News

VERTI

Turismo hyperlocal: Trend Movers racconta i nuovi viaggi alla ricerca dello spirito dei luoghi 

È tempo di vacanze e per la quinta indagine dell’Osservatorio diVerti Assicurazioni e BVA DOXA, l’attenzione si sposta sul nuovo fenomeno che sta cambiando il modo di viaggiare delle persone.

Un importante strumento per conoscere il futuro che verrà, osservando i più interessanti trend di consumi dal mondo. Questo è Trend Movers, pensato da Verti Assicurazioni, la compagnia digitale Auto, Moto e Casa del Gruppo MAPFRE, in collaborazione con BVA DOXA, da sempre sinonimo di ricerche di mercato in Italia.

Con l’avvicinarsi delle tanto agognate vacanze estive che per molti italiani, come da tradizione, si concentreranno nel mese di agosto, la quinta indagine dell’Osservatorio non poteva non essere dedicata ai nuovi trend turistici. Tra i fenomeni che stanno cambiando il modo di viaggiare delle persone c’è oggi il Turismo Hyperlocal e, per comprendere meglio questa crescente tendenza, la parola chiave è senza dubbio Experience.

Tutto ciò che è locale, o addirittura iper-locale, ha infatti un potere attrattivo sempre più forte, soprattutto per chi cerca esperienze vere e autentiche, depurate di luoghi comuni e di stereotipi. Oggi, il bisogno comune di chi viaggia risiede nella ricerca di luoghi autentici e genuini, lontani dalle mete turistiche, che permettano una connessione con l’ambiente e gli spazi, con le persone e con i singoli dettagli ricchi di storia. E non più la fascinazione di location lontane, visitate e assimilate spesso sulla base di tratte turistiche ben definite che non permettono un’immersione completa nella cultura e nell’anima di un luogo. Il nuovo trend è la condivisione che fa entrare in relazione con un mondo nuovo che è da intendersi come un paesaggio culturale e uno stile di vita differente. Il valore riconosciuto è l’unicità, proprietà costitutiva dei luoghi ben conservati e curati, non alterati, con una loro anima, con caratteristiche distintive forti che si traducono in cibo, risorse, attività, esperienze “tipiche” e irripetibili che solo quel territorio può e sa esprimere. Tant’è che emerge una nuova figura, quella del local coach, ovvero un insider locale con le chiavi di accesso ai luoghi più segreti e inediti di un territorio. La nuova tendenza è un’evoluzione del concetto di turista inteso in modo classico: il viaggio viene vissuto attraverso la prospettiva di una persona che abita nel luogo da visitare che ancora non si conosce.

Ciò che si cerca sempre più e ciò che si desidera portare a casa è quindi un’esperienza umana, ancor prima che turistica. Un’esperienza che entrerà nella nostra memoria come ricordo significativo.
Viaggi sempre più esperienziali, ovviamente “instagrammabili”, all’insegna di una immersione intensa in tutto ciò che è vivere, sperimentare, conoscere, scoprire e fare incetta di experience
diversificate e autentiche. Dalle destinazioni naturalistiche in cui sono state girate scene delle nostre serie TV preferite, al sightjogging – sightseeing while running – nelle grandi città in cui si corre per le strade godendosi un giro panoramico, è interessante che si cerchino anche viaggi hyperlocal trasformativi, empowering, emancipativi: si sceglie un posto in cui imparare qualcosa, sviluppare
abilità e arricchire il nostro bagaglio culturale. Non solo e non più vedere posti nuovi, ma vivere e abitare i luoghi e poco importa che siano a pochi passi da casa.

Qualche dato: da un rapporto recentemente stilato da TripAdvisor sono tre le ricerche più cliccate – e con incrementi significativi – dagli italiani nel 2019: attività di famiglia, classi e workshop,
esperienze di benessere e culturali.
Per famiglie (+ 204%)
Classi e workshop (+ 90%)
Esperienze di benessere (+ 69%)
Esperienze culturali e tematiche (+ 65%)
Attività all’aperto (+ 56%)
Sport acquatici (+ 47%)
Esperienze enogastronomiche (+ 47%)
Tour privati e personalizzati (+ 46%)
Biglietti e pass per visite guidate (+ 45%)
Crociere ed esperienze di vela (+ 44%)
Fonte: https://xeniapro.com/esperienze-di-viaggio-tripadvisor-trend-del-2019/

I NUOVI TREND

Nessuno può far comprendere il vero spirito di un luogo meglio di chi ci vive.

1) In vacanza ad Amsterdam? Sposa un abitante (per un giorno)

https://www.lonelyplanet.com/news/2019/06/07/marry-an-amsterdammer-for-a-day
L’iniziativa si chiama Marry an Amsterdammer for a day (parte di un’iniziativa non convenzionale più ampia, cioè Untourist Movement contro l’overturismo). Si tratta di un’esperienza piuttosto eccentrica: è un matrimonio totalmente fake senza alcun valore legale, ma funzionale e che porta con sé un altissimo valore simbolico.
Permette di immergersi totalmente nella città facendosi guidare dallo sposo o dalla sposa che conosce i posti di Amsterdam che non sono frequentati dai turisti. Gli sposi sono dei moderni concierge che, conoscendo la zona meglio del consorte, sanno cosa consigliare ora per ora, proponendo e organizzando esperienze super personalizzate alla scoperta della storia, della cultura, dell’arte, del cibo, della vita notturna e delle curiosità offerte da Amsterdam.

