Noticias Socios

COPYR

Nuovo azionista per Zelnova Zeltia – Copyr: il Gruppo si rafforza per traguardi sempre più importanti

Un nuovo, importante azionista entra in Copyr, portando un ulteriore contributo al processo di continua crescita dell’azienda. Allentia Invest, infatti, subentra a PharmaMar, acquisendo il 100% delle azioni del Gruppo Zelnova Zeltia S.A. – Copyr S.p.A. Il processo di vendita, appena conclusosi, è stato intenso e altamente competitivo e ha visto la partecipazione di numerosi candidati, tra cui investitori industriali e fondi di investimento, spinti all’acquisizione dall’importante tasso di crescita finanziario e commerciale registrato anno dopo anno.
Acquisizione che ha tra gli obiettivi principali quello economico, con una previsione di crescita del fatturato di cento milioni di euro in cinque anni, e quello strategico, attraverso l’apertura a nuovi mercati internazionali ed il lancio di nuove linee di prodotti. Pedro Gonzàlez, Direttore Generale di Zelnova e Amministratore Delegato di Copyr, afferma che una delle linee strategiche comuni nella quale stanno investendo entrambe le compagnie è lo sviluppo di prodotti ancora più sostenibili e rispettosi dell’ambiente.
In un contesto di mercato esigente e sfidante, regolamentato da normative sempre più stringenti, come quello degli insetticidi e della cura della casa, il Gruppo Zelnova Zeltia – Copyr risulta rafforzato e capace di generare grandi risultati grazie anche a progettualità, investimenti e sinergie condivise. Juan Carlos Ameneiro, Presidente di Copyr, Spa. e Amministratore Delegato di Zelnova Zeltia, S.A. , ha dichiarato che la compagnia ha già in atto un piano strategico per la crescita e che si proseguirà per darle ancora maggior impulso attraverso l’espansione del business internazionale e l’ingresso in nuovi mercati.
L’acquisizione da parte della Allentia Invest è anche la conferma delle scelte vincenti intraprese da Copyr in termini di competitività e posizionamento alto nel mercato di riferimento. Acquisizione che fa da ulteriore stimolo per l’azienda di Milano, pronta a raccogliere le nuove sfide del mercato e confermare le linee guida in essere e future.

MANAGEMENT SOLUTIONS

White Papers de Management Solutions: “De proyectos Agile, a organizaciones Agile” e “Interpretabilidad de los modelos de Inteligencia Artificial”

Management Solutions, firma internacional de servicios de consultoría, ha publicado recientemente la newsletter “De proyectos Agile, a organizaciones Agile” sobre las principales implicaciones y desafíos a los que se enfrentan las organizaciones que adoptan metodologías Agile. Adicionalmente, la Cátedra iDanae (inteligencia, datos, análisis y estrategia) en Big Data y Analytics creada en el marco del convenio de colaboración con la Universidad Politécnica de Madrid (UPM) y Management Solutions, ha publicado su primera newsletter trimestral sobre “Interpretabilidad de los modelos de Inteligencia Artificial”.

BFF BANKING GROUP

BFF Banking Group continua a crescere in Spagna

Dopo aver ricevuto il primo rating ufficiale da Moody’s, ottenendo una valutazione sul lungo termine “Ba1” con outlook positivo, BFF ha collocato con successo un nuovo prestito obbligazionario unsecured senior preferred per un ammontare complessivo di 300 milioni di euro, tasso fisso dell’1,75% annuo e con scadenza 23 maggio 2023. Il bond, che ha registrato una domanda pari a circa tre volte l’offerta, è stato collocato in modo significativo presso investitori istituzionali spagnoli.

La crescita in Spagna accelera anche grazie al perfezionamento dell’acquisizione di IOS Finance, che era stata annunciata a fine marzo 2019. L’operazione consente a BFF Banking Group di raggiungere 1,3 miliardi di euro di crediti acquistati e gestiti nel Paese, espandendo al contempo l’offerta di credit management finora prevista solo per l’Italia. Inoltre, il consolidamento di due team di professionisti e il rafforzamento della presenza del Gruppo a Barcellona consentiranno di garantire una maggiore vicinanza ai clienti e un elevato servizio di customer care.

