Programma Comunicazione

Programa Comunicación – Entrevista #4

Entrevista con Marta Serrano Valenzuela 

“Me gusta pensar que las oportunidades llegan a ti cuando es el momento adecuado”

 marta serrano

Marta Serrano Valenzuela, estudió Filología inglesa en la Universidad de Zaragoza, al finalizar la carrera ganó una beca del Consejo de Europa, que organizaba cursos de idiomas en el extranjero.  Disfrutando de la beca en Italia  conoció al que sería su marido, con el que tiene dos hijos. Trabajadora incansable, es la encargada de desarrollar la red de clínicas Podoactiva en Italia, de encontrar centros asociados y de fomentar la colaboración con otras  entidades.  Esta sociedad nace con voluntad de hacer red con otros entes y asociaciones lombardos emprendedores e innovadores del mundo de la podología y biomecánica para después extenderse por todo el país. En Milán se ha abierto lo que sería la “clínica piloto”, bajo su atenta supervisión.

Cuéntanos un poco tu experiencia profesional previa…

Llevo veinticinco años viviendo en Italia, en Turín. Desde hace siete años me dedico a la formación de la cantera de la Juventus. Estos chavales sueñan con llegar muy alto en el mundo del fútbol pero no todos cumplen el sueño,  y en el empeño por llegar a serlo han descuidado muchas veces su formación académica. Mi trabajo consistía en ayudar a estos jóvenes a mejorar la formación académica. Llevé a cabo acuerdos con el Ministerio de Educación para desarrollar programas de educación para estos deportistas jóvenes de élite como ocurre en EEUU o los países nórdicos.  Sigo comprometida con las Ligas de Fútbol en difundir este proyecto, que en este momento es experimental, con la idea de que se llegue a convertir en un derecho en el ámbito escolar. El objetivo mío era la double career como dice la Comisión Europea. De esta manera se evitaría que los jóvenes que apuestan por el deporte no se quedasen sin títulos escolásticos y con un futuro incierto.

Estableciendo contactos, promoviendo acuerdos, gestionando…

Trabajando para la cantera de la Juventus, tuve la oportunidad de conocer a mucha gente del mundo de deporte, establecí muchos contactos que me están ayudando mucho para implantar Podoactiva en Italia. Soy project manager y mi trabajo consiste en este momento en contactar a entidades interesadas en la empresa, extender la red en este país; hemos comenzado en Milán porque es la zona de Italia por excelencia desde el punto de vista de innovación, trabajo y desarrollo.

Empezar una empresa de éxito en España, no significa que vaya bien en otro país…

No, para nada, por eso hemos decidido empezar por la ciudad más dinámica y emprendedora de Italia. Milán es una ciudad estratégica para empezar un negocio. Las provincias de la Lombardía son ricas pero todo gira en torno al centro, il capoluogo, Milán. Será difícil la implantación de esta empresa debido a que  hay mucha competencia.  El valor añadido que ofrecemos a este país sería la podología entendida como empresa, con muchos empleados con la misma metodología, mas de 300 personas. En España ofrecemos calidad a mejor precio de la que se ofrece en Italia donde los costes son más altos así como los impuestos. La optimización de los costes de producción es una característica singular de España. Pero nosotros ofrecemos una gran calidad, no hacemos low cost.

Un gran reto. Explícanos tus estrategias de comunicación.

Sí, es un reto. Todo lo que se ha hecho en España en diez años hay que hacerlo aquí en tres, pues hay más experiencia. Conseguir 150 puntos de atención en todo el país, crear una red italiana apoyándonos en podólogos o centros ya existentes que nos puedan facilitar la labor. Si hubiera mucho negocio de podología o biomecaniza en el lugar se evitaría la competencia intentando primero cubrir zonas donde la podología esté poco implantada.  Me apoyo para lograrlo en redes sociales: Facebook, Linkedin, Instagram… la comunicación pasiva en la comunicación digital; tenemos redes de seguidores, publicamos novedades, damos consejos sanitarios y de prevención. También es muy importante la comunicación activa con la interacción con profesionales “uno a uno”, contactos, entidades u organismos sanitarios, asociaciones privadas que se ocupan de dar servicio sanitario a la población.A partir de septiembre tengo reuniones con empresas  para crear un proyecto con  otros socios y poder ofrecer jornadas de sensibilización en colegios, empresas, entidades publicas o privadas. De esta manera  nos acercarnos al cliente final.

¿Que papel desempeña un project manager en una empresa?

Gestiono proyectos. Monté un colegio como hice para la Juventus, como  desarrollo un proyecto comercial a nivel educativo…ahora quiero apoyarme en convocatorias publicas o privadas y desarrollar nuevos proyectos en tema educación, deporte e innovación tecnológica… El project manager es un papel de gestión, encargado de llevar los proyectos a buen término. Coordina equipos e interpreta las necesidades de cada tarea.  Es líder de los equipos y se compromete en la gestión en todas sus etapas. Tiene que estar en contacto con los profesionales de distintas áreas, transmitiendo información de un equipo a otro. No tiene que tener necesariamente los conocimientos técnicos, debe seguir el avance del proyecto en general, entendiendo los procesos como parte de un todo.

¿Cuáles son tus proyectos de futuro?

Mi futuro profesional lo imagino creando Podoactiva Italia S.R.L., con su exigente coordinación y  seleccionando contactos mejores y creando las alianzas que mas nos pueden beneficiar en el futuro. También me gustaría crear una sociedad y despacho para dar oportunidad a jóvenes para crear proyectos, project generation.

 

 

COMIDAS DE ESPAÑOLAS

“Comida españolas”

“Comida españolas” es el nombre del grupo de WhatsApp compuesto por más de 100 españolas instaladas en Milán, que mantienen su cita fija cada primer martes de mes para compartir una comida juntas y mucho más. Detrás de este grupo hay una larga historia:

Eran los años 80, un grupo de hispano parlantes llegadas a Milán, por amor en la mayoría de los casos, con el idioma como barrera y fuera de casa, sentían la necesidad de contar alguien con quien entenderse. Pilar Caval, española afincada en Italia y mujer del Cónsul de la época, conocedora de lo que suponía llegar a un país extranjero en aquellos tiempos, decide organizar en 1985 el primer encuentro de mujeres españolas en el patio del Palacio delle Stelline de Milán. 

Escuchar, celebrar, contar, apoyarse, recomendar…Este era el objetivo del primer encuentro. Todas estaban invitadas. Y todas acudieron. Nació así la primera comunidad de españolas y latinoamericanas en Milán, que serviría de precursora para las siguientes comidas.

Y aunque algunas, ya volvieron a España, otras, continuaron su marcha hacia otros países, pero otras muchas se quedaron en Italia y se han convertido a día de hoy en las veteranas del grupo. Más de 30 años después, Rosa Mari y Esther, continúan reuniendo y acogiendo a un gran número de nuevas españolas.

Entre ellas se encuentran Margarita y Almudena, que llegaron ya hace algunas décadas, pero que siempre recordarán cómo las más veteranas las recibieron con los brazos abiertos. En tiempos de desconocimiento, encontrar un buen médico de confianza, un colegio para los niños o incluso un buen peluquero con el que poder entenderte, se volvía una tarea más que complicada. Aquí es donde los encuentros jugaron un papel importante.

Entonces, como ahora, la cita fija era cada primer martes del mes. Con el teléfono fijo como herramienta, bastaba llamar a la pizzeria en Duomo donde se reunían y reservar cada una su sitio. Cuentan orgullosas y con guasa el primer paso de “digitalización” del grupo, cuando se pasó a Excel por primera vez la lista de participantes, que hasta entonces solo existía en lápiz y papel. Pasaron los años y la dificultad para congregar a tanta gente se volvía difícil. Hasta que llegaron los móviles.