E in Finlandia insegnano anche la felicità.

2) “Rent a finn” per imparare ad essere felici

https://rentafinn.com/
Secondo il World Happiness Report 2019 dell’Onu, la Finlandia risulta essere il Paese più felice del mondo per il secondo anno consecutivo. Per questo il Governo finlandese ha deciso di promuovere un progetto culturale in cui mette a disposizione alcuni suoi cittadini per insegnare a persone provenienti da tutta Europa i segreti della felicità.

Tra i segreti della felicità ci sono l’arte della lentezza e il ritorno ai basics, alle piccole cose e al recupero dei fondamentali della nostra esistenza, tra cui camminare nel mondo.
3) I Walkers

Pellegrini contemporanei che, con piede leggero, camminano per le strade del mondo. Una nuova forma di viaggio in bilico tra vacanze sostenibili, nuova coscienza turistica, la poesia dell’errare lento e interminabile a misura di passo. Viandanti di inediti Grand Tour che, tra arte, storia e cultura. Si muovono alla scoperta di strade, vie, sentieri e percorsi esponendosi all’imprevisto, accettando l’inconveniente, costruendo il proprio significato in un personalissimo spazio-tempo da ‘esploratori’ di casualità straordinarie che si incontrano seguendo le proprie inclinazioni mentre si cammina.
4) Apiediperilmondo, il portale dei viaggi a piedi

https://www.apiediperilmondo.com/
Creato da due amanti dei viaggi a piedi e dedicato a quelli che sono considerati i “veri” viaggiatori, i nuovi nomadi esploratori del territorio. Perché mentre si cammina succede l’imprevisto…
Amo il viaggio, la scoperta, la diversità. Non solo vedere bei panorami o assaggiare piatti squisiti, ma vivere un altro punto di vista, immergermi in un mondo diversamente normale.” Deborah
Ho scelto di prendere in mano il mio destino e fondare Apiediperilmondo.com per sviluppare le mie passioni… lavorando in giro per il mondo da nomade digitale.” Vincenzo

5) Il Cammino dei Briganti

https://camminobriganti.wordpress.com/
È un percorso lungo 100 chilometri, suddivisi in tappe ben definite, da percorrere in circa 7 giorni a piedi o in mountain-bike, tra le meraviglie della natura e i borghi antichi di Abruzzo e Lazio
Camminando ho imparato storie che i nostri libri di Storia non raccontano. Come la verità di ciò che successe con l’unificazione dell’Italia … La Storia come la si legge sui libri è sempre quella scritta dai vincitori, si sa. Camminando si possono invece imparare le contro-verità, e qui, lungo il Cammino dei Briganti, di storie ce ne sono tante. Belle e brutte.” Luca Gianotti, esperto di cammini

Precursori del “flight shame” (la vergogna del volo) – neologismo riferito al rifiuto di prendere l’aereo promosso dalla young activist Greta Thunberg, che sta ispirando migliaia di persone ad abbracciare una nuova filosofia della mobilità per tagliare le emissioni – i camminatori del terzo millennio hanno nel DNA lo #stayontheground, oggi sempre più sposato da influencer e star tv.
Ma quanto si può andare lontano, senza volare?

6) Il giro del mondo in 80 giorni? È in treno

http://www.aroundtheworldtours.com/demo/travel-by-train-around-the-world/
È l’itinerario “Travel by Train around the world”: 80 giorni, 14 paesi, 5 continenti: è ciò che prevede l’esclusivo giro del mondo in treno, la vera vacanza esperienziale memorabile, 38.000 chilometri ricordando Jules Verne.
Assistiamo a una riscoperta del treno tra nostalgia e vocazione green. Il turismo ferroviario è un trend che nell’ultimo triennio in Italia ha coinvolto oltre 200mila viaggiatori con una crescita del 45%. In occasione del ‘2019-Anno del turismo slow’ offre una nuova opportunità per chi sceglie un’esperienza di viaggio lenta e sostenibile, alla scoperta di scorci suggestivi e luoghi di storia e cultura.

Si può fare il giro del mondo anche con la ristorazione hyperlocal, andando “per cucine” qua e là e scoprendo il genius loci attraverso il cibo cucinato “solo in quel luogo dalle persone che lì abitano, solo in quella stagione e come lo preparano per sé”.

7) ‘Andar per cucine’ nelle case del mondo

https://www.eatwith.com/?affid=VZCOOKENINGSITE&utm_source=cookening&utm_medium=site&utm_campaign=20170322%20Cookening%20rejoint%20VizEat
Un portale che fa da connettore tra utenti che amano esperienze enogastronomiche e privati (chef compresi), semplici appassionati di cucina di 130 paesi nel mondo che si offrono di ospitare in casa propria un numero limitato di persone, in date specifiche, e di cucinare e condividere con loro un pasto. Chi cucina propone un menu, il prezzo per persona e specifica il numero di persone che può ospitare, mentre chi mangia può scegliere se inserirsi in un tavolo di sconosciuti o cercarne uno vuoto da riempire solo con i propri amici e compagni di viaggio. I prezzi sono di solito in linea con quelli di un buon ristorante, ma il valore aggiunto consiste nella possibilità di sperimentare la vita locale senza i filtri tipici del turista, stringendo rapporti diretti e ottenendo informazioni utili sulle attività e attrazioni più interessanti della zona.