BFF Banking Group rinnova inoltre la propria offerta di depositi on-line, che dallo scorso mese sono disponibili anche per i clienti irlandesi, olandesi e polacchi. In Spagna, Cuenta Facto è offerto a imprese e retail con interessi che dipendono dalla durata del vincolo (es. TAE a un anno per le imprese dello 0,90% – liquidato a scadenza – e per la clientela retail dell’1,31% – liquidato trimestralmente). Gli importi minimi del vincolo sono 10.000 euro per le imprese e 5.000 per i clienti retail. I depositi, che non prevedono la cancellazione anticipata, sono garantiti dal Fondo Italiano di Tutela dei Depositi.

La presente non può considerarsi come offerta al pubblico e/o come alcuna forma di consulenza avente ad oggetto il prodotto Cuenta Facto. Ai fini della valutazione della possibile sottoscrizione del prodotto Cuenta Facto, consultare il sito http://www.cuentafacto.es/, in modo da valutare in dettaglio i termini e le condizioni di dettaglio.

DORNA SPORTS

Dorna Sports: we do racing

 Dorna Sports is the commercial rights holder of MotoGP™, the oldest motorsport World Championship in the world. Since its beginnings in 1949, the decades have seen it grow into what it is today: 19 Grands Prix across five continents and some of the closest racing on Earth; a truly global show.

MotoGP™, the premier class, is the world’s fastest motorcycle racing Championship, with 22 riders competing on prototype machinery in front of millions of fans both trackside and at home. Last season, more than 200 countries received live or same-day-delayed MotoGP™ programming, reaching over 400 million homes.

Three million people also flocked through the gates to watch the Grands Prix live at the track, with a number of events attracting over 200,000 fans across the weekend. From families in the grandstands to corporate guests and events, watching live is a unique experience and can even be a VIP experience. Corporate clients or individuals can enjoy a one-of-a-kind weekend at the MotoGP VIP Village™, the official and exclusive Corporate Hospitality programme of the MotoGP™ World Championship, which offers specially designed packages for each event.

DornaThere’s even more to a Grand Prix than the premier class track action and outright speed, too. The lower capacity classes – Moto2™ and Moto3™ – stage their own mythical battles every weekend, with the racing often even closer. The 250cc lightweight class is the entry point into the paddock for most young riders before they move into the 765cc Moto2™ World Championship, where they fight it out for more wins and podiums and, in many cases, the chance to move into MotoGP™.

In 2019, there was another exciting new addition to the paddock too: the FIM Enel MotoE™ World Cup. The one-make, all-electric series is a parallel path of competition and technology, pushing the boundaries of new energy and close racing. With four rounds in 2019, MotoE™ is set to expand once again next season, visiting new tracks and continuing to evolve and provide even more incredible racing for fans at the track and at home.

MotoGP™ also visits a new track next season: the KymiRing. A brand-new facility in Finland, the stunning track is set to bring Grand Prix motorcycle racing back to a country with an incredible history in motorsport. There are more incredible new events on the horizon too, with MotoGP™ reaching new heights – and destinations – year on year.

Dorna is also deeply invested in the future of motorcycle racing across the world. The Road to MotoGP™ programme aims to unearth and foster talent across the globe, giving young riders a chance to grow and learn their craft as they progress in their careers. The FIM CEV Repsol, the Idemitsu Asia Talent Cup, the British Talent Cup and the Red Bull MotoGP Rookies Cup are key initiatives in Dorna’s commitment to talent promotion, and the investment pays dividends. For 2020 there’s a new addition, too – the Northern Talent Cup, guiding the careers and progress of young riders from northern and central Europe. The Road to MotoGP™ has created Champions and is set to continue doing so for years to come, turning talent and promise into a path to the top.

The future of the sport can be found in every facet, from incredible in-house technological innovations like the OnBoard 360 degree cameras to Dorna’s commitment to talent promotion and discovery, but one thing is certain: the racing comes first. Creating the greatest show on Earth and reaching the largest audience go hand in hand, with Dorna Sports committed to making MotoGP™ better than it ever has been – every season.

CODERE

Codere Italia e le sue attività di CSR

Codere Italia, in qualità di concessionario di gioco legale, opera nel mercato italiano dal 2000. Grazie a una grande esperienza acquisita in mercati come Spagna e America Latina (Argentina, Messico, Panama, Colombia, Uruguay) ha portato nel Belpaese le sue attività di gioco, prima fra tutte il Bingo, attraverso una serie di Gaming Hall che contano oggi oltre 800 persone impiegate su tutto il territorio nazionale.