El grupo de WhatsApp creado en 2014 por Margarita ha aligerado la gestión de las quedadas y ha favorecido el intercambio de información entre las componentes. El grupo sigue creciendo cada día con compatriotas conocidas en vuelos, en guarderías, durante gestiones en el consulado o en el ayuntamiento. Todas ellas tienen una vida italianizada, la comunidad de españolas les ayuda a llevar con mayor facilidad su día a día en Milán  y les acerca un poquito a casa.

Comida españolas

 

 

Programa Comunicación – Entrevista #2

Entrevista con Marina Óàz
“Vivir la realidad de otros países te abre la mente”

MARINA-4 (002)

Marina Óàz, nombre artístico de Marina Gómez Fernández. Ingeniera española que vive en Milán. Estudió Ingeniería industrial en la Universidad de Cantabria con dos estancias en el extranjero. Empezó su andadura profesional en una empresa de Santander, pero a los tres años lo dejó para hacer un master de producción industrial en París, a partir de ahí pasó a ALSTOM, multinacional francesa.

Siempre ha trabajado en el campo de la energía. Fue la primera mujer responsable de construcción de centrales térmicas para esta empresa. También ha trabajado en gestión de proyectos, que le ha llevado al país galo a Holanda y Sudáfrica.

En 2015 hace un Executive MBA internacional en el IE Business School y quiso después adquirir experiencia en la parte comercial. En ese momento la fichó General Electric y le surgieron varias opciones: Suiza, Ghana, Suecia…pero acabó en Milán. El trabajo consistía en hacer desarrollo de negocio de equipo de tratamiento de gases para instalaciones industriales y centrales eléctricas completas de residuos y de biomasa. Era un campo del que la empresa había estado fuera muchos años pero se había decidido a relanzar nuevas calderas y volver de ese modo a competir. Marina Gómez en esta multinacional americana se encargaba de hacer análisis de mercado, definir estrategias, apoyar a los equipos de ventas de todo el mundo y establecer relaciones con clientes potenciales dentro de Europa. 

P: Eres una española que ha trabajado en muchos países. Animarías a otros a hacerlo para crecer profesionalmente…

R: No solo animaría a alguien a trabajar fuera de su país sino que lo haría obligatorio, por ejemplo para obtener un título universitario o un módulo superior. Desde los gobiernos se debería potenciar de forma seria, con las ayudas económicas que conlleva. Vivir la realidad de otros países te abre la mente. Vivir y trabajar fuera de tu patria te ayuda a apreciar y valorar más tu país, pero al mismo tiempo entiendes que hay cosas que se hacen mejor en otro sitio y que por tanto deberíamos cambiar. Un ejemplo, la Sanidad Pública española, sería más apreciada y cuidada si se hubiese vivido la realidad de otros países, incluido los europeos.

P: Llegaste a Milán hace exactamente tres años.

R: Me trajo la multinacional a finales de mayo de 2016. Venía de Sudáfrica, iba para Ghana y acabé en Milán. Tenía bajas expectativas de Milán, ciudad industrial y gris: gente poco sociable. Sin embargo, no he tenido dificultad para conocer gente, que además la hay de distintos sitios. En otros países he tenido más dificultades para socializar. He conocido a mucha gente con una aplicación que funciona: Meet-Up. Es una ciudad accesible, un tercio de Madrid, por lo que se llega enseguida a todas partes y hay muchísimas actividades culturales. El tema del diseño y moda le da un toque bastante original a la ciudad. La semana del diseño me encanta, con instalaciones por doquier. Hay barrios con edificios modernistas preciosos, y por la mañana los portones están abiertos y se ven los patios interiores. El aperitivo milanés también me gusta y nos encontramos muy cerca de la montaña y del mar.

P: Es difícil a veces adaptarse a otros modos de trabajar. ¿Te gusta de la forma de trabajar de este país, el made in Italy? Cuéntanos tu experiencia.

R: Lo de adaptarse o no en realidad depende de cada persona, y de lo atento que estés a respetar formas de trabajar distintas a las tuyas. Yo no he tenido nunca problemas para adaptarme, pero he conocido a gente que, consciente o inconscientemente, no tenía en cuenta las diferencias culturales con resultados nefastos. Con algunas culturas adaptarme ha implicado una buena dosis de frustración.

La forma de trabajar en Italia no es la mejor, algo que a un español no le sorprenderá porque es muy parecida a España. Hay una ventaja y es que como aquí se cena antes, nadie se queda en el despacho hasta las 21h00. En este tema tanto España como Italia están muy retrasadas respecto a otros países. Todavía la norma es valorar a la gente por la hora en que se va del trabajo en vez de por los resultados que obtiene. Flexibilidad y trabajar desde casa son muy raros, ya sea en Italia o España. Yo he tenido la suerte de que, trabajando en una multinacional americana, esto no era así.

P: Te presentaste a un concurso de arte y ganaste. Un premio muy prestigioso: Arte Laguna.

R: El premio consiste en una residencia de artista de un mes, para desarrollar un proyecto, una instalación mural que quedará fija en las instalaciones Open dream de Treviso.

Es un proyecto de regeneración de una antigua fábrica de cerámica, para transformarla en un polo de excelencia del made in Italy, Son 100.000 metros cuadrados en los que comida, arte, turismo sostenible, innovación, talleres, eventos se unen en un proyecto ambicioso co-financiado por la Unión Europea.

P: Pero el premio supone un cambio de onda para ti…has hecho un curso de pastelería en Milán. 

R: Sí, estoy experimentando recientes cambios en mi carrera profesional debido a una reestructuración que hicieron en mi empresa. Mi puesto iba a ser eliminado. Me ofrecieron irme a otros sitios, pero yo estaba bien en Italia y me focalicé en mi faceta artística. Me dedico ahora a actividades que cuando hacía de ingeniera no tenía tiempo de desarrollar, por ejemplo, la cocina. He hecho un curso de pastelería donde he aprendido lo que buscaba: bases técnicas.

P: Quedará en hobby o irá a algo más… (le insinúo).

R: Mi idea es montar una start up el próximo año. Estoy todavía dándole vueltas al tema, pero probablemente estará relacionado con la pastelería y la cerámica, siento pasión por ambas cosas (su casa está decorada básicamente con cerámicas y cuadros de ella).

P: Ingeniera y artista al mismo tiempo no es la cuadratura del círculo, ¿no?

R: Mi padre ingeniero naval mi madre una apasionada del arte e hizo años de arquitectura. Mi padre hacía cosas manuales, construyó su propio barco. En el Renacimiento los ingenieros eran artistas, era lo normal…es una pena que se esto se haya perdido un poco, porque esta mezcla ha dado lugar a mucha innovación a lo largo de nuestra historia. El arte debería estar más presente en la educación.

Entrevista: Myriam Lafuente
Foto: Jaime Suárez (@jaimesuarez_photo)

Programa Comunicación – Entrevista #1

Entrevista con María Garrido, ex-participante del Programa PICE

Maria Garrido Entrevista Programa Comunicacion CAMACOES

P: Buenos días, María. En primer lugar, gracias por contarnos tu historia. ¿Cuándo y por qué decidiste venir a Italia?

R: Muchas gracias a vosotros por invitarme, sé bien el trabajo que se lleva a cabo con el Programa Comunicación y la gran labor que desempeña, dando voz a los españoles presentes en Italia e informando de todas las iniciativas que unen los dos países.

Decidí mudarme a Italia hace 9 meses buscando una experiencia laboral en el extranjero. Siempre me ha llamado mucho la atención Italia y cuando decidí que quería salir fuera fue mi primera opción. Yo había vivido ya un año en Italia y desde entonces sabía que quería probar suerte en este país.