Quando l’“alloggio”, unico e inedito, diventa il viaggio stesso.

8) Vivere in un quadro di Monet

https://www.airbnb.it/rooms/13650594?source_impression_id=p3_1563342601_zXsbhGCqsSaeJINr
Ora è possibile affittare su Airbnb la casa di Monet a Giverny, la Casa blu, in cui ha vissuto per oltre 40 anni, e che gli diede l’ispirazione per le famose ninfee con il suo giardino di 1500 mq.

9) Dormire nei Kibbutz israeliani

https://siviaggia.it/idee-di-viaggio/vacanza-low-cost-israele/224093/
Non c’è esperienza più local di quella di un kibbutz israeliano, ideale per scoprire le bellezze nascoste del Paese e vivere in prima persona la tradizionale ospitalità di questo popolo.

10) Chalet Levissima. a 3000m

https://www.airbnb.it/rooms/27543672?source_impression_id=p3_1563342408_JoJ1QcipDrlnGtgu
Vacanza eco ad alta quota: per pochissimi (costa quasi mille euro a notte) e comunque solo per due persone, essendo un’unica stanza, è uno chalet di montagna, romantico, di design, nel cuore della natura, con vetrate e vista incredibile. Se si decide di uscire, e non è detto, si possono fare escursioni, safari montani, arrampicate, oppure godersi yoga, pilates e terme.

Questa la descrizione su Airbnb:
Posizionato a oltre 3000 metri sopra la cittadina di Bormio, tra le montagne che si affacciano sul Parco Nazionale dello Stelvio, lo Chalet Levissima 3000 è un’esperienza senza eguali, un luogo dove riprendere contatto con se stessi, rilassarsi e ritrovare la determinazione, ispirati dalla purezza della natura e dalla grandiosità della montagna.

ETASS

ETAss: i ragazzi del corso IFTS Digital elaborano un project work sulla Camera di Commercio Ufficiale di Spagna in Italia

Lo scorso gennaio la Camera di Commercio Ufficiale di Spagna in Italia è stata invitata a presentare il proprio case study agli studenti del corso IFTS Digital organizzato ETAss, un’organizzazione socia della Camera e specializzata nello sviluppo delle Risorse Umane con obiettivo la crescita integrata delle Organizzazioni e delle Persone.

Al termine della presentazione dell’attività della Camera da parte del team della stessa, i ragazzi del corso sono stati suddivisi in quattro gruppi per affrontare la sfida lanciata dal Professore di Comunicazione Digitale: mettere in pratica quanto appreso in termini di comunicazione e marketing social andando a misurarsi con una realtà come la Camera di Commercio di Spagna.

“Ormai da quasi vent’anni seguiamo la formazione di giovani talenti: è sempre una grande occasione di crescita e di confronto; il project work con le aziende, in particolare, costituisce un forte valore aggiunto per il percorso di apprendimento dei ragazzi”. Questo è quanto ha dichiarato Laura Colombo, CEO e Responsabile Progetti Strategici per ETAss.

Due i progetti di comunicazione sui quali gli studenti hanno lavorato per alcune settimane:

  • PROGETTO A: Elaborazione di una strategia di marketing, comunicazione e storytelling per la Camera, attraverso la comprensione della brand identity e brand perception, l’analisi della comunicazione attuale della Camera, lo studio dei canali più adatti e preparazione di un piano editoriale.
  • PROGETTO B: Proposta di iniziative legate al progetto “dare voce agli Spagnoli in Italia” rivolto alla visibilità degli imprenditori e della nutrita community spagnola in Italia, con relativa comunicazione e possibili partnership e collaborazioni.

Nel corso del secondo incontro, al quale hanno presenziato Patricia Dominguez (Business Development Manager) e Beatrice Marchiori (Responsabile Comunicazione e Attività Associative) per la Camera, Elisa Angeli (HR Project Manager e tutor del corso IFTS Digital) per ETAss e il Professore del corso Andrea Banfi, gli studenti hanno potuto presentare i propri lavori.

Ecco quindi i profili Linkedin dei vincitori di ciascun progetto, che si sono distinti per accuratezza nell’analisi del brief loro assegnato e per l’originalità e fattibilità delle proposte.


PROGETTO A


PROGETTO B


BFF BANKING GROUP

BFF Banking Group: Cuenta Facto per le imprese spagnole

Cuenta Facto, il conto deposito di BFF Banking Group, è anche per le imprese spagnole che vogliono gestire la propria liquidità.   

Sottoscrivibile per importi da 10mila a 10milioni di euro, offre alle aziende la possibilità di scegliere la data di scadenza del vincolo in un intervallo compreso fra 3 e 36 mesi, senza cancellazione anticipata. Non prevede commissioni di apertura, mantenimento o altre spese amministrative.

I rendimenti, molto competitivi sul mercato di riferimento, partono da 0,25% (TAE per depositi a 3 mesi) e arrivano fino a 36 mesi. In tutti i casi, gli interessi vengono liquidati a scadenza.

BFF Banking Group ha lanciato l’attività di raccolta attraverso depositi in Italia nel 2014, l’anno dopo in Spagna e nel 2016 in Germania. Negli ultimi due anni, Cuenta Facto ha ottenuto il Premio Rankia come miglior conto deposito in Spagna.

La presente non può considerarsi come offerta al pubblico e/o come alcuna forma di consulenza avente ad oggetto il prodotto Cuenta Facto.