Attenta da sempre alla Responsabilità Sociale d’Impresa e ai risvolti più pratici che questa pratica può avere soprattutto nelle aree oggetto del proprio business, Codere Italia è riuscita nel tempo a costruire dei progetti itineranti che danno appuntamento a esperti del settore, referenti della politica locale e nazionale, esponenti di forze dell’ordine, associazioni non profit, personalità scientifiche e opinion leader. 

Il workshop “In nome della legalità” è l’esempio di come un primo incontro, ospitato a Roma nel 2011 presso il Palazzo dell’Informazione, sia stato l’inizio di un percorso a livello nazionale per la promozione della sicurezza e della legalità nel gioco. Fortemente voluto da Codere, questo appuntamento, arrivato ormai alla 15esima tappa, negli anni ha riscosso successo anche tra gli organi di stampa. Tra le città interessate dalle tappe ci sono state: Roma, Milano, Bologna, Firenze, Caserta, Torino e Viterbo. Il prossimo incontro è in programma a Lecce per il 26 novembre.

Codere 1

Attualmente Codere Italia è impegnata a sostenere: l’associazione IO, Domani… , che attua un sostegno attivo per il Centro di Oncologia Pediatrica nella Clinica Pediatrica dell’Università “La Sapienza” di Roma, la Fondazione Telethon, con iniziative per promuovere donazioni spontanee, e l’AIL di Salerno, in occasioni di eventi specifici. Al delicato tema della violenza sulle donne e sui minori è invece dedicato il progetto itinerante “Innamòrati di te” partito nel 2015. Anche questa iniziativa ha toccato moltissime città italiane, da nord a sud, con un riscontro di pubblico sempre positivo. Tutti gli appuntamenti sono infatti a ingresso libero e gratuito.  Un percorso di impegno sociale sul territorio iniziato nel 2014 con la sponsorizzazione del progetto artistico e culturale di Caterina Orzi dal titolo “Amori dalla cenere”: una mostra fotografica allestita presso la Biblioteca della Camera dei Deputati a Roma dedicata alla Giornata Internazionale per la lotta alla violenza sulle donne.

Codere 2Questo forte impegno di Codere sul territorio è un esempio positivo di come un operatore di gioco, nel caso specifico facente parte di una multinazionale quotata in borsa a Madrid, possa dare un valido contributo al miglioramento delle condizioni economico-sociali delle aree di influenza della propria attività.

Per maggiori informazioni consultare il sito www.codereitalia.it

MARRIOTT INTERNATIONAL

La nuova steakhouse argentina di Milano:   

El Patio del Gaucho, Javier Zanetti

Milano ha recentemente accolto una nuova steakhouse, destinata a diventare uno degli indirizzi più ricercati in città dagli estimatori della cucina argentina: El Patio del Gaucho, Javier Zanetti, il terzo ristorante che porta la firma della leggenda del calcio, dopo El Gaucho e Botinero. Situato al piano terra dello Sheraton Milan San Siro, il ristorante si affaccia sul rigoglioso giardino che abbraccia l’hotel, pensato come un rifugio tranquillo in una dinamica e urbana Milano.

Perseguendo i sapori distintivi della cucina argentina, offre i classici piatti di carne con opzioni di pesce e verdure rivisitate con un tocco contemporaneo. Fedele alla cultura, l’asador regna sul ristorante dalla sua postazione davanti alla parrilla. Conoscitore dei diversi tagli di carne, rispetta le antiche tradizioni della griglia per offrire un’autentica esperienza culinaria.

MArriott per newsletterLa cucina offre anche una vasta proposta di piattini da abbinare ad un cocktail durante l’aperitivo, oltre ad un menù a tema argentino per eventi e banchetti.

Le domeniche qui sono dedicate ai ritrovi in famiglia. La versione argentina del brunch – l’Asado del Domingo – è pensata, infatti, come un momento di convivialità che riunisce le persone alla stessa tavola per condividere cibo ed esperienze.

Ardesia, legno e cuoio si uniscono negli spazi interni del ristorante in un’armonia di consistenze e trame, in un progetto guidato dalla designer Chiara Caberlon.

Durante la bella stagione gli ospiti possono cenare nel giardino terrazzato su cui il ristorante si affaccia, dove godersi i raggi di sole di fine giornata. Un’area esterna per bambini adiacente si fonde armoniosamente con l’atmosfera generale.