P: ¿Fue sencillo adaptarse a la vida en Milán? ¿Cómo encontraste alojamiento?

R: La verdad es que sí. Italia es un país muy similar a España, tanto por la cultura como por su gente. Además, Milán como capital europea que es, es una ciudad abierta en la que te encuentras gente de todas partes y eso hace que sea un lugar donde enseguida te sientes acogido.

La búsqueda de alojamiento fue un poco más complicada. El mercado inmobiliario va muy rápido y tienes que estar muy activo en la búsqueda porque los pisos vuelan (ríe). Aunque mi experiencia fue diferente (encontré alojamiento gracias a recomendaciones de amigos). Sé que mucha gente lo ha hecho vía agencia y también funcionan bien los grupos de Facebook.

P: ¿Cómo conociste el Programa PICE y cómo fue el proceso de tramitación de la beca?

R: Fue todo bastante casual. Llegué a la Cámara buscando trabajo y me comentaron que tenían una vacante mediante el programa PICE. Yo en ese momento no estaba inscrita así que me inscribí, hice las entrevistas y hasta ahora. La tramitación de la beca fue muy rápida, es un proceso bastante sencillo en el que lo importante y lo más ”complicado” es en primer lugar encontrar un puesto de trabajo, una vez has encontrado la empresa, la burocracia para el programa es sencilla y esta muy bien gestionada desde la Cámara de España.

Para que te hagas una idea de la facilidad del programa PICE, yo soy de Valencia y en la Cámara de mi ciudad ya no quedaban plazas para la beca, así que internamente me asignaron otra Cámara, que fue la de Granada, a la que estoy muy agradecida por la oportunidad.

Mi experiencia ha sido estupenda. Me he encontrado en todo momento muy acompañada por mi Cámara Territorial de España que ha estado siempre disponible.

P: ¿Cómo fue la acogida en tu primera experiencia laboral en Italia?

R: Muy buena. La verdad es que me encuentro muy contenta en la Cámara. Cuando llegué no sabía muy bien a qué campo quería dirigirme. Yo estudié derecho y lo que sí que tenía claro es que no iba a ejercer y quería probar en el mundo de la empresa. Siempre he sido una persona muy activa y me ha gustado mucho probar cosas nuevas y cuando me surgió la oportunidad no lo dudé. El campo del comercio exterior es interesantísimo y muy dinámico, engancha! (ríe) Te da la oportunidad de conocer muchas empresas y sectores diferentes.

P: ¿Te resultó fácil o difícil trabajar en lengua italiana?

R: Al principio siempre es más complicado. Yo ya conocía la lengua porque estuve cursando un año de la universidad en Génova, pero aun así el tener que hablarlo en un ambiente de trabajo requiere unas exigencias diversas. Pero es una lengua muy similar a la nuestra y que enseguida se aprende.

P: ¿Cuáles han sido tus tareas dentro de la Cámara de Comercio de España en Italia?

R: Durante los primeros meses aprendí y me formé en las diferentes áreas de la Cámara, las dinámicas y los servicios. Actualmente, me encuentro en el area de Internacionalización y Comercio Exterior. Este departamento de encarga de apoyar a las empresas en su proceso de internacionalización mediante una serie de servicios comerciales que realizamos desde la Cámara.

P: ¿Cuánto tiempo llevas en La Cámara y por qué procesos has pasado?

R: En la Cámara llevo ya más de 8 meses. Empecé con el programa PICE que son tres meses y finalizada la beca continúo en la Cámara.

P: Sin duda, lo tuyo es un caso de éxito. ¿Qué aconsejarías a los jóvenes españoles que deciden mudarse a Italia para empezar su trayectoria profesional?

Les recomendaría que no tengan miedo, que la experiencia laboral en el extranjero es muy enriquecedora. Italia a parte de ser un país precioso, es un país con mucha industria y con grandes oportunidades laborales, sobre todo en el norte.

P: ¿Y tras tu experiencia, recomendarías el Plan PICE a otros jóvenes?

R: Por supuesto. Es una oportunidad grandísima que fomenta la movilidad de los jóvenes en el extranjero. Salir con una ayuda así, te facilita mucho la llegada y la estancia en el extranjero, ya que estás apoyado por un organismo y si ocurre cualquier cosa, tienes a quien recurrir. 

En mi opinión, y tras mi experiencia, no trae más que ventajas. Además, si decides volver a España, se valora mucho una experiencia en el extranjero.

P: Gracias por todo, María.

PROGRAMMA COMUNICAZIONE

Programma Comunicazione Social

Diamo voce alla Spagna presente in Italia

Progetto realizzato con lo scopo di dare voce alla Spagna presente in Italia.  

In che cosa consiste? L’obiettivo del Programma è quello di condividere e diffondere notizie di carattere imprenditoriale, economico, culturale e sociale che siano di interesse e di ispirazione per gli spagnoli e per le aziende che lavorano con entrambi i Paesi.

Sei spagnolo? Hai un progetto da raccontarci? Vuoi condividere la tua storia con la comunità spagnola in Italia? Contattaci!

twitter-logo-final

facebook tondolinkedin

 

 

Progetto co-finanziato da:

marca ministerio

LE STORIE #14

PROGRAMMA COMUNICAZIONE – LE STORIE #14

         Intervista a Javier Gomez Palacios, Co-founder e Managing Director di Tiger Italia

IMMAG TIGER

 

D: Javier, grazie per aver accettato il nostro invito. Come mai uno spagnolo che lavorava in Fiat ha deciso di importare un modello di business danese in Italia? Come è nata quest’idea?

R: Lavoravo per la Fiat a Madrid e nel 2001 mi hanno mandato a seguire un progetto per Alfa nell’ headquarter di Torino, al termine del quale sarei dovuto tornare in Spagna. Mi hanno però proposto poi di restare e di dedicarmi stavolta a seguire i modelli più innovativi del marchio Alfa Romeo.

A fine 2004, però, ho lasciato la Fiat: è stata una buona “palestra” per me e ho appreso molto ma era una situazione troppo statica. Successivamente, all’incirca per un anno, ho lavorato in una società di consulenza per poi diventare consulente in proprio: nel 2007, infatti, con un collega che avevo conosciuto in Fiat e che viveva in USA, abbiamo aperto una società di ricerche di mercato.

Nell’estate del 2010, passeggiavo per Calle Alcalá con mia moglie e la nostra attenzione è ricaduta su un negozietto “Tiger”. Ci ha colpito molto e, una volta ritornati a Torino, abbiamo cercato dove fossero i punti vendita in Italia: non ce n’erano. Abbiamo quindi cercato i contatti di Tiger in Danimarca per capire come poter diventare loro partner italiani; ci è stato richiesto un cv e un Business Plan triennale e, nonostante non avessimo tutti i requisiti … anzi, quasi nessuno (ride, ndr)… ci siamo candidati. Eravamo 5 soci: io, mia moglie il mio socio (della società di consulenza, ndr) e una coppia di amici. Abbiamo conosciuto i responsabili danesi di Tiger nel dicembre del 2010 e, prima ancora di incontrarli e di ricevere una risposta definitiva, avevamo già affittato il locale che avrebbe ospitato il primo negozio Tiger in Italia. Può sembrare una follia ma era veramente un’ottima occasione, perché in centro città e con una buona visibilità.  Per fortuna l’incontro è andato bene.

D: Qual è il modello di business di Tiger, quali sono i punti di forza?

R: Ogni partnership di Tiger nel mondo riproduce la stessa struttura ossia una joint venture, 50% capitale sociale e 50% proveniente dalla casa madre. Dalla casa madre ci forniscono concept e prodotti mentre noi ci occupiamo delle operazioni locali.