Ai fini della valutazione della possibile sottoscrizione del prodotto Cuenta Facto, consultare il sito http://www.cuentafacto.es/empresas/, in modo da valutare in dettaglio i termini e le condizioni di dettaglio.

Programa Comunicación #6

Entrevista con Estíbaliz Palomo

“La integración en Italia es fácil gracias a su cultura afín a la de España”

Estibaliz Palomo

Estíbaliz Palomo se licenció en Ciencias de la Comunicación Audiovisual por la Universidad de Sevilla. Paralelamente, cursó los primeros tres años estudiando Teatro, junto con la exitosa generación de actores y actrices del 92 en el reconocido Centro Andaluz de Teatro (CAT).

Su andadura internacional comenzó muy pronto y su inquietud por mejorar y completar su formación la llevaron primeramente a Berlín con una beca Erasmus. Fue el teatro, su segunda gran pasión, la que la atrajo finalmente  hasta Italia. Una vez terminada la carrera cursó un año de Doctorado en Ciencias del Espectáculo en el DAMS de Bologna.

Su interés por la cultura italiana y el buen recibimiento que obtuvo en el país, consiguieron convencerla para quedarse. Ahora, nos habla sobre su trayectoria profesional y su puesto en la cadena española de hoteles Meliá Hotels International como Global Account Manager, donde lleva la responsabilidad comercial para el mercado italiano de todos los hoteles Meliá en el mundo, tanto para segmento Meeting & Events como para el de Business Travel.

P.: ¿Cuáles fueron tus inicios en el ámbito laboral, una vez terminados los estudios?¿Cómo comenzó tu aventura fuera de casa?

R.: Estuve trabajando en Sevilla como guía y azafata y también como traductora-intérprete (alemán e italiano principalmente).

A mi llegada a Milán en 1999 encontré la primera oportunidad laboral gracias a los contactos de la Oficina Española del Turismo en Milán. Comencé trabajando 6 meses para una agencia que organizaba eventos en España. Durante los siguientes dos años, pasé a gestionar la producción de audio y video para Sonimage Entertainment donde pude asentar mis conocimientos de italiano, sobre todo en cuanto al lenguaje formal, tan utilizado aquí en el ámbito profesional.

Posteriormente y desde entonces, me encuentro en Meliá Hotels. Al ser una empresa española, poder hablar en mi lengua materna me hizo volver a sentirme como en casa desde el primer día.

P.:¿Qué fue lo que más te atrajo de la vida en Italia y qué te llamo más la atención de su cultura?

R.: Siempre me ha gustado mucho la cultura italiana (el arte, el teatro y el cine) y su gusto por la estética, el diseño y la moda.

P.: ¿Cómo ha sido el proceso de integración en el trabajo en un país como Italia?

R.: La verdad es que me he sentido bastante acogida y mi integración ha sido fácil. Lo que más me llamó la atención al principio en el mundo laboral es que las relaciones y el modo de expresión en Italia es mucho más formal que en España.

P: Según tu opinión, ¿cómo ha cambiado el papel de la mujer con respecto al ámbito profesional a lo largo de los años?

R.: El papel de la mujer ha mejorado un poco a largo de los años, ahora sí que estamos más consideradas que antes profesionalmente y aunque seguramente ocupamos puestos de mayor responsabilidad, seguimos estando un paso por detrás respecto a los hombres en cuestión de salario y posiciones ejecutivas en las empresas.

P.: Qué diferencias observas entre los clientes italianos y los españoles según tu experiencia en el hotel? ¿Cómo de exigentes resultan unos y otros y a qué le dan mayor prioridad?

R.: Los italianos están más pendientes de los detalles y son más exigentes que los clientes españoles.

P.:¿Qué valores crees que refleja Meliá Hoteles de la cultura española que puedan atraer a un público italiano y extranjero?

R.: Pasión, cercanía, alegría y calidad de vida.

P.: Por último, ¿cómo te resulta la vida en Milán a nivel personal?

R.: A nivel personal me gusta vivir en Milán; es una ciudad cosmopolita y moderna. Ofrece una amplia oferta cultural de cine, teatro, arte, diseño y moda. Además, gracias al transporte público es fácil moverse.

Por otro lado, está bastante cerca de España; en 2 horas y media tengo vuelo directo a Sevilla donde voy a ver a mi familia.

HMY ITALIA

CI METTIAMO IN FORMA CON SPORTLAND

Vinovo (To) by HMY Group

Il gruppo Italmark, verso la leadership nel settore della moda sportiva, apre il nuovo punto vendita di Vinovo con un nuovo concept sviluppato e implementato da HMY. 

 

UN PROGETTO CON CIFRE DA RECORD E PODIO

Così si mostra lo sprint che ha conquistato il team formato da Sportland, HMY Italia e HMY Yudigar. Uno spazio di 3000mq che cerca di rinnovare il brand per sradicare il concetto di mass market nei propri punti vendita a favore di una boutique sportiva.

  • 1 settimana di ingegnerizzazione
  • Da 1 a 3 settimane di produzione
  • 10 giorni di montaggio in totale

 

CODICI COLORE ED UN LAYOUT PIÙ LEGGIBILE

Per ordinare le categorie del prodotto, senza però perdere l’identità del brand, Sportland ha utilizzato codici colore che identificano ogni area accompagnati da un arredo unico per tutto il punto vendita.