VUELING

Vueling estrena red Wi-Fi de banda ancha en sus aviones para mantener conectados a sus clientes

Esta tecnología, diseñada específicamente para satisfacer las necesidades de la aviación europea, ofrece un ancho de banda constante en vuelo en toda Europa, resultando en una experiencia cómoda y fiable para sus usuarios.

Vueling pone en marcha el ambicioso proyecto de implementación de una red Wi-Fi de banda ancha en su flota de aviones, siguiendo la iniciativa lanzada por IAG y que está siendo implantada de manera progresiva por todas las compañías que conforman el grupo. En esa línea, desde hoy cinco aeronaves de Vueling cuentan con este servicio, que se instalará de forma gradual y que permite la conexión a internet durante el vuelo. De esta manera se pretende también ver la interacción de los clientes con este nuevo servicio y poco a poco adaptarlo a sus necesidades. Durante los próximos meses y progresivamente, la tecnología EAN (European Aviation Network) – ofrecida por Inmarsat, una de las compañías de referencia en el sector de Servicios Satélites Móviles (SSM) y Deutsche Telekom – estará disponible en toda la flota habilitada para brindar el servicio. Esta tecnología, diseñada específicamente para satisfacer las necesidades de la aviación europea, ofrece un ancho de banda constante en vuelo en toda Europa, resultando en una experiencia cómoda y fiable para sus usuarios.
“Nuestros estudios demuestran que el servicio de conexión Wi-Fi y entretenimiento es un factor diferencial y valorado por los clientes” afirma Calum Laming, Chief Customer Officer de Vueling. Además, Laming señala que “Vueling es una aerolínea referente en innovación y ahora, las necesidades de conectividad de nuestros clientes durante el vuelo también estarán cubiertas, enriqueciendo así su experiencia a bordo”.
A través de un sistema muy intuitivo los clientes podrán conectarse a la red Wi-Fi de los aviones adquiriendo el pack más adecuado a sus intereses. Para ello, la compañía pone a disposición del cliente tres tarifas que buscan satisfacer las necesidades de todos los usuarios: “Fly & Chat”, con un precio de entre 2 y 3 €*, es el paquete ideal para el cliente de negocios que quiere aprovechar el tiempo del vuelo gestionando sus correos electrónicos y comunicaciones vía chat; “Fly & Surf”, cuyo precio oscila entre los 3 y 5 €*, se trata de una opción para aquellos clientes que quieran navegar e informarse de la actualidad en pleno vuelo; y la opción de entretenimiento “Fly & More”, por un precio entre los 6 y los 9€*, es la solución perfecta para aquellos que quieren disfrutar de contenidos en streaming, sin perderse nada durante el vuelo. Además, el registro de alta como usuario necesario para la utilización del servicio sólo se debe llevar a cabo la primera vez, estando siempre disponible para los futuros vuelos en los que se quiera disfrutar del mismo.

*Los precios pueden variar en función de la ruta.

EVENTO DLA PIPER : MANAGING PARENTHOOD

Abbiamo il piacere di estendervi l’invito alla colazione “Arbitral Parents: Managing Parenthood in the context of an International Practice”, organizzato dallo Studio DLA Piper insieme a YAWP, la sezione giovani dell’Associazione ArbitralWomen, Young ArbitralWomen Practitioners, e con il supporto di CEA Mujeres (Club Español de Arbitraje).

L’evento sarà condotto in inglese e si terrà il prossimo 30 ottobre alle ore 8:15 presso l’ufficio di DLA Piper a Milano, in via della Posta, 7. Seguirà colazione di networking.

Moderati da Valentine Chessa, giovani arbitri e/o counsel già affermati nella comunità arbitrale nazionale e internazionale discuteranno delle sfide nel bilanciare il ruolo di genitore e quello di professionista operante in un contesto internazionale.

Cattura

Scarica qui il programma>>
Per effettuare la registrazione all’evento, inviate una mail a a-team@dlapiper.com.

AENOR

Corso per Auditor BRC Food – Standard globale per la sicurezza alimentare

Il corso, della durata di 24 ore, è stato progettato con lo scopo di qualificare Auditor di Terza Parte per la conduzione di audit relativi allo standard BRC FOOD.

Scopri di più sul programma dell’evento cliccando qui.