Non abbiamo mai avuto grandi occasioni di visitare altri partner per vedere come gestivano il loro business e quindi molti aspetti abbiamo dovuto deciderli da soli. Per quanto riguarda la logistica, per esempio, era molto un ‘’fai da te’’. Ora, ormai, per i nuovi partner è tutto molto più chiaro. Ammetto che prendere alcune decisioni su come gestire il brand in Italia non è stato affatto facile… ma vi è era assoluta autonomia da parte della sede centrale in Danimarca.

Iniziamo sempre con contratti standard, non abbiamo mai assunto un responsabile di negozio; dopo un anno di contratto determinato, scatta quello a tempo indeterminato. È un modello che al momento sta funzionando.

Conoscevamo già il modello di business da utilizzare. Così tanta varietà a prezzi davvero competitivi può forse sembrare un paradosso ma ciò dipende soprattutto dal fatto che non vi sono intermediari tra il produttore e il cliente: vendiamo i prodotti al costo di produzione e il guadagno vi è comunque. Vi è un margine del 50% su tutti i mercati, nonostante le differenze tra paese e paese in cui Tiger è presente: se in Italia lo scontrino medio è di 5€, in Svizzera e in Norvegia raggiunge anche i 9€.

D: Da dove nascono le idee dei prodotti?

R: I responsabili danesi di Tiger vanno a molte fiere di settore (soprattutto in Asia) per scoprire nuove tendenze e raccogliere idee da riproporre poi nei negozi Tiger. Sono molto attenti alle novità proposte dal mercato e le sanno ben declinare all’interno del brand.

D: L’Italia è la patria del design anche nel mondo dell’oggettistica. Il fatto di offrire design low cost è stato ben accolto dagli italiani?

R: Direi assolutamente ben accolto. Pensa che tutti i prodotti ci vengono inviati dalla Danimarca e sono gestiti direttamente dalla casa madre. Non si possono opinare e, anche se talvolta ho avuto delle riserve a proposito di alcuni oggetti, spesso si sono rivelati invece un grande successo anche in Italia. Eclatante il caso del nano da giardino, sul quale personalmente non avrei mai scommesso… e invece qui in Italia è andato davvero a ruba, ha spopolato. Ci è stato richiesto addirittura da un’agenzia di Torino come testimonial di una campagna pubblicitaria!

Naturalmente ci sono tipologie di prodotti che vendono di più nel sud Europa piuttosto che nei paesi nordici (l’oggettistica per la spiaggia, ad esempio).

D: Se confrontiamo la risposta dell’Italia rispetto ad altri paesi del mondo, dove si colloca l’Italia? Il modello di Tiger in che mercati ha avuto più successo?

R: Il business è stato sempre basato sin dall’inizio sulla formula “design + prezzi stracciati”. In Italia, a differenza della Danimarca, si è anche voluto evidenziare molto di più il lato scherzoso del brand. L’ambiente e l’aspetto ludico infatti mancavano nel concept danese. Siamo stati i primi a far travestire i commessi con prodotti Tiger e ora è un aspetto imprescindibile di tutti i negozi del gruppo. Da luglio solo in Italia si lancerà una stampante 3D, un prodotto locale e all’avanguardia sviluppato a Torino.

Sebbene in Italia non ci sia mai stata tanta concorrenza per Tiger (a differenza di paesi come la Spagna e del Portogallo, ad esempio), non è stato comunque affatto facile avviare tale business. Aprire nuovi negozi Tiger nei centri storici delle città, per esempio, è davvero complesso: bisogna seguire così tante normative… e i tempi di attesa per avviare un’attività aumentano a dismisura.  Bisogna anche dire che vendere diverse categorie merceologiche a 1/10 dei prezzi presenti sul mercato non ti rende simpatico a molti… Non sai quanto tempo ho trascorso tra Tribunali e Camere di Commercio negli ultimi anni!

In Italia però ci sono anche aspetti positivi; ad esempio, il fatto che il locatario ha molti più vantaggi sull’affitto dei locali.

D: Un negozio Tiger a Milano e uno a Seul, per esempio, si presentano nello stesso modo?

R: La differenza tra ogni store sta nella società che vi è dietro: anche all’interno dello stesso paese, come accade per esempio in Italia, i negozi Tiger possono essere gestiti da società differenti che hanno quindi possibilità di intervenire e dare l’indirizzo che ritengono più adeguato rispetto al mercato.

In Italia, appunto, coesistono 3 società Tiger: Tiger Italia Nord, Centro e Sud/Isole. Tiger Italia Nord è quello che fattura di più rispetto tutta la catena considerata a livello globale. Pensa che nella top 5 mondiale, dopo New York e Tokio, vi sono 3 negozi che si trovano a Milano, per la precisione quelli di Corso Buenos Aires, via Meravigli e del centro commerciale di Arese.

Al momento In Italia sono aperti 123 negozi che, proprio per quello che dicevo prima, tra loro possono essere gestiti anche in modo molto diverso.

I prodotti da spiaggia al nord e al sud vendono in maniera diversa e sarebbe ancora più carino sapersi differenziarsi di più.

D: Come mai Tiger non ha ancora un canale e-commerce?

R: Il successo ottenuto sin da subito da Tiger in Italia ha fatto sì che l’e-commerce non fosse esattamente una priorità. Ad oggi, nelle località dove Tiger non è presente, si effettuano consegne dei nostri prodotti ma non è ancora possibile acquistare online dal sito. 

A febbraio solo in Italia è uscita l’App di Tiger, un progetto sviluppato in collaborazione con una start up torinese. In tre mesi abbiamo raggiunto oltre 80000 download, e tantissimi user. Anche al sud, infatti, è possibile scaricare la nostra App, ma non usarla… ancora, ma stiamo collaborando con i nostri colleghi del centro e sud dell’Italia per renderla disponibile anche ai loro clienti.

In ogni caso grazie alla digitalizzazione, stiamo facendo dei veri passi da gigante. Siamo in grado di segmentare il target molto più facilmente e questo aiuta moltissimo nella comunicazione dei prodotti, riuscendo a indirizzare loro offerte personalizzate.

D: Sappiamo che tu e la tua socia (nonché moglie), Ana Combalia, non vi fermate di certo qui e che volete introdurre in Italia altri business model di successo. Cosa puoi raccontarci dei tuoi progetti futuri?

R: Al momento stiamo puntando su Depiline, che in realtà è un progetto di Ana. Sono dei centri estetici in franchising dal concept innovativo, aperti dal lunedì al sabato con orario continuato dalle 10 alle 20 e nei quali non è necessario prendere appuntamento. Ciò garantisce grande flessibilità alle clienti e si adatta molto bene allo stile di vita moderno. In Spagna sono già stati aperti circa 80 centri (è infatti un concept spagnolo) ed è la prima volta che il brand esce dal Paese. Il primo centro in Italia lo abbiamo aperto a Torino e, nonostante la formula necessiti un po’ di tempo, i primi risultati sono davvero molto buoni. Sono inoltre sempre più vicino al mondo delle start up, soprattutto a quelle che gravitano nella zona di Torino.

In bocca al lupo Javier!

                                                                   Progetto co-finanziato con:

marca ministerio

LE STORIE #13

PROGRAMMA COMUNICAZIONE – LE STORIE #13

Intervista a Carmen Perèz Ruiz, giovane blog editor spagnola in Italia.

DSC09683

D: Ciao Carmen, grazie innanzitutto per aver accettato di rispondere alle nostre domande. È un piacere poterti intervistare nell’ambito del Programma Comunicazione.
Raccontaci un po’ di te e di cosa ti ha portato a vivere in Italia.