 

AREA EVENTI

Convertire in punto vendita in una esperienza.

Un’area eventi completa il layout, facilitando uno spazio con contenuti che attraggano il cliente con una maggior frequenza e dove i brand possano realizzare presentazioni, formazioni e lanci di prodotto.

 

FINITURE INDUSTRALI

Lo stile minimalista e industriale rimanda ad un lifestyle urbano, street, quasi da “box crossfit”.

Questo è stato possibile combinando:

  • Arredi con linee forti
  • Una base con montanti Passo 25 grezzo
  • MDF con finitura chiara
  • Ferro grezzo con saldature a vista
  • Chiusure e decorazioni in lamiera stirata

 

QUALITÀ LOGISTICA

Parte dell’expertise nel retail è lavorare in modo agile e metodologico, dalla produzione all’assemblaggio. Grazie alla documentazione standardizzata ed al packaging & picking, i tempi di montaggio si sono sensibilmente ridotti per sorprendere il cliente con una produzione e consegna in meno di 4 settimane.

 

PRODOTTI + SERVIZI = SOLUZIONI

La gestione del progetto, a carico di HMY Italia, è stata enormemente trasversale e controllata. Il punto vendita si colloca all’interno dell’ampliamento del centro commerciale Mondo Juve Shopping Center, ancora in piena fase di cantiere. HMY Italia, Le squadre di cantiere, gli addetti alla sicurezza e prevenzione e l’equipe di montaggio hanno lavorato insieme per coordinarsi internamente ed esternamente.

 

SAI CUALI SONO…

I cinque sport più praticati al mondo?

  1. Nuoto (1,500 milioni di praticanti)
  2. Calcio (1,002)
  3. Pallavolo (998)
  4. Basket (400)
  5. Tennis (300)

Programa Comunicación – Entrevista #5

Entrevista con Rafael San Bruno

“Dos países, mucho en común”

Rafael San Bruno

Rafael San Bruno es licenciado en Derecho por la Universidad Complutense de Madrid. Hace ya varios años que abandonó su ciudad natal para instalarse en Milán por amor. Pero su labor para Rödl & Partner como puente entre España e Italia, le permite volver a menudo a su Madrid de siempre.

P.: ¿Cuáles fueron tus inicios en el ámbito laboral, una vez terminados los estudios?¿Cómo comenzó tu aventura fuera de casa?

R.: Una vez obtuve la Licenciatura y realicé mi posgrado, comencé a ejercer como Abogado en España. Obviamente esta profesión no es de un día para otro, conocer las empresas, los negocios, creo que llevo una mochila bien llena de horas de trabajo, pero siempre me ha gustado mucho mi trabajo y siempre he intentado satisfacer lo máximo posible los intereses de los clientes.

En cuanto a la aventura en Italia, bueno me encanta el deporte y yo como madridista ya tenía mi pique con el Milan de los años 90, cuantos disgustos…, y también con el ciclismo, Indurain, Pantani, Bugno, que carreras aquellas…. En fin que, no sé si hay algo subliminal en mi apellido, pero Italia siempre ha sido uno de mis países favoritos, la historia, la comida, el idioma, el arte, y lo cerquita que está de España.

A partir de ahí en el despacho comenzamos a pensar en aprovechar la dilatada experiencia que Rödl & Partner ya tenía con empresas españolas en Italia, e italianas en España, creando el Italian-Spanish Desk.

P.: …Y así fue como acabaste en Milán. ¿Qué fue lo que más te atrajo de la vida en Italia?

R.: Pues obviamente además de mi mujer, puede sonar a topicazo pero es lo que te comentaba antes, siempre ha sido uno de mis países preferidos, veo una conexión natural entre España e Italia y sus gentes, quizás histórica también, siempre hay curiosas coincidencias en las charlas, a la hora de comer, en las parejas y familias, y por supuesto también en los negocios. Y como español pues obviamente esa conexión con Italia es fascinante.

P.: ¿Cómo es el proceso de integración en el trabajo en un país distinto al tuyo?

R.: Al principio nada es fácil, la burocracia y el sistema es diferente, pero en líneas generales todo es satisfactorio, tengo unos compañeros magníficos en Italia, siempre predispuestos, y no estamos separados de los compañeros y clientes en España. Lo veo como un todo, me pongo como ejemplo del abogado globalizado, y al final intento quedarme con lo más positivo de cada país. Así que encantado.

P.: Desde tu empresa Rödl & Partner ofrecéis un servicio llamado Italian Desk, que tú lideras. Cuéntanos brevemente en qué consiste y qué diferencia a los clientes italianos y los españoles en el ámbito empresarial, según tu experiencia.

R.: Rödl & Partner es una consolidada firma de servicios, de matriz alemana, presente en cincuenta y un países con ciento once oficinas propias. En España contamos con oficina en Madrid y Barcelona, y en Italia en Milán, Roma, Padova y Bolzano. Ofrecemos a las empresas la mayoría de los servicios de consultoría de negocio, incluyendo servicios legales, fiscales, asesoramiento en transacciones internacionales, outsourcing de nóminas y contabilidad, etc. etc.

Con esa base, damos especial importancia a los llamados “crossborder services”, es decir, orientar a la empresa desde el principio hasta el final en su andadura internacional, y desde su propia casa matriz. Y esto es lo que, en resumen, queremos también entre España e Italia con nuestro Italian Desk, es decir que el cliente español –o italiano- encuentre un equipo desde el principio, en su propia lengua, y con los estándares de calidad necesarios para asistirle satisfactoriamente en sus aspiraciones o dificultades comerciales.