Corso food AENOR

VERTI

RETROFUTURO È IL NUOVO TOPIC DI TREND MOVERS, L’OSSERVATORIO DI VERTI ASSICURAZIONI E BVA DOXA

Dopo la pausa estiva, ricomincia il viaggio di Trend Movers, l’Osservatorio pensato da Verti Assicurazioni, la compagnia digitale del Gruppo MAPFRE, in collaborazione con BVA DOXA: un interessante strumento che indaga sul futuro che ci aspetta, attraverso l’analisi dei più curiosi trend di consumi e lifestyle dal mondo.
L’ultimo trend rilevato dall’Osservatorio prende il nome di Retrofuturo e indica la tendenza al continuo ritorno di alcuni stili e comportamenti del passato. Un concetto che si basa su una fascinazione che si rinnova, tornando continuamente alla matrice di riferimenti grafici, artistici e figurativi di ieri. Creatività contemporanea e ricombinazione selettiva del passato, il Retrofuturo rimescola i contenuti della memoria collettiva.
Oggetti, forme, idee e musiche, rinchiusi negli archivi della nostra memoria, vengono così riproposti «pari pari» nel presente o riattualizzati con il supporto di materiali e innesti tecnologici “futuribili”. Facendo leva sui gusti ed estetica retrò. Il Retrofuturo innesca così un’associazione intima tra le cifre espressive, i registri comunicativi e le emozioni per noi familiari. Emozioni capaci di dare senso a un presente schiacciato da “troppo futuro” che mai come oggi ci spinge a reinterpretare il passato per trasmettere nel «qui e ora» le sensazioni rassicuranti già conosciute.
MERCATO IN CRESCITA – La retrofilia è la fascinazione per tutto ciò che è passato e che spesso affastelliamo sotto l’unica etichetta di «vintage», forte attrattore per i consumatori. Una curiosià: «vintage» è una voce inglese che si dovrebbe pronunciare [vìntig] e non [vintàg] alla francese. Per tutto ciò che si avvale di questa definizione oggi è un momento storico assolutamente favorevole. Ma c’è una distinzione. «Usato» e «Vintage»: non sono la stessa cosa e il loro mercato non cresce allo stesso modo. Il mercato della cosiddetta second-hand economy ha segnato negli ultimi anni trend di crescita a doppia cifra con un +11% tra il 2016 e il 2017 (dati BVA DOXA). Se per «l’usato», che è anche una espressione di riciclo, il valore dei singoli oggetti tende ad abbassarsi con il passaggio di mano in mano, per il «vintage» vero e proprio la situazione è ben diversa. Il valore degli oggetti provenienti dalle case di moda e design, che sembrano ipnotizzate da questo trend, cresce esponenzialmente grazie all’aggettivazione «vintage».
RETROFUTURO AI RAGGI X – La tendenza retrofuturista è imperante e torna ciclicamente. Lo dimostra la quantità di oggetti datati che emanano gusto e valori oldstyle nel mondo dei consumi, oggi è un’interessante prassi, un metodo, un approccio progettuale trasversale alle diverse industry come la moda, la mobilità, la tecnologia, il design e altri. Il passato sarà sempre un grande serbatoio vivo e vitale da cui continuamente attingere stimoli da rielaborare in futuro.
MOBILITÀ – Anche nel campo dell’automotive il passaggio dall’usato generico all’oggetto di culto fa la differenza. Per chi ama lo stile e la qualità del passato, un vero cortocircuito temporale è provocato dalla vista di un mito vintage in chiave high-tech: vedere le 500 Fiat originali, icone della Dolce Vita anni Sessanta e vero simbolo dell’italianità, che si aggirano per le strade delle città italiane. Esattamente come allora ma green. Elettriche. A riconvertirle e rimetterle in circolazione in versione futurista è una start up milanese con un nome che da solo ci riporta indietro nel tempo: Officine Ruggenti. Offrono una seconda vita ecologica alle auto d’epoca, e si definiscono un atelier che restaura, personalizza – per esempio con tecnologie come la chiusura centralizzata, cambio elettronico o il navigatore – ed effettua “trapianti di cuore” a macchine più o meno vecchie. Grazie al decreto Retrofit (D.M.T. n. 219 del 1 dicembre 2015) basta un aggiornamento della carta di circolazione, che rimane quella originale, così come le targhe. La tecnologia è stata sviluppata da Newtron, azienda di Villafranca, Messina, che prevede l’“espianto” del il vecchio motore e la sostituzione con uno elettrico. «Alcune automobili sono veri capolavori di tecnica che non andrebbero modificati. Ma il mondo è pieno di macchine vecchie che nessuno usa perché hanno mille problemi, o perché le normative non lo permettono più. Il nostro è un grande gesto di amore verso queste auto, e anche verso le città, che finalmente potrebbero vedere le strade ripopolate di grandi icone del design riconvertite all’elettrico» (cit. Andrea Garibbo, founder).
https://officineruggenti.com/?lang=it 