R: Ciao. Grazie a voi per quest’opportunità. Sono di Málaga, ho 35 anni e ho studiato Pubblicità. Sono molto curiosa, inquieta e amo viaggiare; vedere il mondo è un sogno che mi accompagna sin da piccola. Per questo motivo, quando ne ho avuto l’opportunità sono andata via dalla mia città: ho partecipato ad un programma di scambio culturale con il Club dei Leoni in Irlanda mentre studiavo presso una Scuole di Lingue, ho vissuto 5 anni a Madrid, dove ho lavorato in una agenzia di media e ho frequentato un Master in Comunicazione Sociale. Ho deciso quindi di spostarmi e sono arrivata a casa di una famiglia indiana a Oxford con l’obiettivo di migliorare il mio inglese. Dopo tutte queste avventure, sono tornata alla mia città d’origine, dove ho cominciato a lavorare come insegnante di attività culturali e guida turistica mentre studiavo un master per insegnare lo spagnolo a stranieri. Un anno dopo essere tornata a Málaga, ho conosciuto mio marito (di origine italiana). Proprio lì, nella mia città, un pezzo di Italia è venuto a cercarmi…. E mi ha trovata. 

Altre cose su di me: mi piace moltissimo la fotografia, scrivere racconti e le passeggiate in campagna all’alba.

D: Come ti trovi in Veneto? È stato facile integrarti?

R: Mi trovo bene. Adesso, dopo quasi 5 anni, una parte importante di me è qui. Mi piace dove abito, la mia casa, i dintorni, la campagna verde. Treviso è una città incantevoleIl primo anno è stato un po’ difficile, ma a dir la verità non troppo. Ero arrivata 26 dicembre con moltissime speranze. Queste mi hanno aiutato a combattere il clima (tanto diverso rispetto a quello della mia città. Anche la ricerca di lavoro è stata un passaggio fondamentale: il mio obiettivo primario era trovare qualcosa d’interessante a cui dedicarmi, affine al mio profilo professionale. Per un anno ho insegnato spagnolo a ragazzi della scuola media e superiore e ho anche lavorato a Inlingua Mestre per 4 mesi. Alla fine, a un anno dal mio arrivo, sono entrata a far parte del team di Pixartprinting, lavorando nel reparto di marketing insieme ad altre 40 persone.

D: Qual è il tuo rapporto con la comunità spagnola presente in Italia?

R: Devo dire che conosco pochissimi spagnoli qui. Il mio lavoro mi ha permesso di entrare in contatto con due persone del mio paese, ma a livello personale ho molta più relazione con gli italiani.

D: Dopo quasi cinque anni che vivi in Italia, sai dirci quali sono le principali differenze che hai potuto notare tra l’Italia e la Spagna?

R: Sicuramente la più significativa riguarda il carattere della gente. Devo dire che il clima di Malaga aiuta tantissimo a definire come sono le persone. Vengo da una città solare, cosmopolita, dove la gente passa gran parte della sua giornata all’aperto. A noi, “los malagueños”, piace goderci la città, le sue strade, il centro, i bar con le sue tapas e gli amici. Siamo abituati a parlare con sconosciuti e ad accettare e accogliere diverse tipologie di persone. Trovo che la gente qui in Italia è più conservatrice e gelosa della propria intimità rispetto a noi. D’altra parte, mi piace molto il forte senso civico e il carattere discreto. Sicuramente il clima, più freddo e instabile, contribuisce a questo atteggiamento. Una cosa che mi piace molto qui riguarda gli animali domestici: puoi portarli con te dappertutto, al supermercato, a fare shopping, in autobus, etc.: questo mi piace molto e non succede nel mio paese.

D: Cosa ti manca di più del tuo paese di origine?

R: La famiglia e il mare. A volte anche il cibo.

D: La tua attuale professione?

R: Sono content specialist in Pixartprinting. Concretamente il mio ruolo è quello di Blog editor: mi occupo di gestire il Blog dell’azienda che è presente in 5 paesi (IT, SP, FR, UK, DE). Nello specifico mi occupo di ideare il contenuto del Blog insieme ad un team esterno formato da più di 20 copywriter internazionali. Coordino autonomamente il loro lavoro, definisco il calendario editoriale e seguo la produzione del contenuto. Parallelamente partecipo nella gestione di altre attività del team di comunicazione: creazione dei video commerciali (storytelling e produzione) e supporto all’attività di link building principalmente.

D: Tra tutti i progetti che hai seguito, ce n’è uno che ti è rimasto particolarmente nel cuore?

R: I primi due anni e mezzo in azienda ho lavorato a progetti editoriali complessi che avevano l’obiettivo di diventare virali. Pensavo ad un tema, cercavo i collaboratori più adatti e muovevo tutti i fili per organizzare il lavoro. Mi occupavo anche della produzione, anche se quello supponeva spostarmi di paese, come accadeva speso. Mi è rimasto nel cuore il progetto Paris re-tale, uno sguardo alle facciate di alcuni negozi di Parigi, alla vita che scorre dietro di esse. Qui potete leggere il tema: (https://www.pixartprinting.it/content/tinsegno-parigi/)

La serie si completa con altre due città: Milan re-tale e Lisbon re-tale (https://www.pixartprinting.it/content)

D: Parlarci del blog che stai seguendo.

R: Il blog nasce un anno fa con lo scopo di offrire strumenti utili al target di Pixartprinting (graphic designer, stampatori, agenzie di comunicazioni), risorse per aiutarlo nella sua crescita professionale e anche per ispirarlo. Partiamo con un piccolo team di 4 collaboratori che scrivono articoli ogni settimana e senza avere un riferimento diretto; nel senso, nessuno dei nostri competitor aveva un Blog complesso come quello che volevamo creare. Comunque questo non impedisce segnarci un obiettivo chiaro: aumentare 5 volte il volume di traffico durante il primo anno di vita del progetto editoriale. Un anno dopo, ci troviamo con un team di 25 copywriter internazionali, tanti articoli posizionati nella SERP di Google e un traffico superiore a quello che avevamo indicato. Pubblichiamo 3 articoli alla settimana e cerchiamo sempre il modo di offrire contenuti utili e accattivanti. Inoltre ai temi, questo anno abbiamo messo online: un ebook, un calendario internazionale di eventi, la sezione consigli di lettura e una survey per misurare il grado di soddisfazione dei lettori.

Il Blog è un progetto appassionante che mi permette mettermi alla prova, conoscere persone con diversi tipi di competenze ed essere aggiornata sul mondo del graphic design e anche della stampa. Partecipano anche alla cura del progetto: Patrizia Baggio, Head of Communication in Pixartprinting, e la mia collega Giulia Giglio, Social specialist.

D: Quali sono i tuoi piani per il prossimo futuro?

R: Il prossimo anno sarò abbastanza impegnata con un nuovo arrivo: tra due mesi nascerà mio figlio, pertanto nel futuro più immediato mi dedicherò a lui. Passato il periodo di maternità però tornerò al lavoro, sicuramente con una grande voglia di riprendere il progetto del blog e magari altre nuove sfide.

D: Consiglieresti agli spagnoli di venire in Italia per fare un’esperienza di studio/lavoro?

R: Assolutamente sì.

Progetto co-finanziato con: 

marca ministerio

 

LE STORIE #12

PROGRAMMA COMUNICAZIONE – LE STORIE #12 

Intervista a Luis Vos, Senior Operation Manager di thyssenkrupp Elevator Italia

Ing_Luis_Vos

D: Buongiorno Luis, la ringraziamo per aver accettato di rispondere alle nostre domande. Ci racconti il suo percorso professionale.

R: Buongiorno, è un piacere condividere con voi la mia straordinaria esperienza professionale e personale in Italia.