P.: ¿Qué aconsejarías a un empresario español que desea desarrollar su negocio en Italia?

R.: Lo primero que contacte con la Cámara, que hace una labor encomiable para las empresas españolas, y luego por supuesto, ¡nosotros encantados de ofrecerle un café en nuestra oficina!

Bromas aparte, Italia es un país muy consolidado económicamente, seguro jurídicamente, y con grandes posibilidades de negocio. Por supuesto el asesoramiento preventivo es siempre esencial, pero yo llamaría la atención sobre el tema de la tecnología y la digitalización. Creo que la mejor manera que pueden tener las empresas de lograr sus objetivos y superar sus dificultades es implantar un sistema tecnológico apto para desarrollar su negocio. Temas como por ejemplo la ciberseguridad, la protección de datos, la inteligencia artificial, el almacenamiento de datos en la nube o el registro de los procesos mediante blockchain, son de extrema importancia en nuestros días y las empresas que los atienden creo que parten con una importante ventaja competitiva para lograr sus aspiraciones.

En Rödl & Partner consideramos este tema fundamental, y ofrecemos también los servicios de tecnología legal más avanzados.

P.: ¿Qué diferencias y similitudes destacarías entre los sistemas jurídicos español e italiano?

R.: Italia todavía tiene el tema de la excesiva burocracia, que aunque se está mejorando en algunos casos, a veces ralentiza las cosas más de lo previsto, y por eso también la importancia de saber desde el principio como se pueden ganar los tiempos, tan importantes para los objetivos de las empresas.

Otro punto donde existen de diferencias destacables es en el derecho laboral, donde basta comparar una nómina italiana y otra española para ver las grandes diferencias existentes.

Y también, yo que litigo mucho en España, veo grandes diferencias en los Juzgados y Tribunales, donde los procedimientos son muy distintos, y conviene siempre ser cauteloso con los plazos y las formalidades.

Por lo demás, en lo que se refiere a contratos y legislación digamos escrita, la normativa civil y mercantil es bastante parecida, al provenir del derecho romano y las codificaciones europeas, con normativas y figuras jurídicas muy similares.

P.: Por último, ¿cómo es la vida en Milán a nivel personal?

Milán para mí es una ciudad única, abierta al mundo, y que cuanto más conozco, más me gusta. Eso sí, lo de comer tan pronto no lo llevo tan bien, se queda uno sin mañana! Y, siendo madrileño, por supuesto me falta el sol!

STUDIO LEGALE MENICHETTI

Lo Studio Legale Menichetti vince il premio Legalcommunity Italian Awards 2019 “Studio dell’Anno Labour – Veneto

Lo scorso 11 Luglio si è svolta a Roma presso il Salone delle Fontane la seconda edizione del Legalcommunity Italian Awards. Nel corso della serata è stato conferito allo Studio Legale Menichetti il premio quale Studio dell’Anno Labour – Veneto per essere una delle più importanti e autorevoli realtà attive nel diritto del lavoro nel Nord-Est. I professionisti coprono la materia in maniera completa e sono un irrinunciabile punto di riferimento per le imprese impegnate nella gestione di questioni giuslavoristiche.

Hanno ritirato il premio gli avv.ti Claudio Damoli, Gilda Pisa, Giorgia Birtele, Letizia Prospero e dott.ssa Camilla Perusi.

Studio Legale Menichetti

EXTENDA

Extenda al “Salone delle Lingue” a Roma

EXTENDA + IALCADal 7 al 9 Novembre Extenda sarà a Roma con una delegazione di scuole di spagnolo dell’Andalusia in occasione del “Salone delle Lingue”, la prima fiera di settore organizzata da IALCA, Italian Association of Languages Consultants and Agents.

L’obiettivo dell’incontro, diretto ai consumatori italiani di servizi linguistici, è quello di rafforzare la collaborazione tra agenti linguistici italiani e scuole di lingua internazionali.

Secondo il documento redatto dal Ministero dell’Educazione spagnolo “El mundo estudia español 2018”, studiano spagnolo ben 800.000 studenti italiani. A questo numero bisognerebbe sommare i quasi 8.000 alunni del Liceo Español de Roma, i 4 centri dell’Instituto Cervantes e le 9 sezioni internazionali spagnole localizzate in tutto il paese. Inoltre, la maggior parte degli universitari che scelgono la Spagna come meta del programma Erasmus provengono proprio dall’Italia.

Ognuna delle scuole andaluse partecipanti all’evento avrà la possibilità di presentare il proprio programma formativo a un ampio pubblico di giovani studenti italiani, universitari, professionisti del settore, manager, insegnanti, e dirigenti scolastici.

Per maggiori informazioni su Extenda: www.extenda.es

CAIRO PUBBLICITÀ

Palinsesti 2019/2020

Dopo una stagione di grandi successi che ha visto La7 – da settembre 2018 a giugno 2019 – realizzare i migliori ascolti degli ultimi 6 anni – la Tv di Cairo Communication diretta da Andrea Salerno, riparte da settembre con le migliori firme del giornalismo italiano: da Enrico Mentana a Lilli Gruber, da Giovanni Floris a Corrado Formigli, da Massimo Giletti a Diego Bianchi “Zoro”, da Andrea Purgatori a Myrta Merlino a Tiziana Panella. Un’offerta editoriale sempre vincente, che quest’anno si arricchisce di importanti conferme, novità, fiction e serie tv inedite e di successo, un sito e un’app completamente rinnovati per offrire una nuova modalità di visione.

