AGGIORNAMENTO EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA: PUBBLICATO IL DECRETO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 4 MARZO 2020

AGGIORNAMENTO EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA: PUBBLICATO IL DECRETO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 4 MARZO 2020

Nella serata di ieri, 4 marzo, è stato pubblicato un nuovo DPCM riguardante il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica in atto.

Tale nuovo Decreto, fermi restando i provvedimenti per la c.d. «zona rossa» e la c.d. «zona gialla» stabiliti dal precedente DPCM 1.3.2020 (su cui è possibile leggere il nostro approfondimento cliccando qui), ha esteso a tutto il territorio nazionale alcune delle misure precedentemente previste per la sola zona gialla.

Tra gli altri provvedimenti, segnaliamo in particolare che fino al 15 marzo è prevista in tutta Italia la sospensione dell’attività scolastica, universitaria e delle gite e viaggi di istruzione e, fino al 3 aprile, il divieto di congressiriunioni e meeting per il personale sanitario e il personale dedicato a servizi pubblici essenziali.

Allo stesso modo, sono fortemente scoraggiati gli assembramenti e, dunque, gli eventi sociali e le riunioni che comportino la partecipazione di più persone.

Inoltre, il DPCM fornisce particolari raccomandazioni volte alla prevenzione del contagio, quali:

  • evitare abbracci e strette di mano;
  • mantenere nei contatti sociali una distanza interpersonale di almeno un metro;
  • adottare un’adeguata igiene respiratoria (starnutire e/o tossire all’interno di un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni);
  • evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante le attività sportive;
  • evitare la frequentazione di luoghi affollati da parte degli anziani.

Segnaliamo infine il comunicato del 2 marzo 2020 il Garante Privacy che ha precisato che:

  • i datori di lavoro devono astenersi dal raccogliere, a priori e in modo sistematico e generalizzato, anche attraverso specifiche richieste al singolo lavoratore, informazioni sulla presenza di eventuali sintomi influenzali del dipendente e dei suoi contatti più stretti o comunque rientranti nella sfera extra lavorativa;
  • i dipendenti hanno l’obbligo di segnalare al datore di lavoro qualsiasi situazione di pericolo per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Per una prospettiva internazionale:

Baker McKenzie – Coronavirus – Europe Quick Guide for Employers

Massimiliano Biolchini
massimiliano.biolchini@bakermckenzie.com
Uberto Percivalle
uberto.percivalle@bakermckenzie.com
Sergio Antonelli
sergio.antonelli@bakermckenzie.com

Share this post


X