Nel 2002 stavo ultimando lo stage in European Aeronautic Defence and Space Company a Madrid e nel frattempo preparavo la tesi di laurea come Ingegnere Industriale specializzato in Meccanica, ed infine nel 2003 sono stato assunto alla thyssenkrupp Elevadores come Supervisore di Servizi e Ammodernamenti, con l’incarico di organizzare al meglio la nostra principale forza lavoro in una filiale a Sud di Madrid. In questo periodo ho avuto l’opportunità di imparare dai migliori Supervisori Senior arricchendo la mia esperienza lavorando con professionisti immersi da decenni nel business degli ascensori.

Nel pieno del boom immobiliare spagnolo sono stato scelto per fare parte del Team Supervisori per le Nuove Istallazioni, è stata un’esperienza molto intensa, che mi ha permesso di collegare l’attività delle nostre fabbriche con le maggiori imprese di costruzioni.

Dopo otto anni di esperienza in filiale e ultimati  gli studi da Ingegnere Industriale Executive, nel 2011 ho ricevuto un’offerta per lavorare nell’Headquarter di thyssenkrupp Elevator Southern Europe, Africa & Middle East situato a Madrid come Manager di Mergers & Acquisitions, questo ruolo mi ha offerto la grande opportunità sia di viaggiare in tanti paesi interessanti, tra cui Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Libano, Israele, Turchia e Italia, sia di vivere una forte crescita a livello formativo soprattutto in ambito tecnico-finanziario, riportando direttamente ai colleghi della casa madre in Germania. Infine ho potuto comprendere altri modi di gestire piccole e medie aziende locali del nostro settore.

D: Qual è stato il motivo principale che l’ha spinta a trasferirsi in Italia?

R: Le diverse collaborazioni nate durante il periodo Mergers & Acquisitions con l’Italia mi hanno portato a stringere un ottimo rapporto con l’allora Business Development Manager che da quattro anni è il nostro Amministratore Delegato, il Dottore Luigi Maggioni, con il quale ho uno straordinario rapporto umano e professionale. Questo fattore ha reso molto più facile per me accettare l’offerta ricevuta nel 2013 per costruire un dipartimento Operation in Italia, destinato a rinforzare il business dei Servizi e degli Ammodernamenti.

D: Quali sono, secondo lei, le principali differenza tra Spagna e Italia?

R: Senza ombra di dubbio in Italia è molto forte l’identità culturale, la storia, la cultura, il cibo e tante altre cose; a livello professionale riconosco la forte capacità imprenditoriale nonostante le grandi difficoltà nate negli ultimi anni di crisi economica.

Ho compreso come questa piccola penisola sia diventata una potenza mondiale: sono gli stessi italiani a farne un fiore all’occhiello con la loro preparazione. La nota astuzia italiana è presente in ogni ambito e come dice spesso un collega: “da ogni problema nasce sempre un’opportunità”: questo secondo me è l’approccio che fa la differenza.

D: I pro e i contro per uno spagnolo che vive Italia?

R: Elementi “contro” non ne ho ancora trovati, se non quello di essere lontano da una parte della famiglia che è rimasta in Spagna e che lamenta il fatto di avere poche occasioni per trascorrere del tempo insieme. Dall’altra parte però i ricongiungimenti nei classici periodi di ferie sono molto più attesi e festosi.

Pro? Direi tutto! Il carattere latino che tanto assomiglia a quello spagnolo, l’accoglienza e la facilità di fare amicizia (sia tra adulti che bambini), un fattore importante specialmente per chi sta pensando di portare la famiglia con sé. L’Italia è sicuramente il paese più compatibile.

Inoltre Milano è una location unica, a poche ora da stupende valli e montagne che si estendono dalla Valle d’Aosta al Veneto, passando per il Piemonte. Anche le meravigliose Toscana ed Emilia-Romagna sono portata di mano.

D: Di cosa si occupa thyssenkrupp Elevator Italia, azienda per la quale lavora?

R: thyssenkrupp Elevator Italia è una società leader nel settore ascensoristico, specializzata nell’installazione e manutenzione di sistemi di trasporto passeggeri sia in ambito pubblico che privato. Ogni giorno migliaia di persone utilizzano i nostri impianti attraversando aeroporti, stazioni ferroviarie e metropolitane, visitando complessi commerciali, poli fieristici o semplici condomini privati. Con oltre 400 risorse garantiamo la sicurezza e la mobilità dei nostri passeggeri, offrendo un servizio di assistenza e supporto tecnico attivo su tutto il territorio nazionale, 24h/24h – 365 giorni all’anno.

Siamo presenti su tutto il territorio italiano con oltre 20 sedi e in soli 10 anni abbiamo consolidato la nostra Leadership nel settore realizzando progetti di grande rilievo come Torre Intesa San Paolo (TO), Palazzo della Regione Lombardia (MI), EXPO 2015, Stazione Centrale (MI), Stazione Porta Nuova (TO) e la nuova Linea C della Metropolitana di Roma, solo per citarne alcune.

D: Lei è Senior Operation Manager di thyssenkrupp Elevator Italia. Quali sono le principali mansioni che svolge all’interno dell’azienda?

R: In questo ruolo sono responsabile diretto dei Servizi, attività che svolgiamo dal piccolo condominio ai più importanti grattacieli, inclusi i clienti pubblici con cui abbiamo ormai istaurato forti e solide relazioni, come aeroporti, stazioni metropolitane e ferroviarie.

Parallelamente all’attività di manutenzione emerge anche l’importanza di migliorare la sicurezza e l’efficienza del parco impianti presente in Italia (il 60% degli ascensori a più di vent’anni) e molto spesso dobbiamo proporre ai clienti dei piccoli e grandi ammodernamenti, talvolta anche sostituzioni complete, attività nella quale primeggiamo sui nostri competitor.

Ricade sotto la mia responsabilità anche l’Ufficio Tecnico che supporta a 360 gradi tutte le linee di business, offrendo soluzioni su misura per ogni esigenza e garantendo il rispetto normativo di tutti gli impianti appena collaudati così come per quelli più datati.

Fanno parte della squadra tutti i Supervisori Servizi e Ammodernamenti e anche i tecnici dedicati alla manutenzione che tutti i giorni affrontano con competenza e passione il mestiere più complesso e importante: mantenere in perfetto stato di funzionamento e sicurezza gli impianti affidati alla nostra organizzazione.

Per ultimo ma non meno importante, coordino una straordinaria squadra di Adjuster, tecnici super-specializzati nel risolvere situazioni complesse o poco comuni, e per concludere vi sono i Project Manager ed i Supervisori centralizzati che danno supporto in tutto il territorio soprattutto per i grossi progetti quando si tratta di nuove costruzioni o importanti ammodernamenti.

D: Nel corso di questi anni all’interno di thyssenkrupp Elevator Italia quali cambiamenti ha avuto l’azienda e quali orientamenti ha seguito?

R: Lavorando in Italia dal 2013 posso testimoniare che l’azienda ha vissuto grandi cambiamenti, soprattutto da un punto di vista manageriale e ancora oggi posso dire che l’azienda sia in continua evoluzione, selezionando solo le migliori risorse capaci di farci crescere in modo sostenibile.

A livello globale thyssenkrupp non è più la nota realtà legata principalmente all’acciaio, bensì un industria diversificata e leader in molti settori, diventando a tutti gli effetti un’organizzazione orientata all’ingegneria, al futuro e alla collaborazione: Non è un caso se il nostro claim, la promessa del nostro brand è “engineering. tomorrow. together.”.

Un esempio iconico di questa identità ingegneristica così innovativa è il nostro MULTI, il primo e unico ascensore al mondo, capace di muoversi sia in verticale che in orizzontale, senza funi, sfruttando la levitazione magnetica. Una rivoluzione per tutto il settore.

https://www.youtube.com/watch?v=E7QlAsxJP-g

D: Ci racconti un progetto che lei e il suo Team avete portato a termine e che l’ha particolarmente colpita.