La Nuova Stagione

Come sempre, in primo piano, il Tg diretto da Enrico Mentana e gli approfondimenti di ‘Bersaglio mobile’ con le imperdibili ‘Maratone’ per seguire in diretta – minuto per minuto – la cronaca degli eventi principali di politica italiana e internazionale.
Pilastro dell’access quotidiano rimane Otto e mezzo di Lilli Gruber, nello scorso anno sempre vincente su tutti i competitor, in particolare su Stasera Italia in onda su Retequattro (189 confronti vinti su 190).
Tornano gli appuntamenti del mattino: Omnibus con Alessandra Sardoni e Gaia Tortora, Coffee Break con Andrea Pancani, L’Aria che tira e L’aria che tira Oggi di Myrta Merlino che anche nella prossima stagione tornerà con nuovi speciali in prime time.
Al pomeriggio riparte anche Tagadà di Tiziana Panella che si rafforza nella durata e allungherà fino alle 17.00.
In prime time si riaccendono tutti i cardini del palinsesto:
Giovanni Floris con diMartedì – sempre vittorioso nella la sfida contro #Cartabianca di Rai3 (35 confronti vinti su 36) – torna con i suoi dibattiti al martedì.
Mercoledì Andrea Purgatori e il suo Atlantide – Storie di Uomini e di Mondi, sempre dedicato alla divulgazione storica e culturale legata all’attualità, si alternerà – dalla prossima primavera – ad un nuovo format in prime time affidato a Licia Colò, Eden un pianeta da salvare.

Il giovedì rimane di Corrado Formigli con Piazzapulita, come sempre arricchito da reportage realizzati nelle zone più calde dell’Italia e del mondo.Sull’onda di una stagione in crescita verticale torna, ogni venerdì, Propaganda Live di DiegoBianchi (“Zoro”) che con Makkox e il suo gruppo, continuerà ad informare e a divertire inmaniera sempre originale e innovativa.
Alla domenica grande conferma di Massimo Giletti e Non è l’Arena con i faccia a faccia, idibattiti, le inchieste e le battaglie contro le ingiustizie, la mafia, la corruzione, gli sprechi. Il conduttore sarà, inoltre, protagonista di nuovi ed inediti speciali in prime time.La7 rafforza la propria offerta di contenuti con una ricca selezione di film e serie tv.
Grande novità della stagione, sarà l’arrivo di un’eccezionale prima tv in chiaro: Chernobyl,miniserie di successo internazionale targata HBO che, in 5 episodi, racconta il devastante disastro che si verificò nell’Ucraina sovietica il 26 aprile 1986, rivelando le vicende degli eroi che hanno affrontato il dramma a costo della loro vita.
La7, inoltre, offrirà in anteprima assoluta al suo pubblico una grande produzione internazionale con il docufilm Our Godfather: la storia di Tommaso Buscetta e la testimonianza diretta della sua famiglia, che rompe il suo silenzio dopo 30 anni di latitanza. Una serata evento presentata e introdotta da Enrico Mentana.
Infine, arriveranno in esclusiva in chiaro le prossime 2 stagioni di Grey’s Anatomy, il medical drama più famoso giunto alla sua 15esima e 16esima stagione diventando in questo genere il più longevo telefilm di tutti i tempi, superando ER Medici in prima linea.

Cairo

LA7 sempre in crescita anche nell’ultima stagione

La passata stagione ha visto La7 raccogliere ancora una volta ascolti eccellenti. Infatti, dal 16 settembre 2018 al 15 giugno 2019 la Rete ha raccolto il 3,9% di share nellagiornata (07:00/2:00) pari a un +6% rispetto al periodo omologo della stagione precedente. Nel solo mese di maggio 2019 – inoltre – con il 3,97% di share nelle 24 ore (02.00/02.00) La7 è arrivata a essere sesta Rete assoluta davanti a Retequattro (3,96%), così come in precedenza nei mesi di ottobre e febbraio. Grande successo anche nel prime time, dove ha realizzato il 5,1% di share (20:30/22:30) con
un +7% vs 2017/2018, arrivando a posizionarsi al quinto posto assoluto – al pari di Italia 1 e davanti a Retequattro (4,31%). Nel ranking di prima serata la Tv di Cairo Communication sale invece al terzo posto -considerando il target con la più alta capacità di spesa (adulti CSE alta, sh 8,8%) – e al secondo in assoluto dietro solo a Rai1 sul pubblico con il maggior grado di istruzione (laureati, sh
9,8%). La stagione appena conclusa, inoltre, ha portato la Rete con il 4,42% di share al 4° posto assoluto nella fascia del mattino (7:00/12:00) con un +1% vs periodo omologo precedente.
Nel corso dell’intera stagione scorsa La7 si conferma tra l’altro leader nel panorama nazionale per ore di informazione con ben 3.621 – ovvero circa 13 ore ogni giorno e oltre 90 ore nella settimana media (il 54% della propria offerta complessiva), ma anche per ore di produzione originale di diretta in prima serata (728 in totale).
Con il contributo di La7d, il canale con la maggior composizione femminile dell’intero panorama televisivo free to air confermatasi allo 0,5% di share medio, l’offerta complessiva del Network La7 riesce ad attrarre un pubblico molto ampio arrivando a contattare ben 51,6 milioni di italiani nell’arco della stagione, cioè l’88% dell’intera popolazione.

