’articolo 7 della medesima legge”.

L’ennesimo prolungamento del divieto di licenziamento per ragioni economiche è strettamente legato alla proroga di 6 settimane – da collocarsi nel periodo compreso tra il 16 c.m. ed il prossimo 31 gennaio – della cassa integrazione con causale Covid-19 per le imprese che, a metà di questo mese, hanno esaurito le 18 settimane di cassa o l’alternativo sgravio contributivo concessi dal D.L. 104/2020, convertito nella L. 126/2020, c.d. decreto “Agosto”.

E’ notizia di questi giorni, peraltro, che lo stop ai licenziamenti economici andrà avanti sino a fine marzo 2021 di pari passo con le ulteriori 12 settimane di cassa integrazione con causale Covid-19, che saranno finanziate con la prossima legge di Bilancio.

Ex lege fanno eccezione al blocco dei licenziamenti: le ipotesi di licenziamenti motivati dalla cessazione definitiva dell’attività dell’impresa (si noti bene: la chiusura di un’unità produttiva, di per sé, non porta alla sospensione del blocco), conseguenti alla messa in liquidazione della società senza continuazione, anche parziale, dell’attività, nei casi in cui nel corso della liquidazione non avvenga la cessione d’un complesso di beni od attività che possa configurare un trasferimento d’azienda o d’un suo ramo ex art. 2112 c.c.; le ipotesi di licenziamenti intimati in caso di fallimento, quando non sia previsto l’esercizio provvisorio dell’impresa, ovvero ne sia disposta la cessazione (con la precisazione che, nel caso particolare in cui l’esercizio provvisorio sia disposto per uno specifico ramo dell’azienda, sono esclusi dal divieto i licenziamenti riguardanti i settori non compresi in tale ramo); una terza ipotesi è quella in cui venga stipulato un accordo collettivo aziendale (con esclusione, quindi, di accordi territoriali o nazionali) con le OO.SS. comparativamente più rappresentative a livello nazionale, che prevede un incentivo alla risoluzione del rapporto per i dipendenti che aderiscono allo stesso accordo, ai quali è comunque riconosciuto il diritto al trattamento NASpI.

Delimitato il perimetro, così come tracciato dal decreto “Agosto” e rimarcato dal recente decreto “Ristori”, entro il quale è consentito in connessione all’emergenza sanitaria, si osserva che sono sempre rimasti intimabili, in quanto non “toccati” dalla sospensione, i seguenti licenziamenti individuali, per loro natura non riconducibili a motivi economici: i licenziamenti disciplinari, sia per giusta causa che per giustificato motivo soggettivo; i licenziamenti per raggiungimento del limite massimo d’età pensionabile; i licenziamenti dei lavoratori domestici; i recessi dal contratto d’apprendistato, al termine del periodo formativo;  i licenziamenti durante o al termine del periodo di prova; i licenziamenti per superamento del periodo di comporto.

Quanto, invece, al licenziamento per sopravvenuta inidoneità della prestazione, rientrando esso per definizione nei casi di licenziamento per g.m.o., seppur non dipendente da ragioni economiche, anch’esso è vietato, a maggior ragione laddove l’inidoneità sia causata dai postumi dell’infezione da Covid-19.

In conclusione, si rileva come la norma sul temporaneo divieto di licenziamento abbia alimentato qualche dubbio sulla sua applicabilità al licenziamento individuale del dirigente, al quale non s’applica il concetto di g.m.o., bensì un criterio di “giustificatezza”.

Stante il chiaro tenore letterale del c. 10 dell’art. 12 del decreto “Ristori”– il quale, così come i precedenti decreti emergenziali, fa esplicito riferimento all’art. 3 della L. 604/1966, non applicabile alla categoria dirigenziale per espressa previsione dell’art. 10 della medesima L. 604 – è prevalente tra i commentatori l’opinione secondo cui alla categoria dei dirigenti non s’applichi il blocco di licenziamento individuale per ragioni oggettive.

WEBINAR STUDIO LEGALE MENICHETTI – LICENZIAMENTO PER RAGIONI OGGETTIVE

Mercoledì 4 novembre 2020 ore 16 lo Studio Legale Menichetti, socio di CAMACOES, ha organizzato con Federmanager Trento un webinar sul “Licenziamento per ragioni oggettive”, coordinato dal prof. Gaetano Zilio Grandi, ordinario di diritto del lavoro presso l’Università Cà Foscari di Venezia, con interventi degli avvocati Claudio Damoli, avv. Enzo Pisa, avv. Gilda Pisa ed Enrico Togni.
All’evento – che sarà trasmesso, gratuitamente, online attraverso la piattaforma Zoom – si potrà partecipare, dandone comunicazione a nicolettapianigiani@studiolegalemenichetti.it, cui seguirà l’invio, da parte dello Studio, del link d’accesso alla sessione e delle istruzioni per il collegamento.

Extenda: Missione commerciale virtuale – Settore ortofrutticolo

I giorni 30 di giugno e 1 di luglio Extenda organizza una Missione Commerciale Inversa dedicata al SETTORE ORTOFRUTTICOLO, che si realizzerà per la prima volta in formato interamente virtuale.
Gli scorsi anni Extenda ha organizzato con carattere annuale delle missioni commerciali B2B durante le quali le delegazioni di fornitori di frutta e verdura dell’Andalusia hanno potuto riunirsi in Italia con i principali importatori e buyer della GDO e presentare la loro offerta.
Quest’anno, dovuto alle circostanze di emergenza sanitaria, non sarà possibile fare lo stesso, ma per non rinunciare a questo importante appuntamento e opportunità di contatto, abbiamo proposto la stessa iniziativa in formato digitale.
Attraverso una piattaforma online le aziende italiane insieme agli altri importatori di tutta Europa potranno collegarsi, visionare l’elenco di produttori andalusi registrati e pianificare le loro riunioni durante i 2 giorni dell’evento.
Per qualunque dettaglio in merito all’iniziativa, scrivere a italia@extenda.es.

Causa di forza maggiore nei contratti internazionali- Franzosi Dal Negro Setti

Il Ministero dello Sviluppo Economico Italiano in data 25 marzo 2020 ha preso atto dell’esigenza manifestata da diverse imprese alle Camere di Commercio, Industria e Artigianato di dover documentare le condizioni di forza maggiore derivante dall’attuale fase di emergenza sanitaria da COVID-19. Ciò soprattutto perché le clausole presenti in molti contratti di fornitura in essere con l’estero comportano la necessità di produrre tali attestazioni per poter invocare la forza maggiore e far fronte all’inadempimento delle obbligazioni.

Su richiesta della singola impresa, pertanto, le Camere di commercio potranno rilasciare dichiarazioni in lingua inglese sullo stato di emergenza in Italia conseguente all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e sulle restrizioni imposte dalla legge per il contenimento dell’epidemia. Nei prossimi giorni verranno pubblicate sulle varie pagine delle Camere di commercio i moduli con i quali le imprese potranno domandare alla Camera di commercio di appartenenza il rilascio dell’attestazione.

X