Celebrare l’eredità accoppiandola con l’avanguardia tecnologica è l’esercizio di restyling retrofuturistico fatto dallo studio slovacco Petovdesign per un esemplare di bicicletta pieghevole, Oneybike: da diporto, è fatta come i primi velocipedi della belle époque, con la ruota davanti enorme con la sella e il manubrio sopra e il ruotino dietro. Poche mosse e la bici si ripiega per essere riposta o trasportata.
http://www.petovdesign.com/works/oneybike.html
TECH – Tutto questo vale anche per la tecnologia. Sony celebra i 40 anni del Walkman con ‘My Story, My Walkman’, una mostra visitabile ancora per qualche giorno al Sony Park di Ginza, in Giappone. Interessante notare come il primo lettore di musicassette portatile, simbolo di una generazione e un’icona del design coniugato all’innovazione, è oggi un oggetto del desiderio, nelle aste dei collezionisti arriva ad assumere il valore di 600 euro.
https://www.ginzasonypark.jp/e/
Questa “nostalgia analogica” ha ispirato il progetto Vidget realizzato da Snap e Columbia University. È stata creata una cover per smartphone con pulsanti e rotelle dall’aspetto primitivo, che tuttavia si avvalgono di tecnologie di ultima generazione come un accelerometro interno per migliorarne la funzionalità. Il progetto è nato per arricchire l’esperienza dell’utente e restituire alle sue mani il potere di far accadere le cose con gesti antichi. Le funzioni sono intercambiabili e i tasti analogici si possono usare per rispondere al telefono, zoomare o scattare le fotografie.
http://www.cs.columbia.edu/cg/vidgets/
APP & MODA – E a proposito di Tech, ecco Vintag. L’applicazione ideata e fondata da Francesca Tonelli, per vendere e acquistare oggetti «autenticamente vintage». Vintag è un marketplace di oggetti-icona che si guadagnano l’accezione di «vintage» perché «vecchi» di almeno vent’anni. Pezzi unici di antiquariato e modernariato di pregio, raffinati e dalla caratura sublime, soprattutto vestiario, gioielleria, arredamento, borse. Dal baule della nonna alla rete, matericità carica di storie uniche e potenzialità dell’e-commerce sono gli ingredienti del successo di questa start-up italiana. Vintag ha 75 mila prodotti in vendita: l’articolo meno costoso è un bottone da un euro, tra quelli di maggior valore ci sono un furgoncino Fiat anni Settanta da 48mila euro, la Birkin di Hermès da 28 mila euro, i mobili di design, come le lampade anni Settanta di Achille Castiglioni o i tavoli di Alvar Aalto. Pezzi curiosi e unici come le insegne anni Quaranta e oggetti iconici come flipper o juke box anni Cinquanta, una Vespa anni Sessanta e una Chevrolet Camaro del 1979. Non c’è magazzino: sono gli articoli dei 25.000 utenti iscritti – di cui 3.000 sono negozi specializzati – che espongono le loro proposte su questo canale di vendita che tra i competitor è l’unico a vantare la specializzazione in vintage originale. La più grande community vintage, un luogo di incontro per collezionisti, artisti, designer, creativi e appassionati di stile che dialoga anche con le grandi maison di moda. Marchi come Fendi e Ferragamo hanno già comprato su Vintag esemplari che mancavano al loro archivio.
https://www.home.vintag.store
Nella moda, all’insegna di un’eleganza perduta e richiamata nostalgicamente in maniera più o meno esplicita, gli esempi sono molteplici e non c’è che l’imbarazzo della scelta.
La collezione P/E 2019 Levis’s Vintage Clothing si ispira allo Space Race, il periodo che segnò il lancio in orbita dello Sputnik (1957): non solo un momento storico indimenticabile, ma anche simbolo di un movimento culturale decisivo per l’umanità. Ripescando dagli archivi storici di Los Angeles la collezione “Rocket City” fa arrivare ai giorni nostri pezzi iconici come le T-shirt con le grafiche rétro, i bomber bicolor da baseball, le trucker jacket a scacchi da rodeo e gli immancabili cinque-tasche in denim, ricreati ad hoc ed invecchiati da lavaggi speciali.