 R: Negli ultimi anni sono tanti davvero tanti i progetti, ma se devo sceglierne uno dove il lavoro di squadra ci ha condotto ad un risultato straordinario, citerei un imponente ammodernamento eseguito a Roma nello Store di La Rinascente in via del Tritone, completato a settembre dello scorso anno. Un successo non solo per l’intera squadra Operation ma anche per il Team Commerciale e tutto il management, dove ogni funzione ha collaborato perfettamente.

Una realizzazione con un alto grado di complessità tecniche sia per gli ascensori che per le 16 scale mobili istallate. Uno dei principali costruttori (con cui non avevamo mai lavorato prima) è rimasto molto colpito dal nostro operato, ma ancora di più lo è stato il cliente, La Rinascente, che continua ad affidarci l’ammodernamento di altri importanti Store su tutto il territorio italiano.

D: Progetti futuri che thyssenkrupp Elevator Italia ha in cantiere?

R: Un progetto iconico che è già in corso e prevede il montaggio di 10 ascensori nell’ambito del prestigioso ammodernamento (con relativa messa a norma) di tutti gli impianti presenti  nella sede di Unipol Sai in Via Castillia 23, nel cuore di Milano (quartiere Isola-Porta Nuova.)

Sorge nel cuore della nuova zona di sviluppo milanese e siamo riusciti ad offrire al cliente una soluzione confezionata su misura: anche questo è il nostro core business.

D: Per concludere quali consigli si sentirebbe di dare ad uno spagnolo che è appena arrivato in Italia e che vuole intraprendere una carriera in questo paese?

R: Prima di tutto, fargli i complimenti per aver scelto un paese dove con grande probabilità potrà crescere professionalmente ed allo stesso tempo conoscere una cultura unica al mondo.

Il consiglio che però mi sentirei di dare in assoluto è di costruire la propria carriera sulle fondamenta culturali e professionali spagnole, lasciando però sempre le porte aperte a tanti nuovi modi di pensare e approcciare la vita ed il business che imparerà in Italia.

LE STORIE #11

PROGRAMMA COMUNICAZIONE – LE STORIE #11

Intervista a Mikel Amilburu, co-fondatore di Realisti.co, startup del settore immobiliare. 

mikel-foto

D: Ciao Mikel, innanzitutto grazie per aver accettato il nostro invito. Parlaci un po’ di te.
R: Ciao, sono nato ad Avilés ma sono cresciuto nei Paesi Baschi fino a quando ho deciso di venire a studiare a Torino a fine 2006. A Torino ho intrapreso un percorso di laurea specialistica al Politecnico di Torino che è durato fino al 2009 durante il quale ho iniziato a lavorare e collaborare con alcune aziende nella città. Alla conclusione della mia laurea ho deciso di rimanere in Italia per provare a sviluppare il mio percorso lavorativo in parte perché in quel periodo la situazione in Spagna attraversava serie difficoltà dovute alla crisi economica e in parte perché mi sentivo motivato a trovare fortuna a Torino.

D: Da dove è nata l’idea di fondare Realisti.co, startup del settore immobiliare?
R: Realisti.co, immagino che come tante altre startup o imprese, nasce da una situazione di frustrazione personale che coincide con una serie di progetti professionali sviluppati parallelamente. Era un periodo in cui sia io sia il mio socio Edoardo ci siamo trovati a dover affrontare, o avevamo affrontato da poco, la ricerca di una casa attraverso i portali immobiliari. Credo che non sia necessario spiegare la quantità di tempo sprecato tra ricerche infruttuose, appuntamenti mancati, tempo perso attraversando la città per finire a vedere immobili che centravano poco o niente con le aspettative generate dall’annuncio. Come dicevo, contemporaneamente avevamo acquisito un expertise con la tecnologia 360° a livello lavorativo che ci ha fatto collegare i cavi e pensare alla serie di soluzioni che oggi compongono Realisti.co.

D: Realisti.co è una startup nata in Italia ma con l’obiettivo di espandersi anche nel mercato spagnolo. Quali difficoltà stai riscontrando in questa fase di internazionalizzazione?
R: Realisti.co in origine ha puntato soltanto al mercato italiano, dire il contrario sarebbe non essere completamente onesti. Tuttavia, non è passato troppo tempo da quando abbiamo iniziato a capire che c’erano delle buone possibilità di poter esportare il modello nel mercato spagnolo. Da una parte è stato un po’ più semplice grazie al fatto che abbiamo iniziato a lavorare insieme ad una persona di cittadinanza spagnola come me che abbiamo conosciuto quando stavamo lanciando il prodotto sul mercato italiano. Questa persona stava per tornare a Madrid dopo la sua esperienza all’estero si è dimostrata entusiasta di unirsi a noi in questa avventura di lanciare il prodotto internazionalmente.
Le difficoltà prima di tutto stanno nel trovare le persone che possano farsi carico di portare avanti un progetto come quello di internazionalizzare un prodotto nel paese sul quale si vuole puntare. Penso sia l’aspetto più difficile perché tutti gli altri problemi si risolvono man mano si trovano le misure giuste da prendere.È importante nel nostro caso avere un sistema logistico efficiente ed un servizio di vendita e post vendita all’altezza del servizio che offriamo ma, come dicevo prima, tutto questo arriva dopo che si è formata una squadra che sia in grado di affrontare le tante difficoltà che bisogna risolvere tutti i giorni in un’azienda.

D: Quali sono le tipologie di finanziamento su cui hai potuto contare nella fase di apertura della startup?
R: Tornando alle difficoltà di cui si parlava nella domanda precedente quando si parlava di internazionalizzazione devo dire che probabilmente è su questo un’aspetto dove abbiamo trovato più difficoltà in alcuni momenti della storia di Realisti.co. Tuttavia abbiamo trovato persone che hanno creduto nel nostro progetto e ci hanno supportato con apporti di capitale di diverso peso e colgo quest’occasione per ringraziarli per il loro appoggio.
Per poter fare fronte ad una serie di investimenti durante la fase di avvio del progetto abbiamo anche appellato ad un credito di impresa tramite il Mediocredito Italiano che ci è stato felicemente concesso.

D: Quali sono gli obiettivi ed i principali benefici di Realisti.co per il settore immobiliare?
R: Come accennavo prima all’inizio dell’intervista cerchiamo di rendere più semplice la ricerca di un’abitazione ad una persona. Questo è senz’altro il nostro primo obiettivo, paradossalmente per ottenerlo ci siamo focalizzati soprattutto sui professionisti che lavorano all’interno del mercato immobiliare. I benefici del nostro servizio possono essere misurati dunque in due aspetti ben diversi che abbiamo cercato di combinare al meglio possibile. Da una parte, creando uno strumento che permettesse all’agente immobiliare di creare visite virtuali dei propri immobili in autonomia facile e velocemente. Dall’altro mettendo nelle mani dell’agente uno strumento che gli permettesse di mostrare i suoi immobili in un modo molto più trasparente, completo e ad alta qualità ai suoi clienti.

D: Vuoi parlarci di un momento importante, di cui hai un bel ricordo, del tuo percorso di imprenditore?
Ricordo bene il momento in cui i nostri clienti hanno caricato le prime 1000 visite virtuali dei loro immobili a portfolio. Ci siamo guardati indietro e abbiamo realizzato quanto fosse straordinario avere creato un nuovo processo che si è introdotto così bene all’interno del lavoro degli agenti immobiliari. Come spiegavo prima un aspetto speciale e che ci da tante soddisfazioni è il fatto che siano gli stessi agenti immobiliari a generarsi il contenuto che poi usufruiscono.