LA7 ovunque con te in crescita sulle piattaforme digital – al via il nuovo sito

Performance molto positive si registrano anche per le piattaforme digital nell’ultima stagione televisiva.
Infatti, da settembre 2018 a giugno 2019 sono stati ben 26 milioni di browser unici sui siti web La7 pari a un +32% rispetto al periodo omologo dell’anno precedente; 384 milioni di visualizzazioni de La7 e i suoi programmi tra le proprie piattaforme digital La7.it, TGla7.it, Sedanoallegro.it, app TGla7, e i canali La7 su YouTube, +32% vs stagione precedente; e 226mila download dell’app TGla7, +41% in un anno.
La7 è leader anche sui social per l’area Talk e News con consensi sempre più ampi. Si registrano infatti oltre 4,1 milioni di fan dei profili della Rete e dei suoi programmi attivi su Facebook e Twitter, con 576 milioni di visualizzazioni dei post e dei tweet nell’ultima stagione Tv, +13% rispetto al periodo omologo dell’anno precedente, e più di 9 milioni di interazioni social, pari a +83%.
Tra le tante novità della stagione di La7, la nuova offerta digital della Rete.
Un sito – www.la7.it – completamente rinnovato per fornire una nuova modalità di visione, sia da desktop che da mobile, dei programmi La7 e La7d in “diretta streaming” e “on demand”.
Elemento centrale, la nuova home in continuo aggiornamento per seguire in tempo reale i principali fatti di attualità e cronaca, e per ripercorrere le storie, rivedere i volti e ascoltare i racconti di chi sceglie La7 per far sentire la propria voce.
Un’offerta che – in occasione del prossimo palinsesto – si arricchisce anche di contenuti d’eccezione per la prima volta “free” sul web. Infatti La7 ha acquisito i diritti di catch-up di Grey’s Anatomy. Per chi non riuscirà a vederli in tv, gli episodi della nuova stagione saranno visibili per tutta la settimana anche on demand.

Da quest’anno – inoltre – la diretta streaming e tutta la programmazione della Rete sarà disponibile anche su smartphone con la nuova app La7.
Oltre ai consueti canali social ufficiali – Facebook e Twitter – La7 potrà essere seguita da quest’anno anche su Instagram https://www.instagram.com/stories/la7_tv/.
Un nuovo modo per rivedere tutto l’universo La7 anche su Instagram, con un racconto sempre inedito ed esclusivo del dietro le quinte e del backstage dei programmi, dei volti di Rete, con le anticipazioni e le dichiarazioni degli ospiti in studio.

 

ANDERSEN TAX & LEGAL

Gruppo Iva: nuovi chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello n. 222 del 2019

Con la risposta all’interpello n. 222 del 1 luglio 2019 l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti sulla disciplina del Gruppo Iva, le cui disposizioni sono contenute nel Titolo V del DPR n. 633 del 1972 e nel DM 6 aprile 2018 del Ministero dell’economia e delle finanze (recante le disposizioni a carattere attuativo) nonché nella Circolare n. 19/E del 2018 della stessa Agenzia delle entrate.

In particolare la Circolare predetta aveva precisato che a seguito dell’esercizio dell’opzione Gruppo Iva, gli aderenti al medesimo Gruppo perdono la soggettività ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, e si viene a costituire un autonomo soggetto d’imposta dotato di una propria partita IVA e di propria iscrizione al VIES.

Il Gruppo IVA assume, quindi, tutti gli obblighi dichiarativi, di liquidazione, di versamento e i diritti previsti per le operazioni in cui l’imposta diviene esigibile a partire dalla data in cui ha effetto l’opzione per la sua costituzione e in particolare: per le operazioni attive avendo riguardo al momento di esigibilità dell’IVA relativa alle operazioni poste in essere, e per le operazioni passive al momento in cui il diritto alla detrazione dell’imposta è esercitabile.

I singoli partecipanti, invece, assumono gli obblighi e i diritti derivanti dall’applicazione delle disposizioni in materia di imposta sul valore aggiunto per le operazioni per le quali l’imposta diventa esigibile o il diritto alla detrazione è esercitabile anteriormente alla data di ingresso nel Gruppo IVA ovvero dopo la sua cessazione.

Nel caso esaminato nella risposta ad interpello n. 222 del 2019 il Gruppo IVA si è costituito con effetti dal 1 gennaio 2019, pertanto da quel momento gli aderenti hanno perso l’autonomia soggettiva ai fini dell’Iva, che è stata infatti acquisita dal Gruppo, quale nuovo soggetto passivo tenuto all’osservanza delle disposizioni in materia di Iva per le operazioni poste in essere dal Gruppo.
L’Agenzia inoltre ricorda che in merito agli obblighi di fatturazione la capogruppo dovrà emettere fattura applicando l’Iva per le prestazioni rese nei confronti dei soggetti esterni al Gruppo Iva, mentre le prestazioni rese alle società del Gruppo sono considerate “fuori campo Iva” ai sensi dell’articolo 70-quinquies DPR n. 633 del 1972.

Cattura