A Cannes 2019 Elle Fanning ha reinterpretato l’iconico “New Look” di Dior del 1947, facendo rivivere sul red carpet il glamour della moda anni Cinquanta.
https://www.vogue.it/moda/article/cannes-2019-elle-fanning-interpreta-il-new-look-di-dior-tailleur-bar
Le prefall, collezioni di moda autunnali che precedono le sfilate, e le collezioni Autunno/Inverno 2019 di Louis Vuitton, Fendi, Chloé, Givenchy, Missoni e Chanel guardano tutte agli anni Settanta. Di sicuro tutti riporteremo indietro gli orologi indossando qualcosa di iconico. Occhiali da sole a goccia, gonne a pieghe, stivali in cuoio, cappotto color cammello, pantaloni a zampa, vestito con stampe floreali o una giacca a quadri. Accessori che ci catapulteranno per un giorno in quegli anni, pur nel marasma dei tanti trend dettati ogni anno dai fashion show.
TRADIZIONI – Ecco Manhattan Milk, un servizio di consegna a domicilio di latte fresco con un servizio di consegna farm-to-table per case, uffici e scuole. Nato per colmare il sentimento nostalgico per lo storico milkman che consegnava il latte e giornali direttamente sulla porta di casa. La bottiglia di latte freschissimo, biologico e proveniente da fattorie con allevamenti non intesivi e sostenibili della Pennsylvania, è venduto anche nei negozi fisici e sulla piattaforma di e-commerce del brand. Consegna settimanale il lunedì all’alba in tutta Manhattan non solo di latte, ma anche di uova, frutta, carne rigorosamente da contadini selezionati e certificati. Il servizio di food delivery è attivo anche a Los Angeles, San Francisco e Londra.
https://manhattanmilk.com
ARTE & CINEMA – Modern gentlemen, in bilico estetico tra ieri e domani, i cineasti, scultori, fotografi e visual artist americani David McDermott e Peter McGough sono autori di opere dal sapore esclusivamente retrò, e hanno fatto del loro stesso stile di vita un’opera d’arte, abbigliandosi e vivendo per un periodo della loro esistenza, esattamente come gentiluomini di inizio Novecento, anni Venti e Trenta. Vivono tra New York e Dublino e considerano sé stessi come dei veri “esperimenti temporali” tra passato, presente e futuro, nel tentativo di costruire un ambiente esistenziale e artistico intorno alla fantasia del secolo scorso, all’insegna del loro mantra «I’ve seen the future, and I’m not going».
http://www.mcdermottandmcgough.com/
Artista ed “eroe iconoclasta”, Riffblast realizza le sue opere con materiale di repertorio vintage: mixa icone religiose dei primi del 900 – cromolitografie, presenti in ogni casa italiana – con elementi della cultura pop, cartoni animati, marchi, oggetti di culto. I risultati estetici sono dissacranti ma non blasfemi, in grado di suscitare un sorriso sarcastico sul nostro recente passato. Una ricombinazione creativa e riflessiva sul tritatutto nostalgico che è il nostro presente.
https://www.instagram.com/riffblast/?hl=it
https://www.depop.com/riffblast/
Parlando di anni Ottanta è d’obbligo citare la serie televisiva di culto estremamente conosciuta in questo momento: Stranger Things. Giunta alla terza stagione è un vero e proprio concentrato di icone, tematiche ed estetiche di quei mitici anni. Epoca diventata serbatoio da cui il presente attinge con citazioni che rimbalzano e si amplificano, come nel caso di Chiara Ferragni che per Halloween ha sfoggiato l’outfit di Eleven, personaggio protagonista della serie. Sono davvero tanti e precisi i riferimenti culturali e allo stile di vita di quel periodo, riprodotti fedelmente in un affresco seriale che fa delle citazioni nostalgiche e delle rielaborazioni degli anni Ottanta la sua cifra stilistica distintiva: i vestiti e gli accessori (zainetto di My Little Pony indossato da Erica), le acconciature, la musica (da Madonna a Bowie ai Queen ai Joy Division), i film e i telefilm (horror, sulla Guerra Fredda, ma anche cult come Ritorno al Futuro e Magnum PI, La storia infinita), i fumetti (Wonder Woman), alcune abitudini sociali come il fumo nei ristoranti, le novità come il primo grande centro commerciale, la sala giochi con i primi videogame (PacMan, Frog) e prodotti come la New Coke (disastroso lancio del 1985 che durò pochi mesi). Piace molto ai ragazzi della Generazione Z, che oltre a godersi il gossip e gli intrighi di questa epoca-playlist, sentono lo stupore per uno stile di vita sconosciuto di cui sentono comunque l’effetto nostalgico nonostante non lo abbiano vissuto.