R: Cosa suggeriresti ai ragazzi che, come te, vorrebbero fondare una startup? Quali sono i passaggi fondamentali da seguire per dare vita ad un progetto come il vostro?
Non è facile rispondere a questa domanda. La prima cosa che suggerirei ai ragazzi e ragazze che vogliono intraprendere un percorso di fondazione di una startup, è che non si fermino all’idea. La mia esperienza, anche se umile, mi dice che dedicare il proprio impegno allo sviluppo di un qualcosa che assomigli a quella che sarebbe la funzionalità più di base del prodotto/servizio dice molto delle persone che lo portano avanti. A volte si pensa che l’idea sia la parte più importante del percorso imprenditoriale e si pensa erroneamente di aver concluso il lavoro. Secondo il mio parere anche se è l’idea è fondamentale credo che l’esecuzione di essa sia ancora più importante e dimostri anche la dedizione e capacità della squadra nel portare avanti un progetto.
D: Per concludere quali consigli daresti più in generale ad uno spagnolo che è appena arrivato in Italia e che vuole intraprendere una carriera in questo paese?
R: Consiglio a tutti coloro che vogliano venire in Italia a intraprendere una carriera o a studiare di mischiarsi il più possibile con gli italiani. E’ il modo migliore di assorbire tutta la cultura e di godersi al massimo questo straordinario paese.

 

                                                             Progetto co-finanziato da:

marca ministerio

LE ISTITUZIONI SPAGNOLE IN ITALIA – INSTITUTO CERVANTES

_DSC0214

Intervista al Direttore dell’Instituto Cervantes di Milano,
Sergi Rodriguez Lopez-Ros

D: Buongiorno Direttore, la ringraziamo per aver accettato di rispondere alle nostre domande. Innanzitutto, da quanto tempo è Direttore dell’Instituto Cervantes di Milano?

R: Sono a Milano da ottobre 2017. È una città moderna e dinamica, eccezionalmente abitabile e, dal punto di vista artistico e letterario, molto d’avanguardia, con grandi industrie culturali. Storicamente fu legata alla Spagna tramite il “Milanesado” (1535-1706), che lasciò una bella traccia nella città.

D: Quali sono le principali funzioni e i principali obiettivi dell’Instituto Cervantes?

R: L’Instituto Cervantes è un organismo pubblico spagnolo, dipendente del Ministero di Affari Esteri e di Cooperazione, che ha per scopo la diffusione della lingua spagnola all’estero e le culture che si esprimono in spagnolo, diventata ormai la seconda lingua globale. Lingua spagnola nel concetto ampio, perché include anche catalano, basco e galego, e cultura in senso amplio, da cinema a design. I suoi centri fanno parte delle Ambasciate di Spagna nel mondo, ed inoltre collaboriamo con le ambasciate dei paesi di lingua madre spagnola.

D: Lo spagnolo, lingua ufficiale in 20 paesi, seconda lingua più parlata al mondo, è senza ombra di dubbio un pilastro fondamentale nella cultura mondiale. Ci racconti dei corsi tenuti dall’Instituto e a chi sono rivolti.

R: Gli utenti dei nostri corsi sono molto diversi. Nei ultimi anni siamo passati da un pubblico giovanile a uno professionista, perché non è più una lingua solo friendly ma uno strumento per il global business. In questo senso, la nostra carta di servizi è amplia: corsi generali (presenziali ed online), corsi specifici (intensivi, spagnolo giuridico, ecc.), esami ufficiali, aggiornamento di docenti e orientamenti per soggiorni linguistici in Spagna.

D: Le andrebbe di raccontarci uno o più progetti significativi portati avanti negli ultimi anni?

R: L’Instituto Cervantes investe gran parte del suo budget annuale (circa 150 milioni di euro) nel miglioramento del suo metodo docente e certificativo. In questo sento abbiamo posizionato il nostro DELE (Diploma di Spagnolo come Lingua Straniera) come un certificato riconosciuto in ogni paese come un titolo ufficiale (per esempio riconosciuto dal MIUR italiano). Abbiamo lanciato anche un certificato “al volo”, rapido e pratico, pensato le aziende e i lavoratori, che si chiama SIELE e che si è sviluppato con la UNAM messicana.

D: Guardando al futuro, qual è la direzione che vuole prendere l’Instituto Cervantes?

R: La nostra istituzione si configura ogni giorno di più come il centro di uno spazio culturale dei paesi in cui lo spagnolo è centrale, che globalmente va dall’Europa (Spagna) e Asia (Filippine) fino all’Africa (Guinea) e a tutta l’America. Ogni centro, nella sua città, diventa la casa madre delle ambasciate, i consolati, le aziende e cittadini di tutti questi paesi.

D: Oggi viviamo in un’era digitale. La tecnologia sta influenzando il vostro business? Se si, come?

R: Parte dei nostri corsi si svolgono tramite l’AVE (Aula Virtuale di Spagnolo), un sistema innovativo che usano tante aziende nel mondo, che funziona con il portatile, i tablet e perfino con i cellulari! E, tra i nostri certificati, il SIELE usa una piattaforma sviluppata con la compagnia spagnola, Telefónica .

D: In cosa consiste il suo ruolo di diffusore della cultura spagnola in Italia?

R: La nostra attività culturale si diffonde tramite parecchie vie. Una è la ricerca di elementi storici e linguistici comuni, cosa evidente a Napoli, in Sicilia, a Milano, a Parma e a Roma. Un’altra è il dialogo culturale, perché tutti i nostri eventi hanno una parte della cultura di invio (cioè la spagnola) e quella che accoglie (cioè la italiana), con autori da entrambi i lati. Una terza sarebbe la ricerca di interessi comuni e influenze reciproche, come accade con la viticultura, la gastronomia, il design oppure la moda.

D: Quali sono gli elementi della cultura spagnola che lei riscontra nella sua quotidianità vivendo in Italia?

R: Penso alla traccia spagnola nella grandi città, come a Milano, con Palazzo Marino, Villa Simonetta, Palazzo del Senato o il Baluarte Velasco. Penso anche all’olio spagnolo oppure ai frutti di mare spagnoli nella cucina italiana. Penso anche ad alcuni binari delle ferrovie che partono dall’antico Cammino spagnolo. Penso alle razze equestri spagnole ed al cavallo persiano. Penso ai rapporti storici di Spagna e Italia con il mondo arabo nel Mediterraneo. E penso, infine, a grandi autori come Cervantes o la Zambrano e ai personaggi storici dai papi Borgia ad Amedeo di Savoia. E last but not least le partite del Real Madrid o il Barcellona ai telegiornali italiani.

D: Oltre che Direttore dell’Instituto Cervantes, lei è professore ed esperto di comunicazione. Ci racconti della sua carriera professionale.

R: Mi considero comunicologo nel senso più ampio del concetto. Nella mia carriera sono giornalista di stampa scritta e tv, direttore di comunicazione di organismi, aziende e istituzioni, e professore universitario di comunicazione. Sono consulente in parecchie materie della Commissione Europee. E mi dedico alla fine alla diplomazia culturale facendo parte del servizio estero dello Stato spagnolo. Faccio parte anche di diverse fondazioni e consigli di amministrazioni.

D: Per concludere, dal suo punto di vista, esistono opportunità di crescita per gli spagnoli che decidono di intraprendere un percorso lavorativo in Italia, soprattutto in ambito culturale?

R: Sono convinto delle grandi opportunità multisettoriali per Spagna e Italia. Siamo i grandi paesi del sud, voi con un grande tessuto produttivo e commerciale, noi con una capacità di influenza globale. L’Italia è anche un paese di grande creatività e innovazione, dove noi possiamo imparare tanto. Sul piano culturale devo dire che gli autori spagnoli sono molto tradotti all’italiano e che la musica, il cinema o i videogiochi spagnoli sono presenti nelle industrie culturali italiane o i grandi festival italiani.

Progetto co-finanziato da:

marca ministerio