DESIGN & CASA – Oltre alla moda, l’altro potente attivatore del nostro immaginario collettivo è il mondo del design e dei complementi d’arredo: basta un mobile o un oggetto iconico e cult per riattualizzare atmosfere ed emozioni nostalgiche. Come non citare, a questo proposito, la Thonet N 14, la sedia in paglia di Vienna più famosa al mondo, prodotta fino al 1935, che deve la sua fortuna ad una caduta dalla Torre Eiffel, da cui uscì illesa, ed alla sua forma elegante e sobria, che ancora oggi la rende un oggetto del desiderio di ispirazione.
In chiave di recuperi e rivisitazioni, il designer svizzero Christophe Marchand, quest’anno, ha creato una versione mobile “da ufficio” o da home office, nel massimo rispetto dell’originale, della S 64 di Marcel Breuer che oggi diventa girevole, con base a razze su ruote, in alluminio lucidato e tubolare d’acciaio cromato, con il classico rivestimento in canna d’India intrecciata.
http://it.shop.thonet.de/classici/collezione-s-64-vdr?orderId=&a=526
Per chi vuole un’esperienza immersiva nel design degli anni 80 sovietici su airbnb è possibile affittare una casa a Vilnius, dove il tempo si è fermato e nel cui quartiere non a caso sono stati girati, gli esterni della serie Chernobyl, rivelazione TV dell’anno con 11 nomination agli Emmy. Linas e la fidenzata Rasa vivono nell’appartamento dei nonni di lui, dove il tempo si è letteralmente fermato e hanno deciso di condividere la possibilità di fare un viaggio nel tempo, un salto nel passato surreale ma realistico, con gli utenti di Airbnb. Arredi, suppellettili, biancheria, elettrodomestici, libri, dischi, riviste dell’epoca e anche un grattugia-patate lituano che vinse un premio per il design ed era stato esposto in una galleria. Tutto è soviet-style ma con wi-fi e qualche comfort dissimulato qua e là.
https://va.news-republic.com/a/6714687398128648710?app_id=1239&gid=6714687398128648710&impr_id=6714885891745548549&language=it&region=it&user_id=6611400693558296581&c=wa
MEDICINA – Lo sguardo al passato non solo rassicura, ma qualche volta cura e rende capaci di comprendere il presente ed affrontare il futuro.
Nella riabilitazione delle pazienti oncologiche si fa ricorso allo psycho-burlesque: un progetto di psicoterapia di gruppo mirato al recupero dell’autostima e del benessere della donna colpita da tumore, attraverso workshop esperienziali che utilizzano l’arte del burlesque, reinterpretando le dinamiche dei gruppi di autocoscienza femminista degli anni 70 e 80, riattualizzandoli a logiche contemporanee.
Il burlesque diventa un luogo dell’immaginario in cui il corpo delle donne si reinventa in libertà, fuori dagli schemi culturali e morali e dai canoni proposti dalla moda e dai media, con ironia e allegria, migliorando la percezione corporea e la qualità della vita delle pazienti, aiutando la guarigione.
http://www.burlesquenews.it/intervista-con-la-dott-ssa-luana-de-vita/
SPORT – Tributo ai mitici anni Settanta e Ottanta anche da parte del mondo del calcio: molte nuove divise delle squadre di calcio hanno un richiamo al passato, coniugato con l’innovazione dei materiali tecnici, e virano verso un’estetica vintage che richiama la gloriosa tradizione dei club (p.e. Bologna e Spezia per la stagione 2019-20)
https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Bologna/02-07-2019/bologna-quanto-sono-vintage-nuove-maglie-340536735479.shtml?refresh_ce-cp
https://www.gazzettadellaspezia.it/comunicati/item/100238-la-maglia-dello-spezia-quest-anno-e-vintage